ULTIMA - 19/1/19 - LA "ZONA CESARINI" ANCORA FATALE ALLA VIRTUS VERONA

Ancora una volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale dell'incontro. A decidere la sfida a favore del Monza è stata una rete di Palazzi all'83° minuto. Buono l'avvio di gara dei rossoblu veronesi che dopo una decina di minuti colpiscono la traversa con una bella conclusione di Paolo Grbac. I brianzoli
...[leggi]

ULTIM'ORA

23/9/17
L'ARBIZZANO VUOL "CANTAR" VITTORIA CON ROBERTO CAMMALLERI

IL PREPARATORE DEI PORTIERI GIALLOBLU, APPREZZATO CANTANTE CHITARRISTA, CI PARLA DELLA SUA PASSIONE E DELL'ARBIZZANO CHE SI E' APPENA PRESENTATO AI SUOI TIFOSI

Sarà un campionato splendente per il rinnovato Arbizzano di mister Ivo Castellani. La squadra deve ingranare ma dispone di un organico di qualità con giovani provenienti dal proprio settore giovanile ed alcuni pezzi pregiati provenienti da altri sodalizi. E' fiducioso l'allenatore dei portieri Roberto Cammalleri. La sua è una passione per il calcio è iniziata da piccolo, ha due figli che si sono distinti per eccelse doti tecniche in varie categorie dilettantistiche. Ma non tutti sanno che il nostro Roberto passa da diversi anni l'estate con la chitarra in mano, esibendosi con successo sul lago di Garda. Canta e suona magicamente. Lui stesso, con tranquillità, dice: "Sono un signore sempre in movimento, non mi piace stare con le mani in tasca. La musica è la mia vita e la chitarra è il mio strumento preferito. Anche quest'anno ho fatto tante serate con piccoli concerti sul lago, sia nella sponda veronese che in quella bresciana. Ho voluto anche rinnovare il mio repertorio musicale immerso nella favolosa atmosfera delle canzoni degli anni sessanta. Assieme ad un amico, Daniele Sonetto di Pescantina, che ha una voce possente ed è bravo nel cantare le romanze tratte da celebri opere classiche, ci siamo esibiti per i turisti olandesi, austriaci e tedeschi che frequentano con entusiasmo i nostri bei paesaggi del lago. Entrambi ci siamo emozionati ed abbiamo avuto grossi consensi".

Non contento è stato scelto come giurato nella commissione che doveva eleggere il più bello e la più bella nell'ambito del Festival del Garda. "Mi sono molto divertito ed ho visto sfilare davanti al sottoscritto bellissime ragazze. A bordo palco c'erano tanti spettatori che hanno seguito il Festival con estremo interesse. Per me un esperienza giunta al terzo anno che vorrei continuare ancora". Cammalleri durante i mesi invernali si è fermato, ora è attento sulle sorti dell'amato Arbizzano che milita in un girone di ferro di Prima categoria, con tante squadre agguerrite e di valore. "Non posso dimenticare l'Arbizzano. Una società che recentemente ha cambiato il presidente, lo storico Silvano “Ciri” Gasparato è diventato presidente onorario. Al suo posto è arrivato il pragmatico presidente Ezio Ferrari, uomo giusto per ricoprire questa carica. Per il resto la squadra è buona, ci manca solo l'incisività giusta per andare a rete. Creiamo molte palle goal ogni partita ma non riusciamo a buttar dentro la palla. Ci vuole pazienza e la massima lucidità. Sono certo che ci toglieremo le nostre soddisfazioni strade facendo".

Ha osservato quelle che secondo lui sono tre possibili compagini pretendenti alla vittoria finale. "Mi piacciono molto Olimpica Dossobuono, Mozzecane e Parona che dispongono dell'attrezzatura giusta per far male agli avversari, dal punto di vista sportivo si intende. Poi potrà arrivare una gradita sorpresa. Staremo a vedere quale sarà".

Quando gioca il suo Verona, fa l'opinionista sull'emittente veronese Tele Nuovo durante la diretta gialloblu. "Si soffre stando negli studi di Tele Nuovo quando si guarda l'Hellas Verona. Purtroppo non sta girando tutto come dovrebbe essere. La squadra è debole e poco incisiva, non capisco come Pecchia possa lasciare un po' in disparte capitan Pazzini. Giocatore, a mio parere, insostituibile. Abbiamo si giovani di valore, ma non conoscono gli attributi che si devono mettere in serie A in una squadra che deve conquistare la salvezza davvero con i denti, partita dopo partita".

Vuole fare un plauso ai suoi ragazzi ed in particolar modo ai tre portieri della Prima squadra gialloblu che allena. Mattia Pighi, Alessandro Olivieri e Simone Sturman: "I miei ragazzi stanno lavorando sodo in allenamento. Non scherzano i portieri da noi, qui vige un forte entusiasmo anche quest'anno. La società non ci fa mai mancare nulla. Il mister, Ivo Castellani, è molto bravo. Incredibile il lavoro che sta facendo la coppia formata da Fiorella Caporali massaggiatore e Bissoli detto "el Bisso" preparatore atletico. A loro si è aggiunto il secondo allenatore arrivato in Prima squadra dal settore giovanile, Claudio Cammarata".

Intanto la società ha tenuto sabato scorso la sua presentazione ufficiale. Spalti gremiti da tifosi e genitori sul campo di casa ad Arbizzano. Davanti al parroco di Arbizzano, che ha benedetto le squadre presenti e le autorità comunali, il popolare “Ciri” grazie ad un valido impianto audio, ha presentato in mezzo al campo tutte le squadre che fanno parte del settore giovanile gialloblu che sono in costante e crescita con tecnici preparati. Molto buono il numero di ragazzi iscritti partendo dalla scuola di calcio fino ad arrivare alla Prima squadra che gioca anche quest'anno in Prima categoria. Ottimo il lavoro che sta facendo il direttore sportivo Daniele Vantini il quale ha costruito la squadra con sapienza, inserendo le pedine giuste nello schacchiere made in Arbizzano. L'obiettivo rimane una tranquilla salvezza, ma si spera di poter alzare l'asticella. Buoni i nuovi giocatori arrivati a vestire la casacca gialloblu. Sono i centrocampisti Andrea Testi, classe 1990 ex Valpolicella, Mattia Cortese, classe 1998 ex Sona Mazza e Andrea Parlato, classe 1997 che arriva dal PescantinaSettimo. Di spessore a punta ex Montebaldina Andrea Berti classe 1992 che forma con il bomber classe 1991 Nicola Vantini un formidabile duo d'attacco.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1472)