ULTIMA - 27/5/19 - IL “BONE&BARBI’S FRIENDS 2019” IN RICORDO DI 2 AMICI

Sabato 15 giugno 2019, nei pressi del Campo Comunale "B. Guglielmi" di Lugagnano, si terrà il torneo memoriale “Bone&Barbi’s Friends 2019”, in ricordo di due grandi amici scomparsi ancora molto giovani qualche anno fa. A partire dalle ore 9.30, verranno disputate partite di calcio a 7 e, novità di quest’anno, partite di green volley 4
...[leggi]

ULTIM'ORA

14/4/17
IL VIGO S’AGGRAPPA A BOMBER CORDIOLI, EX BOYS GAZZO

Mancano pochissimi punti alla conclusione dei nostri campionati e il GSP Vigo 1944 nelle ultime giornate ha avuto un’impennata di orgoglio che mantiene in vita la fiammella della speranza di rimanere in Seconda categoria. Un’annata, in cui alla vigilia, quando i bianco-granata del presidente Raimondo De Angeli si presentarono alla stampa riconfermando mister Luis Gustavo Passera, manifestarono il desiderio di far proprio il campionato.

Ma, la stagione si rivelava più tormentata del previsto e il Torneo ha preso tutt’altra piega (si è registrato l’avvicendamento in panchina con Luciano Malaman al posto di Luis Gustavo Passera e la partenza di alcune pedine su cui si era contato fin dalla prima gara). Alla 29ma, alla ripresa del campionato nel girone “D” di Seconda categoria, il Vigo ospiterà i Boys Gazzo, una delle due grosse sorprese (l’altro è il Sustinenza) di questo raggruppamento davvero molto equilibrato.

E i bianco-granata di mister Malaman si aggrappano alle proprie forze, al proprio orgoglio e al loro ex, la punta Giacomo “Brun” Cordioli, l’anno scorso in forza al team di Maccacari. “Personalmente” commenta Giacomo “sarà una partita ancora più ricca di significato perché nei Boys Gazzo l’anno scorso ho vissuto una stagione intensa, ricca di molte soddisfazioni, per aver raggiunto una salvezza davvero importantissima. In poche società ho respirato il clima di vera famiglia che si dovrebbe avvertire nei nostri dilettanti. E sono certo che loro onoreranno fino all’ultimo la stagione, tutt’altro che sazi dell’ottimo campionato fino ad ora svolto. Di tutti i giocatori avversari che ho incontrato è proprio Capellaro quello che più mi ha stupito quest’anno: Isacco ha fatto un anno come si deve”.

Dopo i Boys Gazzo, chiuderete ad Albaredo…
“Sì, in casa di un’altra bella realtà che si è fatta onore quest’anno. Noi ci speriamo, ce la metteremo proprio tutta per cercare di salvare una stagione molto tormentata da infortuni (Marco Soave, centrocampista, si è rotto menisco e crociato, la nostra rivelazione, il marocchino Belalia, ha dovuto rientrare in patria per la morte della mamma e starà via minimo una ventina di giorni) e dalla partenza di 4-5 giocatori che mister Passera aveva riconfermato, fra i quali Cecilli andato a Mozzecane”.

26 i vostri punti, potete arrivare al massimo a 32: basteranno? “Il nostro massimo obbiettivo, a questo punto della stagione, è quello di poter partecipare ai play out e di giocarcela poi tutta. Il calendario offre uno scontro diretto per la salvezza di grandissimo interesse: Villabartolomea-Casteldazzano, poi, alla 30ma il Villa sarà a Vigasio, in casa del Real, col Casteldazzano che chiuderà in casa affrontando il Pozzo”.

Quest’anno il tuo compagno di reparto Thomas Pasti ha segnato qualche gol in meno rispetto ai 15 che ha firmato l’anno scorso ed oltre tutto in solo 16 gare… “Se è per quello anche il sottoscritto ha fatto meno gol perché il fatto di essere con una panchina molto corta ha fatto sì che mister Malaman - che è riuscito a tenere unito e sollecitato lo spogliatoio dopo l’avvicendamento con Passera, esonero che ha provocato l’emorragia di alcuni nostri titolari riconfermati - mi chiedesse di giocare davanti alla difesa e a Thomas di rientrare, e di essere quindi servito di meno”.

Non ti senti, Giacomo, di avere una gran bella responsabilità domenica 23 aprile, contro i tuoi ex Boys Gazzo, anche se la legge dell’ex di turno è sempre pronta per essere spolverata? “Mah, di sicuro è una partita che io sentirò ancora di più rispetto a quelle che normalmente da appassionato di calcio sento. In questo gioco si vince sempre in 11, mai in uno solo, e se dovrò dare un dispiacere ai miei ex compagni di Maccacari, beh, spero tanto nella loro comprensione”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1677)