ULTIMA - 18/2/19 - GRANDE GESTO DI FAIR PLAY DEL SAVAL MADDALENA

Grande gesto di fair play, che difficilmente si vede nei campi di calcio dilettantistici, quello accaduto ieri prima della gara fra la capolista Pieve San Floriano e il Saval Maddalena del presidente Flavio Massaro, squadra in piena lotta per una poltrona play-off nel girone A di Terza categoria. I biancazzurri locali avevano in distinta ben tre giocatori
...[leggi]

ULTIM'ORA

5/6/17
29° CITTÀ DI VERONA, VINCE LA VIRTUS NEL SEGNO DELLA CONTINUITÀ

E’ stato un successo annunciato e se l'è meritato, il Città di Verona, che ha conquistato ancora una volta lo stadio Bentegodi, un teatro degno per questo torneo. Un'invasione pacifica e festosa che ha fortemente confermato, ancora una volta, che il calcio giovanile è la faccia pulita e sincera  del gioco del calcio, un aspetto da difendere e che chiede maggiore spazio e attenzione. Particolari che il Città di Verona ha sempre inseguito e difeso negli anni. E’ stato un assedio pacifico ed educato, quella dei circa centocinquanta soldatini che per un pomeriggio hanno calcato il prato dello stadio cittadino sotto lo sguardo attento e caloroso di genitori e parenti. Un tempio prestigioso, lo stadio Bentegodi, per valorizzare ancor di più questo evento che ha aggiunto altre pagine al suo prezioso volume. I campioncini in erba hanno vissuto una giornata che non scorderanno mai. Qui, sul verde e immenso rettangolo di gioco, hanno diviso perle di sudore, fatica e lacrime per non aver centrato l’obiettivo, ma anche momenti di gloria per il trofeo  conquistato, momenti intensi che hanno diviso con i compagni di squadra. Tutto questo sempre con estrema cordialità, stile e fair play, quest’ultimo aspetto particolarmente ribattuto dall’organizzazione.

Un giornata di festa, dunque, la finale del 29° Città di Verona, il cui cammino ha visto al nastro di partenza ben 41 squadre di Esordienti 2004-2005. E non poteva che essere tale, perché ancora una volta questo delizioso torneo non ha deluso le aspettative, anzi ha confermato tutta la sua genuina bontà. Un appuntamento sempre molto seguito e atteso che, quando per due stagioni non è stato realizzato, se n’è sentita molto la mancanza. Perché il Città di Verona ha una sua particolare e indiscussa attrattiva. Quello di essere aperto a tutte le squadre cittadine e di provincia che vogliono iscriversi, che siano società blasonate o meno decorate. Un ideale abbraccio e confronto tra nord e sud e fra est e ovest. Questo torneo è un bene comune, da difendere e non contestare per futili motivi, come accaduto nell’edizione scorsa. Una critica pesante e inutile che ha rischiato di bloccare il suo futuro cammino.

La storia: Il Città di Verona è nato nel 1986 grazie a Fernando Maraia, presidente dei Veterani Sportivi Veronesi, con la disponibilità dell’allora assessore allo Sport di Verona, Graziano Rugiadi. Una partenza ricca di tanta disponibilità e fantasia, con quattro società in campo. Negli anni successivi aumentarono sia le partecipazioni che l’interesse per questo bellissimo avvenimento. Subì tre anni d’arresto, ma poi fu ripreso nel 2003, una svolta decisiva e di qualità. Ai Veterani del presidente Gian Luigi Tisato, che aveva raccolto l’eredità di Maraia, si unì un gruppo di dirigenti della Virtus Vecomp capitanata dall’attivo diesse rossoblu Adriano Zuppini. Da allora il Città di Verona ha iniziato un percorso prestigioso e di qualità, perché ben gestito e ottimamente organizzato. E’ inoltre notevolmente aumentata, nel corso degli anni, anche la partecipazione fino a toccare il record di 41 società presenti in questa ultima 29^ tappa. Ha suscitato notevole interesse anche da parte della Figc di Verona che lo ha inserito nelle sue principali attività. Un concreto aiuto è arrivato anche dall'AIA che per le semifinali e finali ha messo a disposizione le terne arbitrali. Tutti elementi che hanno contribuito a realizzare un obiettivo, la finale allo stadio Bentegodi.

Prima della finale, c'è stato l’interessante confronto tra le due selezioni, Est conto Ovest, composte da i migliori giocatori delle società non sono arrivate in finale. Ecco tutti i ragazzi presenti.

Selezione Ovest: Torloccio (Cadidavid), D’Urso (Pescantina), Vignola (Avesa), Bonizzato (Valpolicella), Porta (Arbizzano), Zecchinelli (Cadore), Indricean (Castelnuovo), Agostini (Alba Borgo Roma), Bona (Cavaion), Zoccatelli (Garda), Germano (Sona), Cereser (La Vetta), Righetti (Paluani Life), Pietropoli (Lugagnano), Tommaso Mettifogo (Olimpia P.C), Negri (Team S.Lucia Golosine), Bruno (San Zeno), Minzat (Pol.Virtus). All. Mattia Bragantini

Selezione Est: Zorzi (Montorio), Michele (Pozzo), Lenti (Audace), Pellizzari (Albaronco), Castellan (Gazzolo), Confente (San Giovanni Ilarione), Barbieri (Provese), Rossignoli (Casteldazzano), Mousbir (Intrepida), Colombari (Tregnago), Moio (Junior Oppeanese), Conti (San Martino Speme), Leaso (San Giovanni Lupatoto), Mastella (Borgo Soave), Bernamonte (Legnago), Barozzo (Pro Sambo), Sguazzardo (Vigasio), Piccoli (Zevio), De Nicolò (Unionbest), Manzati (Pozzo). Allenatori Walter Curti e Mirko Pizzini
Arbitro: Nicolò Fianco
Reti: Barbieri (Est), Germano (Ovest), Moio (Est), Castellan (Est).

