ULTIMA - 23/3/19 - MICHAEL DE SANTIS (ROSEGAFERRO) CREDE NELLA SALVEZZA

Domani si gioca al 26^ giornata dei campionati dilettantistici veronesi dove comincia ad infiammarsi la lotta per il titolo e per non retrocedere. In Seconda categoria quest'anno retrocederanno solo due squadre per girone quindi i play-out vedranno impegnate solo la 14^ e 15^ squadra classificata, da questo scontro uscirà la squadra che sarà
...[leggi]

ULTIM'ORA

18/1/17
CERVATO (MINERBE) BREVE STOP PER PUNTARE ALLA SECONDA

Per il portiere dell’ASD Minerbe 1934 passato dalle mani di mister Stefano “El Cina” Rossignoli a quelle di Roberto Poppi, Gianluca Cervato, classe 1990, l’anno scorso in forza al Casaleone, breve stop per poi ripartire dritto magari verso il ritorno in Seconda categoria. “Tra un po’” racconta il portiere di Porto di Legnago, club in cui ha militato per parecchi anni e in cui è cresciuto calcisticamente, “dovrei ritornare tra i pali, a giocarmi il posto con Mattia Maistrello. Ho saltato solo, fino ad ora, le 2 gare di Coppa Verona, ma mentalmente sono pronto per la galoppata finale del girone di ritorno”.

Che girone è il “B” di Terza categoria?
“Un girone equilibrato, con le prime 6 squadre che, a parte la Bonarubiana, sono tutte quasi dello stesso livello. La “Bona”, secondo me, è un gradino sopra alle altre, dotata di una forte prima linea e di un bella trama di gioco; niente male, eh, nemmeno il Bonavigo, che da 3-4 anni si sono ricompattati. Mi hanno parlato bene anche dell’Aurora Marchesino: io quella volta contro i giallo e blu però non c’ero”.

E di Merlara e Pizzoletta che ci dici? 
“Anche queste sono due belle squadre, ma sicuramente non dello stesso livello della Bonarubiana”.

Chi vincerà il “B” di Terza categoria?
“Da giocatore del Minerbe, speriamo noi. Sarà dura perché ogni gara sarà molto intensa, sarà una grande battaglia”.

Descriviti come sei in porta quando giochi?
“Tra i pali sono abbastanza sicuro; è nelle uscite e nell’accompagnare la manovra del rilancio che devo migliorare. Tifo Hellas Verona, il mio idolo è l'ex interista Julio Caesar”.

Non hai mai battuto un calcio di rigore?
“No, mai, ma se è per quello non mi reputo un portiere para-rigori. Tra l’anno scorso e quest’anno, non ne ho neutralizzati neanche uno”.
 
Il tuo sogno calcistico qual è? 
“Nella vita di tutti i giorni sono un operaio elettro-meccanico. Il calcio è il mio hobby preferito, mi piacerebbe vincere quel campionato che fino ad oggi non sono mai riuscito a conquistare. L’anno scorso, con il Casaleone, ci siamo andati vicini, arrivando lontano nei play off”.

Di chi sentiremo parlare dell’ASD Minerbe 1934 in questo girone di ritorno? “Di un giovane che ha molti margini di miglioramento e che deve trovare la cattiveria giusta: del centrocampista classe 1997 Stefano Zappolla, l’anno scorso in forza all’A.C. Oppeano. Ci può dare una mano a colorire i sogni di verde e di nero, le nostre tinte preferite”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1589)