ULTIMA - 22/3/19 - COMPOSTI I GIRONI DEL 26° TORNEO “ELIO MONTRESOR”

Si è svolto allo Stadio “Avanzi” il sorteggio dell'attesissima 26esima edizione del Torneo “Elio Montresor” alla presenza dell’Assessore allo Sport del Comune di Verona Filippo Rando, del Presidente della 5^ Circoscrizione Raimondo Dilara, del Presidente della Commissione Sport Marco Padovani e del Consigliere regionale FIGC Mario Furlan. Il Torneo,
...[leggi]

ULTIM'ORA

9/3/17
ANDREA MARTINI EUFORICO: “IL NOGARA SI E’ RICOMPATTATO!”

La netta vittoria per 4 a 0 riportata ai danni della Montebaldina domenica scorsa in riva al basso Tartaro dai “cosacchi bianco-rossi” del Nogara di mister Walter Bampa (succeduto a Claudio Sganzerla e a Simone Marocchio), ha ricreato quel clima di serenità e ha ingenerato l’autostima nei giocatori del presidente Andrea Martini: “Si è ricompattato il gruppo, sono davvero contento! Martedì sera ho visto sudare 18 giocatori su 20, con i due assenti giustificati, il bomber mantovano Cesare Borghi (autore domenica di una tripletta) che ha portato una bottiglia di effervescente Lambrusco delle sue parti, e Falchetto, che ha offerto del profumato salame, l'altro ieri sera, serata di allenamento e cena in baita, quella offerta dalla società presso gli impianti sportivi. E, non è finita qui: venerdì ci sarà un saporito risotto offerto in piazzetta da un tifoso nogarese”.

Il Nogara resta all’ultimo posto del girone "A" di Promozione, d’accordo, a 16 punti, ma ha affiancato l’Alba Borgo Roma, ed è a -2 dall’Olimpica Dossobuono. Più su, ma non per questo irraggiungibile, a 22 punti, troviamo proprio il club di Caprino travolto domenica. “E’ il gruppo il gran segreto di queste categorie: se riesci a ricrearlo, allora porti a casa il risultato. Non ho mai pensato di avere una squadra da ultimo posto e la vittoria contro la Montebaldina, nostra diretta concorrente alla salvezza, lo conferma. Abbiamo perso a Garda, ma, dai primi minuti del primo tempo eravamo già in dieci uomini, nonostante tutto abbiamo anche sciorinato del buon calcio. Ora ci aspetta uno dei finali di campionato più difficili degli ultimi anni, anche se siamo abituati – vedi due primavere scorse – ai tormentati finali di stagione”.

E, domenica salite a Grezzana contro l'Union di mister Andrea Matteoni che domenica ha vinto 3 a 0 in casa della Virtus…  “Ed è una trasferta che temiamo, per il fatto che negli ultimi tre anni contro gli “oranges” valpantenati siamo riusciti a portare via soltanto un punto. Però, confidiamo nel colpaccio, il quale ci porterebbe a -7 dalla stessa avversaria”.
 
Il calendario, poi, cosa vi assegna da qui alla fine?
“Dopo Grezzana, il San Martino-Speme in casa nostra, a Lugagnano, in casa con l'Aurora Cavalponica, trasferta in borgo Roma contro l'Alba, Polisportiva Virtus da noi e l'ultima partita in trasferta a Dossobuono. Sì, un finale di stagione al cardiopalma, non c’è che dire. Ora, l’imperativo è quello di fare due vittorie di fila! E, se andiamo in campo, con lo stesso spirito delle ultime due gare, non ce ne è per nessuno, bisogna affrontare ogni domenica come se dovessimo giocare la partita della vita, o se vuoi, fare sette finali”.

Obbiettivo-salvezza da raggiungere, quindi, a tutti i costi, senza guardare in faccia nessuno? “Il primo nostro obbiettivo è quello di evitare l’ultimo posto della retrocessione e di puntare a raggiungere un posto ai play out. Certo, per far questo, dobbiamo gravitare nei 6 punti di distacco con altri tre club!”
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1710)