ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

13/5/17
FORZA PARONA, ARRIVANO I PLAY OFF CONTRO IL SAN ZENO

Comunque vada sarà un successo, il Parona ha giocato uno straordinario campionato conquistando il secondo posto dietro la capolista Croz Zai che vinto con merito il girone A di Prima categoria. 51 punti, otto in meno dei gialloblu di mister Meneghetti, con 14 vittorie, 9 pareggi e 7 sconfitte testimoniano il rullino di marcia della compagine del simpatico presidente Riccardo Portoghese, mai paga ed attenta a ribaltare il più possibile verso l'alto, il proprio cammino. Un secondo posto in Prima mai raggiunto, un vero e proprio traguardo storico che dimostra come la politica societaria che si respira a Parona, va veramente molto forte. Nessun rimborso ed un gruppo di ragazzi amici innamorati della maglia. Un nutrito numero di giovani, ben otto, inseriti quest'anno dalla formazione juniores allenata magistralmente dal tecnico emergente Manuel Bonazzi, impiegati stabilmente in Prima squadra agli ordine dell'esperto allenatore Flavio Marai.

Afferma Marai: "Non posso dire che non sono soddisfatto dei miei ragazzi. Hanno dato molto, si sono impegnati e sono arrivati nell'olimpo dell'alta classifica. Per una formazione partita con l'obiettivo di salvarsi, per il sottoscritto e la società, è qualcosa di incredibile". Non posta però l'attenzione sui play off di categoria che iniziano proprio domani a partire dalle ore 16,30, quando sul terreno di casa a Parona arriverà il piccolo toro del presidente Casale. "Affronteremo domani il San Zeno senza nessun timore reverenziale, decisi a fare nostra la prima partita. Una gara che si risolve in 90 minuti ad alta intensità, mettendo sul piatto un carico di energia illimitato. Noi scenderemo in campo intensi e tranquilli, abbiamo disputato un campionato importante dove abbiamo messo in atto tutte le nostre splendide doti. E domani che vinca il migliore".

Dello stesso parere, il centrocampista classe 1986 Davide Vinco attualmente fuori per un infortunio ed alle prese con la riabilitazione, ha un ginocchio ballerino che sta curando: "Contro il San Zeno sarà una sfida aperta, senza nessun pronostico, la tripla è d'obbligo. Due squadre che hanno dato filo da torcere alla capolista Croz Zai, ex mia squadra, e che arrivano domani a scontrarsi caparbie come non mai. Sono certo che il pubblico che verrà a vederci si divertirà, senza dubbio, metto la firma da adesso. Siamo completamente soddisfatti del campionato fatto. Una volta ottenuta la salvezza matematica ci siamo ingolositi, come era giusto, ed abbiamo intrapreso un nuovo percorso. Adesso affrontiamo il San Zeno, ce la giocheremo a viso aperto, è un avversario ostico e loro hanno il capocannoniere del girone. Noi si abbiamo una rosa amplia ma ci manca il faro Daniele Begnoni fuori per squalifica. I ragazzi entreranno in campo galvanizzati e lucidi, possono fare una nuova impresa. Calma e serenità e tantissima grinta le nostre carte. Vorrei vedere gli spalti del campo di Parona gremiti, i nostri tifosi ci possono dare maggiore carica".

Una carriera quella di Davide passata prima di approdare al Parona due anni fa, nelle file del Croz Zai, poi ad Arbizzano dove in sei anni ha conquistato il doppio salto dalla Seconda fino alla Promozione, a Gargagnago un anno e 23 presenze in Prima sempre con l'Arbizzano. Che direzione prenderà il vento in questi play? Non è dato a saperlo. Di certo il Parona non ama scherzare mai, proverà a tutti costi a battere il San Zeno, società gloriosa che ha fatto la storia nei nostri dilettanti veronesi. Al momento i giocatori del Parona sorridono contenti, in fondo ai play off arrivano senza niente da perdere. Domani sera sapremo la sentenza.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1406)