ULTIMA - 26/3/19 - PERDE LA VITA IN MOTO IL CAPITANO DEL MERLARA CANEVAROLO

Incidente mortale ad Ospedaletto Euganeo. Ieri sera alle ore 19 circa, Matteo Canevarolo, ragazzo di 44 anni di Saletto di Borgo Veneto era in sella alla sua Ducati Monster e stava rincasando dopo una giornata di lavoro (era un odontotecnico), quando si è improvvisamente schiantato contro la fiancata destra di un furgone che stava svoltando per entrare in un
...[leggi]

ULTIM'ORA

22/1/17
GRANDE DELUSIONE PER I TANTI ASPIRANTI MISTER VERONESI

Delusione per i tanti aspiranti mister. Il corso per Allenatore Giovani Calciatori UEFA Grassroots C Licence, il primo e tanto atteso nel Veneto, si farà a  Venezia e non a Verona che da tre anni lo chiedeva fortemente. Non certo per chissà quali nascosti meriti, ma in virtù dei suoi forti numeri: maggior numero di tesserati e maggiori squadre iscritte ai campionati o tornei FIGC. Ma non solo, anche per l’elevata presenza di allenatori non patentati ai vari corsi di aggiornamento periodicamente promossi dalla Figc di Verona. L’ultimo Corso a rapido svolgimento per i Centri calcistici di base, ha visto la partecipazione ben oltre 230 persone, segno palese di una voglia di aggiornamento, di conoscenza e di responsabilità.

Elementi guida per chi vuole dedicarsi al difficile ruolo di allenatore giovanile: “I precedenti corsi di aggiornamento nominati CONI-FIGC a Verona sono partiti nell'aprile del 1999” come ci conferma Massimo Lizziero, uno dei docenti, “Dopo di allora ne abbiamo fatti altri 15, con una partecipazione media di 60 corsisti. Dal 2013, purtroppo sono stati bloccati in attesa di Allenatore Giovani Calciatori UEFA Grassroots C Licence”. Tanta, dunque, la voglia dei tecnici scaligeri di apprendere come insegnare, con le giuste nozioni e metodologie, il gioco del calcio alle giovani leve. E ciò non solo da parte degli allenatori meno esperti, ma anche di quelli più maturi.

Un successo così commentato da Barbara Zampini: "Evidentemente c’è ancora tanta voglia di imparare, conoscere e poi mettersi alla prova, prima come educatori, poi come tecnici. Il corso ha messo in moto una macchina organizzativa enorme, gestita con assoluta professionalità e dedizione dai componenti della nostra Delegazione. Un grazie speciale, inoltre, va ai due responsabili e docenti del corso, Massimo Lizziero e Francesco Tramarin".

Sulla scia di questa straordinaria partecipazione e richiesta per aver il patentino di Allenatore Giovani Calciatori UEFA Grassroots C Licence, Verona sembrava la provincia più accreditata per ospitare il debutto di questa nuova qualifica Figc che permette di operare nei settori giovanili in tutte le categorie ad esclusione dei campionati Primavera. E ha indubbiamente dei vantaggi quali l’età minima per accedervi (18 anni) e non è necessaria nessuna abilitazione ottenuta precedentemente. Il corso, però, è molto impegnativo e di qualità, ha la durata complessiva di 10 settimane, per un totale di 124 ore di lezione; più 20 ore di tirocinio (10 sedute di allenamento) e più gli arbitraggi di 5 gare delle categorie “Pulcini ed Esordienti” - approfondisce le tematiche relative al mondo del calcio giovanile, dall’insegnamento della tecnica e tattica calcistica, alla metodologia dell’allenamento, dalla psicopedagogia alla la medicina sportiva e al regolamento di giuoco. Per questo primo corso, l’ideale sarebbe stato effettuarlo in una provincia al centro del Veneto, Padova per esempio, ed aperto a tutti. Quello in programma a Venezia Insulare (peraltro non in terra ferma) sono privilegiati i solo residenti di tale provincia.

Renzo Cappelletti per www.pianeta-calcio.it









Visualizzato(2730)