ULTIMA - 19/1/19 - LA "ZONA CESARINI" ANCORA FATALE ALLA VIRTUS VERONA

Ancora una volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale dell'incontro. A decidere la sfida a favore del Monza è stata una rete di Palazzi all'83° minuto. Buono l'avvio di gara dei rossoblu veronesi che dopo una decina di minuti colpiscono la traversa con una bella conclusione di Paolo Grbac. I brianzoli
...[leggi]

ULTIM'ORA

18/4/17
ALESSANDRO ZONZIN, IL “RAPPRESENTATIVO” DEL CEREA

Classe 1998, centrocampista davanti alla difesa, Alessandro Zonzin di Cherubine di Cerea ha fatto parte quest’anno della Rappresentativa Veneta nel Torneo delle Regioni: “Siamo arrivati secondi nel nostro girone, eravano guidati da mister Andrea Basso, e con i veronesi Marco Marchesini (1999) del Sona, Babacar (1998) della Belfiorese e Lorenzo Lonardi (1999) dell’Ambrosiana. Sognavo di arrivare più lontano con il Veneto, ma, sarà per un altro anno”.

Ora c’è il Cerea ritornato a mister Emanuele Pennacchioni…
"Sì, un solo punto ci separa dalla matematica permanenza in Eccellenza ed abbiamo 180 minuti per tagliare questo traguardo. Quello che sta per  concludersi è stato un anno travagliato per il “Piccolo Toro”, costellato da infortuni, squalifiche e dal doppio cambio dell’allenatore. Domenica prossima giochiamo in casa del già retrocesso Thermal Teolo, poi, all'ultima giornata siamo di scena al nostro “Pelaloca”, contro il Pozzonovo: queste le ultime nostre due tappe, dalle quali dobbiamo ricavare almeno un punto a tutti i costi”.

Hai dato i primi calci al pallone dove?
“Nei Pulcini del Cherubine di Cerea, il mio paese. Poi, sono passato alla Sampietrina – società di solo settore giovanile di San Pietro di Legnago -, quindi, i Giovanissimi Regionali nel Legnago, e poi sempre nel Cerea, con la cui maglia sto disputando il 2° campionato di Eccellenza”.

La tua “fede” calcistica e il tuo idolo?
“Tifo l'Hellas Verona, ma il mio giocatore preferito è sempre stato Andrea Pirlo. Ho anche una simpatia per l’Inter, ma prima viene sempre l'Hellas Verona”.

Cosa ti aspetti in futuro dal calcio?
“Ma, io ce la metterò tutta per provare la carriera di calciatore, cercherò di far bene. Altrimenti, cercherò un’occupazione nel campo della gastronomia, in cui mi sono specializzato”.

Quale squadra ti è piaciuta di più come gioco quest’anno?
“Come gioco, mi sono piaciute l’Ambrosiana e la Clodiense Chioggia. Ma, potrebbe essere l’anno dei rosso e neri della Valpolicella, anche se, i soli due punti di vantaggio sui lagunari terranno col fiato sospeso entrambe le sfidanti fino all’ultima giornata del nostro girone di Eccellenza”.

Il giocatore ceretano di belle speranze? E quello avversario che più ti ha impressionato? “Dei nostri dico Joseph El Qorichy. Ragazzi classe 1997 che ha grosse qualità e che può arrivare lontano nel calcio. Il giocatore avversario che più mi è piaciuto è Nicolò Pangrazio dell’Ambrosiana: il rossonero ha davvero un passo in più rispetto agli altri”.

Hai sostenuto qualche provino in gioventù?
“Sì, ho provato cinque volte per l’Hellas Verona, quando ero ancora Esordiente nella Sampietrina. Ma, poi, purtroppo non si è fatto nulla”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1681)