ULTIMA - 15/1/19 - LA VIRTUS VERONA INGAGGIA LA PUNTA ANGELO RAFFAELE NOLÉ

Prosegue la campagna di rafforzamento della Virtus Verona. Nella giornata di ieri è stato perfezionato l'ingaggio dell'attaccante Angelo Raffaele Nolé, classe 1984 nei giorni scorsi svincolato dalla Pro Piacenza. Nolé, che ieri ha sostenuto il primo allenamento agli ordini di mister Gigi Fresco, vestirà la casacca rossoblu numero 31 e sarà
...[leggi]

ULTIM'ORA

4/5/17
UNA SETTIMANA DA URLO PER IL VALGATARA DI CORAZZOLI

Una settimana da urlo, il Valgatara c'è la fatta. In un solo colpo l'altro mercoledì ha avuto ragione dei trevigiani del Vittorio Veneto Falmec dopo i rigori, aggiudicandosi per la prima volta nella sua storia l'ambito trofeo Veneto di categoria. Domenica scorsa, sul difficile terreno di Lugagnano, ha conquistato la salvezza battendo 1 a 0 i ragazzi di mister Luca Mancini grazie ad una prodezza di Carlo Aldrighetti. Il Valgatara ha terminato la stagione al 9° posto con 36 punti, frutto di 8 vittorie, 12 pareggi e 10 sconfitte, con 49 reti fatte e 51 subite.

E' felice il mister Armando Corazzoli, che grazie anche al suo staff, composto anche dal figlio Francesco, che ha fatto in maniera ottima la sua parte assieme agli altri collaboratori, ha raggiunto l'obiettivo voluto dalla società ad inizio stagione, la salvezza. Un sogno, poi tramutato in una raggiante realtà, è stato quello di poter alzare al cielo il trofeo Veneto in una fredda e piovosa serata a Casalserugo nel padovano, occasione che non capita spesso. "Due risultati - dice Corazzoli - che mi riempiono il cuore di profonda gioia. Tutti abbiamo fatto la nostra parte, credendoci sempre con entusiasmo. I ragazzi si sono comportati da persone innamorate di questi colori, soffrendo e non perdendo mai lo smalto dei tempi migliori, anche quando i risultati erano poco confortanti. Ma alla fine ci siamo tolti dagli impicci vincendo a Lugagnano. Venivamo dalla fatica della gara vinta a Casalserugo, ma gli umori ed il temperamento erano ai massimi livelli. Bisognava solo ritrovare la concentrazione in vista dell'impegno di Lugagnano. Direi che il traguardo è stato raggiunto".

Non sa ancora come sarà il suo futuro. Armando ha conosciuto una società, quella guidata dal presidente Paolo Megarese, abituata a fare le cose con tranquillità, programmandole al meglio con calma. L'ossatura formata da vari giocatori partiti dal settore giovanile di Valgatara ed arrivati fino alla Promozione è rimasta imperterrita. Qui si è abituati a lottare, sudare e non vivere troppo di ricordi. In paese si conoscono tutti e l'aria sana della Valpolicella fa il resto. Sani valori, unità e che alla domenica vinca il migliore, dando però tutto in campo senza risparmiarsi. Questo è il “Valga”, una squadra decisa e senza fronzoli: "Sono abituato - continua Corazzoli - a fare le mie scelte anno per anno con pacatezza. Mi sono trovato benissimo al Valgatara e quando sarà il momento ci siederemo intorno ad un tavolo per decidere assieme se proseguire assieme o meno. Una stagione come questa, a volte tribulata per defezioni ed infortuni vari, mi ha arricchito e fortificato. Ora però è venuto il momento di staccare la spina e di ricaricare le batterie. Colgo l'occasione per ringraziare tutti quanti, nessuno escluso. Le emozioni che ho assaporato quest'anno sono state tante ed immense. Che gioia essere bagnato come un pulcino a Casalserugo dopo la conquista del trofeo Veneto, oppure ricevere le parole chiare ed ottimistiche da parte di chi regge le fila a Valgatara, confortandomi sempre e rispettoso del mio lavoro in allenamento".

Una carriera, quella di mister Corazzoli, maturata in diverse società. Come dimenticare la prima stagione 1997-98 all'Arbizzano in Prima categoria, e i poderosi anni passati nell'amato Cadidavid vincendo il campionato di Prima categoria conquistando la promozione. Tre anni da non dimenticare in Promozione prima dell'ultima stagione nel 2002-2003 di nuovo in Prima categoria. Poi la conquista della Promozione con l'Alba Borgo Roma e le parentesi nello Zevio ed a Vigasio in Eccellenza prima di ritornare per un altro biennio a Cadidavid. Dopo un anno sabbatico, Armando è stato attirato dal progetto lanciato dal Valgatara del patron Marco Ferrari ed ha ridato fiato alle polveri, portando in salvo i blaugrana. "Abbiamo lavorato molto, rafforzando il carattere della squadra e riordinando le idee. Spesso in campo ci siamo riusciti, a volte no. Ma il gruppo è cresciuto in maniera esponenziale con umiltà, concretezza e voglia di ritagliarsi i giusti spazi in questa categoria. I giovani si sono ben amalgamati con i veterani e si sono aiutati a vicenda. Ora bisogna pensare, dopo le ferie estive, al proseguo del nostro cammino. Gli ingredienti ci sono tutti, vanno solo essere sapientemente amalgamati. Forza Valga! "

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1783)