ULTIMA - 23/3/19 - MICHAEL DE SANTIS (ROSEGAFERRO) CREDE NELLA SALVEZZA

Domani si gioca al 26^ giornata dei campionati dilettantistici veronesi dove comincia ad infiammarsi la lotta per il titolo e per non retrocedere. In Seconda categoria quest'anno retrocederanno solo due squadre per girone quindi i play-out vedranno impegnate solo la 14^ e 15^ squadra classificata, da questo scontro uscirà la squadra che sarà
...[leggi]

ULTIM'ORA

12/4/17
CROZ ZAI, UNA RINCORSA DURATA TRE ANNI

La Croz Zai, dunque, balza in Promozione per la sua prima volta nella storia. Un traguardo raggiunto con due giornate di anticipo e stroncando le speranze della sua più diretta concorrente, il San Zeno di mister Piergiorgio Troccoli che, in caso di vittoria si sarebbe portato a soli tre punti dai gialloblu. La sconfitta interna di domenica contro la Croz ha fatto invece retrocedere i granata al 4° posto con 47 punti, superati dal Parona (che ha pareggiato col Pastrengo) che è stato agganciato a 48 punti dal sorprendente Pedemonte, che ha vinto a Valeggio.

“Dalla 1^ categoria siamo saliti in Promozione” spiega il presidente Gianpaolo Gaspari (il vice-presidente e segretario è il mitico Lucio Franceschetti) “nell’arco di 3 anni e se consideriamo che 6 anni fa eravamo ancora in Terza categoria, bé, credo che non ci siano molte società che possano vantare questo record”.

Quand’è che avete cominciato a crederci sul serio?
“E’ un progetto, un sogno che parte già dall’anno scorso, al 2° anno di Prima categoria: lì abbiamo capito che avremmo potuto fare un ulteriore saltino. Quest’anno, poi, abbiamo sempre giocato con il massimo dell’impegno e della determinazione. Ma la nostra è una vittoria, oltre che di mister Matteo Meneghetti, dei suoi giocatori, di chi ci taglia l’erba, di chi ci prepara la cena al giovedì sera, di chi pulisce gli spogliatoi e anche di tutta quanta la società giallo e blu”.

Come si svolti i festeggiamenti per il titolo?
“Rientrati dalla vittoria nella “busa” – difficile credere di trionfare in casa sanzenate, anche perché loro erano la squadra più attrezzata del Torneo  – ci siamo tutti ritrovati nella nostra sede, a far festa, gustando un risotto speciale e bevendo fiumi di buona birra e vino frizzante”.

Ora, sotto con il titolo regionale di Prima categoria?
“Adesso, dobbiamo ritrovarci noi dirigenti e staff tecnico per vedere quanto siamo attrezzati per disputare il prossimo campionato di Promozione. E’ ovvio che combatteremo anche per la conquista dell’alloro regionale”.

Il segreto del successo crozzino?
“Il grande affiatamento dei nostri giocatori durante la settimana, dentro e fuori dal campo. Non abbiamo mai pensato, stando così le cose, di perdere l’orizzonte della conquista del titolo. Un gruppo unico, difficile da rivedere in altre società della nostra provincia. Idem lo staff tecnico, l’apparato dirigenziale e tutti quelli che ci hanno dato una mano, operando dietro le quinte”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1869)