Raccolta fondi: Prima della finale sono state raccolte le offerte consegnate dalle società partecipanti e che saranno destinate per Amatrice. Iniziativa che proseguirà anche nella giornata di sabato 17, al campo Gavagin–Nocini, quando si disputeranno due belle sfide. La  prima tra la rappresentativa Est  contro la vincente del torneo Gaiardoni (Esordienti); infine la supercoppa fra vincente del Città di Verona e la vincente del Città di Vicenza (Esordienti), partita dedicata a Fabrizio Granzarolo.

Finale per il 3° e 4° posto: Gara piacevole sin dalle prime battute quella fra il Real Grezzana Lugo e il Cerea, che ha visto passare in vantaggio dopo un solo minuto il Cerea con Rossetti. La gara è combattuta e il Real GrezzanaLugo al quarto d'ora perviene al pareggio con En Haanai. Nel secondo tempo arriva però il raddoppio per il Cerea ancora con Rossetti. Nel terzo tempo le squadre danno tutto ma il risultato, nonostante le parecchie occasioni costruite da entrambe le squadre, non si schioda e il Cerea vince 2 a 1 ottenendo il 3° posto finale.

Real Grezzana Lugo: Abedi ,Massella, Migaldi, Zanella, Bertagnoli, Orlandi, Mitran, En Naanai, Tacchella, Trevisan, Brunelli, Grandi, Menegolli, Orfeini, Pigozzi, Pinna, Rusinek. Allenatori Marco Scala e Carlo Vecchi.
Cerea: Zocco, Brentaro, Buttarello, Abayba, Perazzani, Schiesaro, Morandi, Mambrin, Rossetti, Rampo, Bettili, Marangoni, Grigoli, Lovato. Allenatore Massimo Malvezzi.
Arbitro: Nicolò Fianco
Reti: 1’ pt Rossetti (C), 14’ pt En Naanai (Real), 10' st Rossetti (C)

Finalissima per il 1° e 2° posto: Villafranca e Polisportiva Virtus si trovano ancora una volta una di fronte all’altra, come nell’ultima edizione che sorrise alla squadra cittadina di Borgo Venezia per 2 a 1. Sconfitta arrivata all'ultimo minuto e presa male dal Villafranca che non si presentò alle premiazioni finali. Primo tempo equilibrato con una traversa colpita da Mancusi (Villafranca). Nella ripresa la Pol.Virtus passa in vantaggio con un gran bolide di Odogwu, fratello dell'ex Virtus e Arzignano Raphael. Nel terzo tempo arriva la splendida doppietta di Orlandi che chiude la gara e assicura alla Virtus il 15^ trofeo Fernando Maraia. Prima della gara è stato osservato un minuto di raccoglimento per Khadim Ndjaye, giocatore del Villafranca scomparso tragicamente alcuni giorni fa.

Questi i giocatori scesi in campo nei tre tempi di gara.
Pol. Virtus: Canevaro, Franchetti, Toffali, Guerra, Castellani, Rigo, Cisamolo, Fanini, Franzoni, Pagani, Orlandi, Maggio, Castioni, Cipriani, Odogwu, Ballani, Miglioranzi, Dosso. All. Roberto Avogaro
Villafranca: Martari,Tecchio, Montresor, Mancusi, Pasquetto, Dal Ben, Aloisi, Morocutti, Chieppe, Guzzo, Pascasi, Pini, Zanetti, Ciappini, Palaia, Maragnolli, De Bianchi, Daniele. All. Federico Moretto.
Arbitro: Antonio Perrone (ass. Bozzolan Nicolai e Nicolo Fianco)
Reti: 15’ secondo tempo Odogwu (V), 10’ e 20’ terzo tempo Orlandi (V)

Premi individuali: Consegnati ai giocatori Marco Menegalli (Real Grezzana), Diego Rossetti (Cerea), Riccardo Dal Ben (Villafranca), Tommaso Fanini e Michelangelo Castellani (Pol.Virtus), Lorenzo D’Urso (Ovest), Marco Rossignoli (Est), Francesco Barozzo (Est). Premiati anche l’allenatore Frinzi Giovanni (Casteldazzano) e Giovanni Scartezzini (osservatore Hellas Verona).

ALBO D’ORO: 1986 Speme (1986),Crazy Verona (1987), Pol.Fraternità (1988), Alba B.Roma (1989), Sambonifacese (1990), Sommacampagna (1991), Virtus B.go Venezia (1992), Crazy Verona ( 1993), Villafontana (1994), Crazy Colombo (1995), Uteco Speme (1996), Arbizzano (1997), San Zeno (1998), San Zeno (1999). 2000-2001-2002 sospeso. Virtus Vecomp (2003), Belfiorese (2004), Ares (2005 Esordienti) ,Crazy Colombo (2005 Giovanissimi), Caselle (2006), Virtus Vecomp (2007), Virtus Vecomp (2008), Castelnuovosandrà (2009) ,Castelnuovosandrà (2010), Bovolone (2011), Legnago Salus (2012), Virtus Vecomp (2013), Golosine 2013 (2014), Virtus Vecomp (2015), Pol.Virtus (2016), Pol.Virtus (2017).

Renzo Cappelletti per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1516)