ULTIMA - 24/3/19 - LA VIRTUS VERONA TRAVOLGE IL RIMINI ED E' IN ZONA SALVEZZA

Non si ferma più la serie positiva della Virtus Verona di mister Gigi Fresco che travolge 3 a 0 il Rimini allo stadio “Gavagnin-Nocini” ed è ora in zona salvezza diretta. I rossoblu virtussini giocano un ottimo primo tempo e al 4° minuto sono già in vantaggio; Palma perde palla, Giorico serve Casarotto che appoggia per Danti che in diagonale batte
...[leggi]

ULTIM'ORA

24/1/17
VENTURATO (LEGNAGO): “PARTITO IL PROGETTO GIOVANI!”

Bilancio positivo, quello finora fatto registrare dal Legnago Salus: lo dichiara l’imprenditore di Bonavigo Davide Venturato, classe 1963, vice-presidente dei “biancazzurri del Bussè” il quale afferma: “Nonostante il piccolo ridimensionamento economico, stiamo riuscendo lo stesso a fare un buon campionato. Ci mancano 3-4 punti, ma il gioco espresso dai ragazzi di mister Andrea Orecchia è di buon livello”.

Bene anche i giovani affacciatisi in serie D… “I ’98, i ’99  e qualche 2000 si stanno facendo onore e mister Andrea Orecchia li sta prendendo in seria considerazione. Già noi abbiamo una “rosa” abbastanza verde, ma, considerare che è ancora più giovane ci fa estremamente piacere e ci aiuta a intravedere un futuro ricco di soddisfazioni”.

Qual è la squadra che ha espresso il miglior gioco?
“La Triestina; che andremo a trovare domenica prossima 29 gennaio. Parlo, eh, senza aver visto la capolista Mestre; che ci ha battuti. Gli alabardati, secondo me, hanno qualcosina in più delle altre”.

Le veronesi di serie D come le vede?
“Spero di ritrovarci anche l’anno prossimo tutte e tre in questa categoria. Mi auguro che il Vigasio continui a crescere e che non vinca contro di noi. Contro la Virtus abbiamo sbagliato un rigore e ci hanno annullato un gol regolare, ma, va bene lo stesso. Il detto che tutto alla fine si bilancia vale solo quando sei arrivato alla fine della corsa, non quando sei all’inizio o a metà dell’opera”.

Il giocatore avversario che più ti ha impressionato, Davide?
“Davis Mensah, della Virtus: è sempre un giocatore che fa paura ad ogni difesa avversaria. Poi, mi è piaciuto Filippo Guccione del Vigasio: contro di noi ha giocato davvero molto bene”.

L’obbiettivo primario del Legnago Salus quest'anno?
“Noi non mettiamo limiti alla provvidenza: diciamo che da noi è iniziato quest’anno il Progetto-Giovani, al fine di farli crescere non in relazione al risultato, ma alla formazione. Siamo convinti che questa filosofia ci darà soddisfazione. Ripeto non a livello di risultati sul campo, ma sotto l’aspetto della crescita mentale, umana del giocatore prima ancora che tecnica. E, vogliamo che il nostro vivaio lanci giovani del nostro hinterland, ma, anche giovani promesse provenienti da altri club. Vogliamo costruire, far maturare, crescere il giocatore”.

Una filosofia che prima o poi ripaga… “Il giovane deve venire al Legnago Salus su questa base già consolidata costruito e non comperato e basta. Il successo vero sarà quando ci verrà riconosciuto di aver fatto crescere qualcuno e non solo l’averlo fatto giocare e basta. E’, questa filosofia, quella con cui sei cresciuto, che ti porta lontano!”.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1389)