ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

25/3/17
GLI AZZURRINI FANNO IL TUTTO ESAURITO AL “BERTI” DI CALDIERO

IL "BERTI" PORTA BENE. BATTUTA 3 A 2 LA GERMANIA

Una cornice di pubblico così folta non si era mai vista allo stadio “Berti” di Caldiero. Il retourn match di Italia-Germania Under 16 ha fatto registrare il record di presenze sugli spalti e lo spettacolo di emozioni e di reti (3 a 2 per l’Italia) non ha deluso chi ha voluto assistere alle probabili future promesse del nostro calcio. Divertiti soprattutto i più piccoli, i quali sono stati a casa da scuola e, accompagnati dai loro insegnanti, hanno potuto vedere da vicino una partita fra due nazionali giovanili di alto livello.

Grande anche la soddisfazione in casa Caldiero, la società che ha organizzato la kermesse, inaugurata al “Bentegodi” mercoledì scorso, quando i tedeschi hanno vinto per 1 a 4. “Già, una gran bella vetrina” ha commentato il “padrone di casa” nonché presidente dei “termali”, l’imprenditore Filippo Berti “è stato un orgoglio per noi aver ricevuto dalla FIGC il permesso di poter ospitare questo bellissimo evento, non prima però di aver compiuto un sopralluogo al campo sportivo ed aver ispezionato la validità della nostra struttura. Il Chievo ci ha dato una mano, in quanto sono stati i “giallo-blù della diga” a fare il nostro nome ai dirigenti federali. Da Roma, poi, è partito l’ok ufficiale e noi abbiamo subito inoltrato la documentazione necessaria affinché si potesse svolgere la kermesse sportiva”.

Uno stadio “Berti” così ricolmo, forse, non si è mai visto, o no?
“Così colmo, bè, direi di no. Credo che siano accorse oltre 1.300 persone, tra piccoli e grandi, tra studenti delle Scuole vicine e curiosi. Abbiamo coinvolto il Comune, le Scuole, e tutti ci avevamo dato il loro parere favorevole. Siamo stati favoriti anche dalla bella giornata di sole di quest’inizio di primavera. A me e ai miei meravigliosi, impeccabili collaboratori, premeva che si assistesse a una bella e piacevole giornata di sport e la vetrina alla fine è stata preparata nel migliore dei modi”.

Chi ti è piaciuto dei 22 atleti in campo? “Edoardo Vergani, dell’Inter, classe 2001, punta, per l’Italia di Patrizia Panico, alla sua seconda panchina. Caldiero, per l’ex calciatrice, ha rappresentato il clamoroso battesimo su una panchina della Nazionale, evento mai registrato prima per una donna”.

E, dei tedeschi chi ti ha impressionato?   
“Il loro numero 5, Kevin Vangu Bukusu, classe 2001 pure lui, giocatore dotato di grande fisico che milita nel Bayer Leverkusen”.

Un avvenimento da ripetere, o no?
“Magari, se ci fosse la possibilità, noi saremmo disposti subito”.

Ad appena due giorni dall'esordio sulla panchina della nazionale under 16, Patrizia Panico, prima donna sulla panchina di una nazionale maschile italiana, porta a casa la prima vittoria.

Tornando alla partita, finita 3 a 2 per l'Italia, gli azzurrini sono andati in vantaggio dopo un quarto d'ora di gioco con il bravissimo centrocampista classe 2001 dell'Atalanta Emmanuel Gyabuaa, bravo e veloce a ribattere in rete un tiro finito sul palo. A due minuti dalla chiusura della prima frazione arriva il raddoppio azzurro firmato dall'attaccante del Milan Riccardo Tonin, pronto a scaricare in rete dopo una grande parata del numero 1 tedesco Klein su tiro ravvicinato.

Al 10° della ripresa, è il nuovo entrato Roberto Piccoli (attaccante dell'Atalanta) che con un fulmineo contropiede porta l'Italia sul 3 a 1, grazie ad un bel diagonale incrociato che si insacca alla destra del portiere. La Germania, sempre molto combattiva, segna un gran gol su perfetto calcio di punizione di Schoenfelder (giocatore del Mainz) e al 60° minuto si porta sul 3 a 2 con un gol in mischia del bravo Bleart Dautaj, interessante attaccante dell'Hoffenheim. Buona la direzione arbitrale del Samjr Kumara di Verona e degli assistenti Stefano Faccioni e Nicola Scapini della sezione di Legnago, quarto ufficiale Marco Bodini di Verona.

Soddisfatta la C.T. Azzurra Patrizia Panico che ha fine gara ha detto: "Grande prova dei miei ragazzi che hanno riscattato la gara di mercoledì  dimostrando sul campo di essere già dei giocatori. Durante l'incontro hanno svolto alla perfezione tutto quello che gli avevo chiesto di fare. Una gara  giocata con grandissima intensità e con grande carattere, aspetto che era venuto meno mercoledì al "Bentegodi". A livello internazionale, e soprattutto con squadre come la Germania, bisogna lottare su ogni palla senza mai mollare."

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1367)