ULTIMA - 21/5/19 - MARCOLINI SCARPA D'ORO, PASSARIELLO SUPER-BOMBER DI TERZA

Si sono chiusi tutti i campionati dilettantistici della nostra provincia dall’Eccellenza alla 3^ categoria che hanno laureato i nuovi capo-cannonieri dei vari gironi e la nuova scarpa d’oro 2018-19, queste tutte le classifiche finali. In Eccellenza, dove si sono giocate 32 partite, chiudono appaiati in vetta a 16 reti Mariano Mangieri del Pozzonovo ed
...[leggi]

ULTIM'ORA

16/12/16
IL PEDEMONTE FESTEGGIA IL NATALE A VILLA QUARANTA

Momenti di forte emozione alla cena natalizia del Pedemonte che si è tenuta nel prestigioso scenario di Villa Quaranta a Pescantina. Presenti tutti i dirigenti, lo staff tecnico ed i giocatori che compongono la Prima squadra biancorossa assieme all'ex presidente della Figc del Veneto Giovanni Guardini e l'ex allenatore professionista ed ora opinionista Romano Mattè.

Davanti ad un menu importante e prelibato si è poi provveduto al brindisi finale per gli auguri di Natale. Sono stati premiati, con delle targhe ricordo alcuni giocatori e dirigenti del Pedemonte che hanno dato lustro alla società della Valpolicella e le donne presenti con un omaggio floreale consegnato dal brillante segretario Agostino Callari che ha preso il microfono e con entusiasmo e ha illustrato i piani societari rivolti a far crescere i promettenti giovani del settore giovanile ribadendo l'importanza di far proseguire il calcio all'insegna della scoperta di nuovi ragazzi che vogliono portare con orgoglio il simbolo del Pedemonte affisso sulla propria maglia.

Non a caso con l'arrivo della formidabile coppia di mister Stefano Modena e Giorgia Brenzan il Pedemonte continua a ruggire, mostrando gli artigli contro le quotate avversarie. In campionato la Prima squadra, dopo 14 giornate, occupa un lusinghiero settimo posto nel girone A di Prima categoria che la mette al riparo da brutte sorprese. Ha totalizzato finora 6 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte, segnando 21 reti subendone 19.

Domenica scorsa il Pedemonte del presidente Alberto Fedrigo ha battuto 1 a 0 (con un capolavoro balistico di Ambra al 35°) l'ostico Pastrengo che stranamente, visto il potenziale della rosa gialloverde, è precipitato nei quartieri bassi della classifica. Il prossimo turno vedrà Speri e compagni cercare di sfruttare il turno casalingo contro il Parona, la capolista assoluta del girone A di Prima categoria guidato dall'esperto mister Flavio Marai che ci dice: "Il Pedemonte è sempre stato la nostra bestia nera. Non siamo mai andati bene sul loro campo. Spero che domenica le cose per la mia squadra vadano in modo diverso".

Quest'anno il Pedemonte festeggia 21 anni di vita, da quando nel 1995 un gruppo di amanti del pallone decisero di dare vita ad una nuova società, l'Asd Polisportiva Pedemonte vestita con i colori biancorossi. Da allora, grazie a tecnici validissimi ed appassionati, il Pedemonte ha valorizzato sempre di più il proprio settore giovanile, diventato nel tempo un ottima fucina per nuovi campioncini in erba della zona. Vincendo diversi titoli provinciali e numerosi tornei. Meraviglioso e ora anche illuminato il nuovo campo a sette che usa lo stesso terreno in artificiale usato dalla Juventus nel proprio centro sportivo di Vinovo.

Un grande plauso a mister Rinaldo Zantedeschi cha ha scritto negli ultimi anni una pagina di sport indimenticabile a Pedemonte, rimanendo a lungo sulla panchina dei biancorossi portandoli sempre più in alto. Sempre carismatico l'ex presidente Cecco Farina seduto assieme al grande mister veronese Romano Mattè. Un grande grazie al duro lavoro che svolgono a Pedemonte gli sponsor vini Farina e Tommasi ed altri sponsor che gravitano intorno al pianeta Pedemonte e che sostengono da sempre il calcio da queste parti con brio.

Capaci ed in prima fila i vari dirigenti Nicola Ferrari, Claudio Guardini, il segretario pimpante Agostino Callari, Renato Bittante e Carlo Gozzo. Completano lo staff tecnico del primo allenatore Stefano Modena e del suo vice Giorgia Brenzan, il mitico allenatore dei portieri Meo Vantini, il fisioterapista Alessio Garzon, il medico sportivo Simone Caia ed il guardalinee Riccardo Girelli. E' proprio vero, il Pedemonte marcia come un intercity verso la stazione finale, pardon verso la salvezza!

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1687)