ULTIMA - 21/3/19 - SEMIFINALI DI COPPA VERONA: SAVAL "CORSARO" A GAZZOLO

Ieri sera si sono giocate le partite di andata delle semifinali della Coppa Verona 2018-19 che mette in palio, oltre al prestigioso trofeo, anche un posto nel prossimo campionato di Seconda categoria 2019-2020. Sfortunata la gara per il Gazzolo 2014 del presidente Paolo Valle che alla fine ha perso 1 a 2 in casa contro il bravo e fortunato Saval Maddalena
...[leggi]

ULTIM'ORA

29/3/17
MENEGATTI: “L’OPPEANO RIGETTA LA SPUGNA!”

Per il vice-presidente (l'altro è l'immobiliarista Luca Agnolin) dei “bianco-rossi del Piganzo”, il 45enne ex Lonigo di serie D Enrico Menegatti, l’Oppeano, nonostante la cocente sconfitta subita al “Pelaloca” domenica scorsa dal Cerea, la consegna delle armi può ancora aspettare. D’accordo, mancano soltanto 12 punti in palio, da qui alla fine del Torneo, il Team Santa Lucia Golosine, la lepre da catturare, dista 10 punti, ma, la squadra è tutt’altro che rassegnata: e lo si è notato bene, ieri sera, dalla predica di più di un’ora con cui ha intrattenuto negli spogliatoi i suoi ragazzi mister “Puma” Marco Montagnoli.

“Da come tu stesso hai potuto constatare, Noce” spiega Menegatti “noi ci crediamo ancora alla salvezza; altrimenti che senso avrebbe che “el Puma” tenesse asserragliati dentro lo spogliatoio i suoi uomini per oltre un’ora buona. Finché c’è la matematica, noi ci crediamo!”

Con il presidente, il bustocco Sergio Mustoni impegnato per lavoro in Cina, è Menegatti il primo dirigente a commentare il momento oppeanese: “Dalla parte nostra, abbiamo un calendario non proibitivo, con Caldiero in casa, Bardolino fuori, Loreo in casa e Marosticense fuori. L’avrebbe, sulla carta, sicuramente peggio del nostro il Team S.Lucia: Villafranca in casa, trasferta a Sant’Ambrogio, Caldiero in casa e 30ma a Chioggia”.

Riusciamo dal “Puma” a strappare poche parole: “Domenica scorsa nei primi dieci minuti avremmo dovuto fare la partita noi, se non avessimo mancato subito due clamorose palle-gol. Poi, non siamo più esistiti ed è per questo che ho voluto sentire uno a uno i ragazzi”.

Tornando ad Enrico  Menegatti, chiediamo chi, a suo avviso, vincerà: “Come gruppo, dico Clodiense, con tutti quei giocatori ex serie D. Come colpi e giocatori in grado di farti la differenza, allora, dico Ambrosiana. E mi riferisco ai vari Pangrazio, Avesani, Rambaldo e Vecchione”.

Qual è un giovane che sta emergendo nelle file oppeanesi?
“Pietro Princi, classe 1988, proveniente dall’Altopolesine. Mi ricorda il Nicola Berti dell’Inter, fisicamente prestante, bella falcata, buona corsa”.

La delusione e la sorpresa del girone “A” di Eccellenza?
“Il Cerea è sicuramente la delusione, mentre la sorpresa è l’Ambrosiana: non pensavo che i valpolicellesi facessero così sul serio!”

Il giocatore avversario più forte incontrato?
“Malagò, l’esperto centrocampista della Clodiense”.

Il miglior gioco del vostro girone di Eccellenza?
“Quello fatto vedere dalla Provese. E’ una squadra che sciorina un gioco molto spettacolare già da 3-4 anni a questa parte”. 

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(2224)