ULTIMA - 19/1/19 - LA "ZONA CESARINI" ANCORA FATALE ALLA VIRTUS VERONA

Ancora una volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale dell'incontro. A decidere la sfida a favore del Monza è stata una rete di Palazzi all'83° minuto. Buono l'avvio di gara dei rossoblu veronesi che dopo una decina di minuti colpiscono la traversa con una bella conclusione di Paolo Grbac. I brianzoli
...[leggi]

ULTIM'ORA

17/10/17
CERESOLI (SANGUINETTOVENERA): “LASCIATECI GODERE L’ATTIMO!”

Il SanguinettoVenera di mister Antonio Marini è, oggi come oggi, l’unica squadra veronese dei nostri dilettanti che viaggia a punteggio pieno con 6 vittorie in altrettanti incontri. Il suo vice-presidente Andrea Ceresoli, titolare del “Circolo alla stazione” in Sanguinetto, unico rappresentante della Venera dei fratelli Nicola ed Andrea Vighini, non sta neanche nelle braghe; ma è altresì convinto che il magic moment prima o poi potrà interrompersi, facendo precipitare i ragazzi a contatto con la cruda realtà dei numeri e le difficoltà che normalmente incontri in un combattuto quanto incerto girone “D” di Seconda categoria.

Ma, la grande soddisfazione che il dirigente sangui-venerabile prova in queste prime giornate, tutte all’insegna del successo, non sta solo nel vedere occhieggiare al primo posto i propri tesserati: la gioia va ben oltre. Ed eccovela subito spiegata: “Negli ultimi due campionati” esordisce “El Cere” “non abbiamo brillato quanto a piazzamenti di classifica: salvezza strappata per i capelli due stagioni fa, amara, cocente retrocessione dalla Prima categoria, quella patita lo scorso aprile. C’era, quindi, una credibilità da rigenerare, una fiducia da ricreare, e ne so qualcosa io. Pensate quanto ho faticato, quest’estate, a fare la campagna-acquisti, a convincere i ragazzi a militare nella mia società. Roba da chiodi!”

Ma, ora, bando alle amarezze e fiato alle trombe della gioia: “Viviamo alla giornata, sapendo – ripeto - che questo magic moment prima o poi s’interromperà facendoci catapultare sulla vera realtà del girone. E’ un dato fisiologico, speriamo che non crei scoramento o traumi all’interno dello spogliatoio. Certo che non si vince per caso: è la logica conclusione, il nostro filotto di successi di fila, è il frutto – voglio dire - di un gruppo molto affiatato in campo e fuori dal terreno di gioco. Le papabili sono ben altre, a partire dal Concamarise, per passare al Bovolone, all’Albaredo, all’Atletico Vigasio. Noi cercheremo di soffrire di vertigini, di stare lassù il maggior tempo possibile, poi, si vedrà!”

Tra le sorprese, chi segnali, all’interno dei tuoi ragazzi, e dal tuo osservatorio personale? “I Boys Gazzo: una squadra difficile da battere, vincere là, a Maccacari, non sarà facile per nessuno: noi, è vero, abbiamo vinto al 92mo, ma era già una buona mezz’ora che li avevamo chiusi nella loro area di rigore. La mia è una compagine che fa del gruppo la sua arma principale, la migliore dote”.

Il giocatore sangui-venerabile che finora ti ha più sorpreso?
“Matteo Rossini, classe 1994, ex Cerea: veniva da anni un po’ travagliati per via degli infortuni patiti che lo hanno tenuto lontano dal tappeto verde. Ora per impegno, rendimento, attaccamento alla maglia, Matteo  si sta rivelando un valore aggiunto per noi”.

E, degli avversari, chi ti è piaciuto di più fino ad ora?
“Il marocchino in forza alla Bonarubiana, tal Ayoub Arqiqi. Una punta, molto valida, una spina nel fianco per tutte le squadre avversarie”.

La vittoria più bella di questo inizio di stagione?
“Quella che ancora dobbiamo ottenere. A parte gli scherzi, da parte della nostra società è quella di non far mancare proprio niente a tutti i nostri ragazzi. Grazie a loro sarebbe già un gran successo riportare in alto il brand, il prestigio di una società – il SanguinettoVenera – che vanta trascorsi, uomini, storia e personaggi davvero importanti, famosi; e, questo, indipendentemente dal tagliare il nastro per primi. Se ciò avverrà, tanto meglio, ovviamente!”

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1390)