ULTIMA - 20/5/19 - ANDATA PLAY-OUT DI SERIE C: LA VIRTUS VERONA BATTE IL RIMINI (1-0)

Buona la prima per la Virtus Verona di mister Gigi Fresco oggi al "Gavagnin-Nocini" contro i biancorossi del Rimini di mister Petrone. I rossoblu si sono imposti 1 a 0 ed ora sono i veronesi a contare sul doppio risultato nel match di ritorno a Rimini dove potranno vincere o pareggiare per rimanere in serie C anche nella prossima stagione.
...[leggi]

ULTIM'ORA

11/1/17
MISTER ZIVIANI SPIEGA COME E' RIUSCITO A FAR VOLARE IL “VILLA”

Mister dall’aria sempre scanzonata, Giovanni Ziviani, classe 1958: quella stessa che da seconda punta del L.R.Vicenza di G.B. Fabbri e con all’attacco di quello che venne non a torto chiamato il Real Vicenza (perché vice-campione d’Italia, alle spalle della Vecchia Signora) un certo Pablito Rossi ha toccato nella stagione 1977-78 il punto più alto della storia dei lanieri bianco e rossi.

Da quando è arrivato lui alla guida del Villabartolomea, i bianco-neri dell’estremo Adige hanno fatto altro che punti dagli zero accumulati con mister Luigi Mura, poi, avvicendato: ben 24, occupando ora come ora il 5° posto in classifica nel girone “D” della Seconda categoria. “Cosa vuoi mai? Nel calcio non esistono né segreti né ricette: i ragazzi mi ascoltano, sono ottime persone, ogni allenamento dura al massimo un’ora e un quarto, di cui 40 sono dedicati alla partitella, al divertimento in cambio di un po’ di sacrificio. Il bello per un mister è che te li trovi sempre quasi tutti al gran completo durante la settimana. Sotto le feste abbiamo lavorato tanto, ma, non chiedermi obbiettivi: quello primario è la salvezza, poi, staremo a vedere. Giochiamo e viviamo alla domenica”.

Di un certo clamore la vittoria di 2 a 4 conseguita da voialtri domenica scorsa  al “Nicola Pasetto”, casa dell’A.C. Pozzo, l'ex capolista del girone: “Eh, sì, come si dice, li abbiamo proprio asfaltati. Il terreno era ghiacciato, ma abbiamo fatto una gara straordinaria, davvero incredibile! E’ rientrato da noi Giorgio Beozzo, e si vede! L’ultimo acquisto dicembrino Andrea Pennacchioni (dal Sustinenza) ha fruttato 2 vittorie nelle 2 gare in cui ha indossato la nostra casacca”.

Che gruppo quello del Villabartolomea, Giovanni?
“E' un gruppo giovane, in cui abbiamo recentemente fatto debuttare due ragazzi non ancora maggiorenni. Ora siamo in 20-22 e abbiamo ancora da recuperare due giocatori. E, non vedo l’ora di poterlo fare”.

La squadra più forte incontrata, e il giocatore avversario che più ti ha impressionato? “Quella più quadrata è senza dubbio l’Atletico San Vito: infatti, non per niente, è in cima alla classifica. Matteo Bastianello, dell’Albaredo, è un giocatore di altra categoria, decisamente. E’ quell’elemento, alla pari di Luca Scarabello, ora al Mozzecane, e di Nicolò Piccoli, punta ex A.C. Cologna Veneta, sono capaci di farti fare la differenza”.

Un aneddoto, un ricordo del grande Pablito Rossi, classe 1956? 
“Ho giocato assieme a lui un anno soltanto, perché io l’anno successivo sono sceso a Pisa e lui andò a fare il militare nel Perugino; ma, credimi, mi è bastato poco per capire che aveva un’intelligenza calcistica fuori dalla  norma. Negli allenamenti era un giocatore normale, nulla di eccezionale, ma alla domenica dava tutto, si trasformava in una maniera impressionante. Abbiamo giocato assieme nelle amichevoli, nella gare di Coppa Italia, poi, allora, anche se eri in 14, ebbene, questi dovevano giocare tutti. Non c’era la panchina lunga e la precedenza assoluta era rivolta ai più vecchi: non c’era spazio per i giovani, se non per i “fenomeni”. E, anche se in così pochi, giocava per forza anche lo zoppo”. 

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(2155)