ULTIMA - 18/5/19 - FINALI PER IL TITOLO REGIONALE. DOMANI 3 VERONESI IN CAMPO

Domani, domenica 19 maggio si giocheranno anche le semifinali per il titolo regionale del Campionato di 1^ Categoria 2018-19. In gara secca ad eliminazione diretta il Calcio Marcon affonterà il Bassano 1903 mentre lo Scardovari ospiterà il Montorio al campo di Scardovari di Porto Tolle (Ro) in viale Repubblica. Il Montorio di mister Marco Burato nei quarti
...[leggi]

ULTIM'ORA

24/7/17
DORIANO FAZION, NON SI PUÒ DIMENTICARE...

Date a Cesare quel che è di Cesare, diceva Gesù Cristo; e a Doriano Fazion quel che gli spetta, aggiungiamo noi. Innanzitutto il rispetto; perché chi guida per ben 17 anni una società come il Cerea, coinvolgendo tutta la famiglia, praticamente a tempo pieno, merita innanzitutto rispetto, ma anche gratitudine. Purtroppo la gente sembra dimenticare in fretta il bene fatto, addirittura criticandone le scelte e le decisioni, anche in occasione della presentazione ufficiale dell'Atletico Città di Cerea, avvenuta mercoledì 5 luglio nella sala conferenze dell'Area Expo. La cosa non ha certo fatto piacere, né alla famiglia Fazion, né a chi ha potuto apprezzare da vicino, quanto tempo e passione essa, abbia dedicato alla causa del Cerea, a partire da Luca Moretto, forse il giocatore simbolo, dell'ultimo ventennio del Piccolo Toro. 

"Arrivai al Cerea, acquistato dall'Este, in stampelle e appena operato al crociato - ricorda Luca -; fu un trasferimento oneroso per la società, ma Doriano Fazion seppe aspettarmi, sostenendomi moralmente, anche l'anno successivo, quando faticavo a rientrare in condizione e segnai appena tre reti, poche per le aspettative della società. Poi, grazie al calore umano e alla passione trasmessami dalla famiglia Fazion, li ripagai negli anni successivi, a suon di gol, portando, assieme ai compagni, il Cerea ai massimi livelli, guadagnando la serie D che mancava da mezzo secolo. In seguito ricevetti tante chiamate da società ambiziose, ma volli in qualche modo ripagare il bene ricevuto, rimanendo nella grande famiglia del Cerea. Credo che nessun giocatore passato dal Cerea, possa lamentarsi di quanto ricevuto dalla società stessa. Ricordo che in D, si partiva per le trasferte il sabato e la domenica mattina si andava a Messa tutti assieme".

Cosa ha nuociuto al Presidente granata, secondo te?
"Doriano Fazion è stato un Presidente autorevole, che prendeva da solo le decisioni importanti; ma ha lasciato sempre ampio spazio ai suoi collaboratori. Forse in quest'ultima stagione qualcuno ha tradito la sua fiducia, ma ripeto, per quanto riguarda noi giocatori, nessuno potrà mai lamentarsi del suo operato, anzi, qualcuno rimpiange gli anni passati a Cerea".

Abbiamo voluto sentire anche il parere di chi ha collaborato spalla a spalla con la famiglia Fazion, Monica Robbi, segretaria per ben 12 anni del Cerea Calcio: "Varcare l'ingresso del Pelaloca era sempre un’emozione; tutti i pomeriggi i campi brulicavano di ragazzini di tutte le età, e di genitori e nonni, indaffarati a seguire il loro piccoli campioni, sì, così li voglio chiamare; perché tutti loro hanno avuto dei sogni, com'è giusto che sia a quell'età. Un giorno un ragazzino entra in ufficio e mi dice che è stato convocato per un provino all'Hellas Verona; quando parlava gli si illuminavano gli occhi. Quando vincevano coppe o trofei, venivano orgogliosi a mostrarmele. L'11 giugno del 2013, i ragazzi del 2002 varcavano lo stadio Meazza, per rappresentare il Veneto nelle finali Nazionali di categoria, per non parlare della Prima squadra in D nella stagione 2011-12, grande lustro per il paese, ma ahimè, qualcuno l'ha già dimenticato. Non sempre è stato facile, non sempre si riusciva a capire le scelte e ci si domandava perché, ma per la famiglia Fazion, il calcio faceva parte di essa. Provate a pensare quante famiglie si sono conosciute, quante amicizie sono nate, quante pranzi e cene sono stati organizzati per sostenere questi ragazzi. Succedeva che nelle fredde sere d'inverno, qualcuno di essi veniva a sedersi in ufficio, mentre aspettava i genitori; e mi raccontava i suoi stati d'animo, le sue paure, oppure mi faceva vedere le scarpe nuove portate in dono da Santa Lucia. Porterò sempre nel cuore il ricordo di quegli anni: la società Cerea era fatta anche di questo, e Doriano Fazion lo sapeva bene, perché era la parte più vera e sincera del calcio. Grazie mio Presidente!"

Da ultimo, ma non da ultimo in ordine d’importanza, ecco la testimonianza di Emanuele Pennacchioni, che a Cerea ha ricoperto il doppio ruolo di giocatore prima ed allenatore poi: “Ho chiuso la carriera di giocatore vestendo la maglia del piccolo toro, ed ho imparato ad apprezzare da subito la famiglia Fazion; una famiglia speciale, che vive il calcio in modo passionale, che si affeziona tantissimo ai propri giocatori, tanto da dispiacersene quando i rapporti s’interrompono, anche se nel calcio è del tutto normale. Quando Luca Moretto afferma che nessun giocatore passato dal Cerea, potrà mai lamentarsi di ciò che ha avuto, o di come è stato trattato, non è una frase fatta, ma la semplice realtà”.

Emanuele Pennacchioni è tornato poi in veste di allenatore: “Doriano Fazion mi affidò la Juniores, quindi passai a fare il vice di mister Roberto Maschi per un paio d’anni; il terzo anno le cose non andavano per il verso giusto, ed allora il Presidente mi affidò la squadra in prima persona. Quest’anno le cose non sono andate come speravamo; il Presidente ha dato peso a chi gli sussurrava ingiustamente alle spalle, e venni esonerato”.

Ma poi ci ripensò, quindi una bella soddisfazione?
“Beh, sicuramente! Già quando ci siamo lasciati, nessuno di noi ha sbattuto la porta; non ce n’era motivo, anche se non lo ritenevo giusto. Poi ci richiamò, ed il Cerea ha faticosamente raggiunto la salvezza. Avercene di Presidenti così! Qualcun altro dovrebbe dimettersi, non uno come lui che ama il calcio e la sua squadra al pari della famiglia. Quello che ognuno di noi, passato dal Cerea, ha avuto dal Presidente Doriano, dalla moglie Antonella e dal figlio Red, non lo potrà mai dimenticare; speriamo che ci ripensino, e che tornino a “fare calcio”, come solo loro sanno fare!

Antonio Dal Molin per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(2585)