ULTIMA - 26/3/19 - PERDE LA VITA IN MOTO IL CAPITANO DEL MERLARA CANEVAROLO

Incidente mortale ad Ospedaletto Euganeo. Ieri sera alle ore 19 circa, Matteo Canevarolo, ragazzo di 44 anni di Saletto di Borgo Veneto era in sella alla sua Ducati Monster e stava rincasando dopo una giornata di lavoro (era un odontotecnico), quando si è improvvisamente schiantato contro la fiancata destra di un furgone che stava svoltando per entrare in un
...[leggi]

ULTIM'ORA

4/4/17
QUESTO E' IL MIGLIOR PARONA DI SEMPRE

Continua a produrre un calcio divertente ed intenso il Parona del presidente Riccardo Portoghese. Temperamento, raziocinio, credere nelle proprie possibilità e voglia continua di migliorarsi, sono questi i principali ingredienti del sodalizio bianco e verde. Lavorare sodo in allenamento e divertirsi la domenica, mettendo in campo grande entusiasmo e spirito di sacrificio, senza mai dimenticare l'appartenenza ai colori sociali, stanno regalando soddisfazioni impensate in questo finale di campionato del combattuto girone A di Prima categoria.

Il Parona, dopo la vittoria contro il fanalino di coda Gabetti Valeggio, ha già coronato un sogno. Nella sua storia calcistica non era mai arrivato a quota 47 punti in questa categoria. E questo mettendo in mostra otto talenti fuori quota inseriti ogni domenica in Prima squadra provenienti dalla pimpante formazione Juniores biancoverde ben allenata da mister Manuel Bonazzi. Qui davvero si respira il calcio a chilometri zero, senza nessun rimborso. Chi non entra nei valori del gruppo non può militare nel Parona. La domenica pomeriggio gioca esclusivamente chi fa vedere gli attributi in settimana, smanioso di entrare tra gli undici titolari in partita.

Afferma l'esperto mister Flavio Marai che da ben otto anni di fila è sulla panchina biancoverde. "Siamo lanciati verso i play off. Il Croz Zai marcia a doppia velocità ma noi vogliamo continuare a rimanere sul pezzo, senza mollare fino alla fine. Abbiamo le armi per farlo, con costanza e la massima determinazione in campo".

La vera anima del Parona e la punta Daniele Begnoni, il quale fa anche parte dello staff dirigenziale, ed è il primo innamorato della società a pochi passi da Verona. "Noi, prima di essere dei validi giocatori, siamo amici dentro e fuori dal campo. I giovani si sono inseriti alla grande nella rosa della Prima squadra. Tra fidanzate, mamme e tifosi sugli spalti, la domenica la tribuna di casa è sempre piena. Noi in campo diamo tutto sperando alla fine di arrivare molto in alto".

Mister Marai aggiunge: "I prossimi tre incontri confermeranno quanto di buono fatto finora. Il nostro scudetto è già stato conquistato, è quello di una tranquilla salvezza. I conti si fanno però solo alla fine ed io non voglio vedere cali di attenzione in campo. Nelle prossime tre partite, contro il Pastrengo in casa, Caselle fuori e Pedemonte ancora in casa nostra, voglio vedere i miei ragazzi dare tutto".

Intanto il Croz Zai del brillante tecnico Matteo Meneghetti non si ferma, domenica scorsa ha conquistato un punto importante a Peschiera e comanda con 53 punti la classifica, a 6 punti di distacco la coppia formata da San Zeno e Parona. La lotta si fa sempre più avvincente e non perde di tono. E domenica assisteremo al big match San Zeno-Croz Zai, una partita vietata ai malati di cuore. Il Parona gioca al "B.Bertani" in via della Diga contro un Pastrengo alla ricerca di punti salvezza.

Completano lo staff dirigenziale i vice presidenti Federico Realdon e Silvano Rucci, il segretario è Alberto Caccia, il direttore sportivo Davide Tommasi e il dirigente Rinaldo Pinaroli. Affiancano mister Flavio Marai, il secondo Franco Gasparini ed il massaggiatore Farneda Matteo. Un grande ringraziamento alle due cuoche ed a tutti i volontari che danno una vitale mano alla squadra biancoverde. Con umiltà ed amore per questi colori si può andare molto lontano. La vela del Parona non è mai ammainata.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1834)