ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

26/10/17
MARCO FAELLA: “E' UN CASALEONE TROPPO UMORALE!”

Per il massimo dirigente giallo e blù Marco Faella, il Casaleone è squadra che fino ad ora soffre di sbalzi di umore e che prosegue a corrente alternata, alle vittorie si alternano sempre sconfitte e si ha difficoltà ad avere continuità di risultati. I gialloblu sono l'unica squadra del girone B di Prima categoria che non hanno mai pareggiato (4 vittorie e 3 pareggi): “Siamo altalenanti nelle gare tra Coppa e campionato finora sostenute. C’è da trovare un po’ la giusta quadratura e più sicurezza a livello mentale”.

Arriveranno rinforzi, vi preparate a fare qualche ritocco dicembrino?
“No, la “rosa” così com’è è al completo e competitiva; sempre che in queste 4-5 partite che ci separano dall’apertura del mercato, non capiti un infortunio (intanto, io incrocio le dita!). Il nostro gruppo non registra scompensi nei tre principali settori del gioco, la “rosa” è assolutamente valida e di buona qualità, bisogna solo acquisire consapevolezza dei nostri mezzi”.

Ha detto che la sua è una squadra altalenante, perché?  
“La nostra è una bella squadretta, la quale però non riesce mai a fare il salto di qualità ottenendo una serie positiva di risultati. Mi auspico che il cambio di mentalità avvenga il prima possibile, e ciò avverrà quando avremo preso coscienza dei nostri pregi e dei nostri difetti”.

E’ quindi un Casaleone molto “umorale”? 
“Sì, nel senso che quando le cose vanno male, ci abbandoniamo al facile scoramento, mentre, viceversa, quando tutto gira per il verso giusto diventiamo presuntuosi. Ma, il brutto è che avvertiamo cambi di umore anche nell’ambito di una stessa gara”.

Quali sono le sue papabili al titolo del vostro girone?
“Il Cologna Veneta sta confermando tutta la sua forza; ma, vicino a lei sgomita bene l’Isola Rizza – un gruppo quadrato e che contro di noi ha saputo invertire la rotta, mostrando grande capacità reattiva nel passare dal 2 a 0 al 2 a 3 -, confermando quanto ho detto prima su di noi. Poi, appena un gradino sotto, vedo il Nogara, mentre in ritardo con la tabella dei pronostici sono Valdalpone e Tregnago. Squadre ben attrezzate che recupereranno di sicuro. Dimenticavo la Pro San Bonifacio, ottima squadra, anche da lei è attesa una clamorosa rimonta. A dire la verità, un’ottima impressione me l’ha fornita anche il Valtramigna Cazzano”.

In attesa, cosa ha chiesto il presidente Marco Faella al suo mister, Pippo Crivellente, ed ai suoi uomini? “Non di intraprendere un campionato di transizione, quello assolutamente no, ma, di lottare per obbiettivi ben precisi, in testa, il raggiungimento de play off”.

Domenica scorsa, doppietta personale di Cardone e sigillo di Alessandro Guerra. Ce lo può presentare il mattatore di Casaleone-San Giovanni Ilarione, gara vinta da voi domenica per 3 a 0? “Sì, Antonio, classe 1991, è una punta circa sul metro e 80, fisicamente nolto dotato, è originario di  Vico del Gargano, in provincia di Foggia. Fa il paracadutista alla Caserma “Donato Briscese” di Legnago ed è venuto da noi, presentandosi con tanta voglia di giocare, e contro il San Giovanni Ilarione, ha firmato la sua prima doppietta con la maglia gialloblu”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1273)