ULTIMA - 20/1/19 - LE 8 QUALIFICATE AI QUARTI DELLA COPPA VERONA 2018-19

Si sono giocate oggi le partite della terza ed ultima giornata del 1° turno della Coppa Verona 2018-19 riservata alla formazioni di Terza categoria, denominata “Memorial Gianni Segalla”, che hanno consegnato il pass per il passaggio ai quarti di finale in programma domenica prossima. Nel Girone 1 il Lessinia vince 1 a 0 la sfida decisiva contro il Borgo San
...[leggi]

ULTIM'ORA

6/12/16
MARIO FURLAN: “LE DUE LISTE DEVONO ORA COLLABORARE”

Classe 1950, da giovane era una promessa del calcio professionistico, oggi è il Consigliere Regionale per Verona del Comitato Regionale Veneto della FIGC-LND. Parliamo di Mario Furlan, non certo un santo in campo quando era chiamato a mordere i calcagni della punta più pericolosa avversaria, ma ora nella vita di tutti i giorni persona molto pacata e gentile, con quel suo parlare soft.
 
Quand’eravamo direttori a Padova di un mensile del calcio dilettantistico di quella provincia, pubblicammo una foto di Furlan con la maglia bianco-scudata mentre marcava Salvatore Schillirò, il bomber del Vigevano che castigò nello spareggio disputatosi la domenica del 2 giugno 1972 al “Rigamonti” di Brescia il Legnago di mister Gigi Bagolina negandogli la serie C.

“Ho militato 3 stagioni in quel Padova, collezionando 140 presenze, poi, assieme al compianto Adriano Manservigi, sono passato all’Audace San Michele Extra, per 8 gettoni di presenza con i sanmichelati, che, allenati dall’ex Milan Dario Baruffi conquistava lo storico ingresso nell’allora serie C unica dei rosso e neri dei vari Carlo Meroni, “Puma” Montagnoli, Paolo Riccardi detto “Boca”, Lusente, Castellini, Giorgio Zecchini”.

Ma, prima dell’esperienza vissuta al “Silvio Appiani” di Padova, Furlan ha fatto tirocinio nel L.R. Vicenza del presidente Giussi Farina: “Nei lanieri ho vissuto alcune stagioni importanti: mister era prima Manlio Scopigno, sì, proprio lui, “il filosofo” che conquistò lo scudetto 1969-70 alla guida del Cagliari di Gigi Riva, poi, con mister Giobatta Fabbri. Erano gli anni di Pablito Rossi. Ebbene, con i bianco-rossi berici ho giocato 2 gare di Coppa Italia, contro la Sampdoria e contro il Pescara. Poi, il Padova, l’Audace, l’ingresso in banca, la D con il Legnago e la Promozione con il Cerea. Infine, 25 anni da allenatore”.

Ed ora il prestigioso incarico di Consigliere regionale per Verona della Figc-Lnd… “E’ una vittoria quella conseguita dalla lista “Passione e impegno” tracciata dal riconfermato presidente Giuseppe Ruzza, che, non lo nascondo, mi ha dato una grande gioia, ma che continuerà a darmela se riusciremo con la lista dell’amico Gianni Guardini a collaborare in maniera intelligente e costruttiva. Ci vuole armonia e sinergia di tutte le componenti della Federazione per continuare a tenere alto il nome di una regione, il Veneto, che è la più popolosa, dopo la Lombardia, dell’Italia. Guai a proseguire nel coltivare ciascuno il proprio “hortus clausus” guicciardiniano! Infatti, non va assolutamente buttato il buon lavoro svolto da Carlo Franchi in questi ultimi suoi 6 anni a Verona e nel Veneto, poi, bisogna fare tesoro della grande esperienza di Gianni Guardini come Presidente e Consigliere della Figc. Conclusosi l’agone elettorale, ora c’è solo bisogno di tanta serenità e spirito di collaborazione tra tutte le Componenti il C.R.Veneto della Figc-Lnd”.

Mario Furlan salutandoci aggiunge: "Vorrei ringraziare i delegati provinciali di Verona, il diesse dell'Alba Borgo Roma Mauro Annechini e il presidente dell'A.C. Pozzo Roberto Praga, per il grande lavoro fatto con le società della nostra provincia in questi giorni decisivi prima delle votazioni. Ringrazio inoltre tutti gli altri componenti della lista “Passione e impegno” per il grande lavoro svolto nelle altre province venete."

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1531)