ULTIMA - 25/4/19 - RISULTATI DELLA 33^ GIORNATA DI ECCELLENZA: VIGASIO IN SERIE D

Si sono giocate oggi le partite dell'anticipo della 16^ giornata di ritorno del campionato di Eccellenza che hanno visto il Vigasio di mister Mario Colantoni vincere 1 a 0 nel suo stadio "Umberto Capone" contro il Caldiero di mister Cristian Soave grazie al gol di Bovi al 12° minuto. I biancazzurri del presidente Cristian Zaffani
...[leggi]

ULTIM'ORA

13/8/17
MISTER DORIANO PIGATTO (ARES) LASCIA IL CALCIO

Ha deciso di lasciare il calcio, come allenatore, Doriano Pigatto. Stare ed allenare l'Ares calcio gli ha riempito il cuore, era per lui come una seconda famiglia da godersi con calma ogni settimana. Un gruppo di ragazzi splendidi che sono diventati, nelle fatezze e nello spirito, grandi uomini. Che hanno portato, assieme a Doriano, l'entusiasmo che solo una piccola ma laboriosa società sa regalare. Doriano aveva già deciso, ed ora lo conferma. Si fa da parte, l'età della maestria e delle decisioni ferme lo hanno invitato a salutare, con tantissimi abbracci e vigorose strette di mano, a lasciare il calcio.

"Se devo essere sincero, già al termine della stagione agonistica di due anni fa, sempre con il mio Ares, avevo deciso di chiudere con il calcio, ma i miei ragazzi splendidi mi avevano quasi obbligato a formulare un nuovo sì, mi hanno convinto e sono ripartito. Ma adesso ho deciso, mi fermo. Il calcio mi ha regalato tantissime soddisfazioni, mi sono costantemente aggiornato, ho formato, dal punto di vista umano e tecnico, molti ragazzi, evidenziando l'importanza di credere nei valori che solo il calcio ti sa dare. Abbiamo lottato assieme, abbiamo pianto, abbiamo gioito, abbiamo vinto e perso, ma non abbiamo mai perso l'essenza dell'amicizia, fuori e dentro il terreno di gioco. Abbiamo sempre creduto nelle nostre potenzialità mostrandole la domenica in partita, confrontandoci sempre contro l'avversario diretto con la voglia di provare a batterlo".

Aveva un piccolo sogno, iniziato sei anni fa, il nostro Doriano. Fare quadrato e gruppo, facendo crescere una banda di ragazzi impetuosi che avevano sono bisogno di essere messi in riga. Con l'Ares il sogno è diventato realtà. Una carriera prima da valido giocatore e poi da quotato allenatore, finita calciando un pallone a 49 anni in Terza categoria con l'allora polisportiva San Michele: "Nel 1988 ho iniziato ad allenare con la Pol. San Michele tutte le categorie, passando dagli Esordienti, ai Giovanissimi agli Allievi regionali e nel 1992-93 gli Juniores. Poi sono passato in Prima squadra dal 1993-94 come giocatore-allenatore fino al 1999-2000. Poi ho allenato il Mercurio in 3^ e poi 2 categoria per 2 anni. Sono poi andato all'Audace S.M.E. guidando gli allievi regionali e poi al Team S.Lucia, quindi 3 anni all'Alba borgo Roma allenando Allievi provinciali, allievi regionali e juniores regionali. Dopo un anno sabbatico nel 2011-12  fino al 2016-17 sono stato all'Ares calcio".

"E' stato facile allenare i ragazzi che ci sono stati all'Ares calcio. Anno per anno sono davvero cresciuti nella vita e nel calcio. Un gruppo, non è una frase fatta, davvero fantastico. Sono stati per il sottoscritto sei anni memorabili. Ognuno ha corso per l'ideale di squadra e non per farsi bello personalmente. Non dico altro, altrimenti mi diventano gli occhi lucidi".

Doriano Pigatto a sei anni aveva conosciuto dal vivo un pallone, ora, all'età di 65 anni, lascerà la panca per stare comodamente in poltrona attorniato dal calore della sua famiglia. "Con l'Ares siamo stati nelle ultime stagioni sempre nella scia dei play off e quest'anno li abbiamo vinti. Peccato che per il regolamento, che rispetto ma che non approvo, non siamo stati ripescati in Prima categoria. Un regolamento diffuso dalla Figc con queste modalità solo una manciata di mesi fa e che alla fine ha lasciato di stucco più di una persona. Mi piacerebbe che si riscrissero nuove le regole. La squadra che vince i play off deve salire di categoria, punto e basta! L'Ares quest'anno se lo è meritato lottando ai play off come un fortissimo leone che non vuole stare in gabbia. Sono rimasto molto dispiaciuto per i miei ragazzi e francamente mi aspettavo, senza nessuna polemica, di ricevere la notizia di un nostro ripescaggio ma purtroppo la storia è stata scritta in maniera diversa".

Sono 59 anni che Doriano è rimasto nel mondo del calcio ed ha sposato da subito il progetto Ares credendoci con forza. Tecnico dotato di una tempra forte ha sempre contato sulle doti umane e tattiche dei propri giocatori, tirando fuori il meglio a sua disposizione e proponendo un gioco sempre ficcante. "Sono i giocatori che mi hanno rivalutato come tecnico e non il contrario, te lo garantisco. Chi arriverà dopo di me, allenerà una squadra dai valori certi. L'Ares è un vero esempio per tutti. Qui si è sempre andati avanti mettendo sul piatto volontà, grandissima passione ed un gruppo di dirigenti volontari e volonterosi. Oggi il settore giovanile è in crescita grazie a validissimi e preparati tecnici. Più di 150 ragazzini corrono ogni settimana dietro ad una palla senza mai risparmiarsi. E' così che si deve andare avanti".

Compie quest'anno 40 anni di vita l'Ares retto dal presidente Adriano Verzini con Mauro Bettoia che ricopre la carica di vice presidente, Gino Perusi segretario, Stefano Mischi direttore sportivo e Marco Ragno responsabile settore giovanile. Doriano giunto alla soglia dei 65 anni, sorride godendosi il sole ed il mare di Riccione, sta trascorrendo le ferie. Chiude facendo un grande plauso a tutti i giocatori da lui allenati in passato che stanno rendendo grande, con le loro doti, il calcio veronese. Mister ci mancherai! Onore a te, grande firma dei nostri tecnici dilettanti veronesi...

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1991)