ULTIMA - 22/3/19 - COMPOSTI I GIRONI DEL 26° TORNEO “ELIO MONTRESOR”

Si è svolto allo Stadio “Avanzi” il sorteggio dell'attesissima 26esima edizione del Torneo “Elio Montresor” alla presenza dell’Assessore allo Sport del Comune di Verona Filippo Rando, del Presidente della 5^ Circoscrizione Raimondo Dilara, del Presidente della Commissione Sport Marco Padovani e del Consigliere regionale FIGC Mario Furlan. Il Torneo,
...[leggi]

ULTIM'ORA

2/11/17
CARMINATI: "L’OLIMPICA DOSSOBUONO PUO' RISALIRE"

Vuole assolutamente risalire in fretta la classifica il grintoso terzino dalle sgroppate facili classe 1990 Alessandro Carminati. Giocatore che è al suo primo anno nelle fila dell’Olimpica Dossobuono, squadra che milita nel girone A di Prima categoria. Carminati è giunto in giallorosso alla corte del direttore sportivo Carlo Fantoni assieme all’amico Matteo Fiorini, entrambi in forza l'anno scorso al Lugagnano nel campionato di Promozione dove hanno raggiunto la salvezza diretta con una giornata di anticipo.

Non è soddisfatto, come i suoi compagni di squadra, dell’andamento dell'Olimpica Dossobuono in questo inizio di stagione dopo la rivoluzione operata questa estate dalla società del presidente Rinaldo Campostrini. Dopo le prime 8 giornate di campionato i giallorossi sono al terz’ultimo posto in graduatoria con soli 5 punti incamerati, frutto di 5 pareggi e 3 sconfitte, una posizione che va molto stretta, sopratutto perchè la squadra giallorossa era stata costruita per ambire a ben altre posizioni in un campionato dove non ha ancora vinto una partita.

L’altra domenica l'allenatore Lucio Beltrame, in accordo con la società, si è fatto da parte. Ora il direttivo dell’Olimpica non ha ancora deciso il nome del nuovo mister. La settimana scorsa e questa la compagine è stata affidata la tecnico Davide Rezzele, attuale mister degli allievi provinciali. Il nome del sostituto di Beltrame sarà ricercato con pazienza e calma, si sta vagliando attentamente le caratteristiche di allenatori che facciano al caso dell’Olimpica Dossobuono. "La classifica - dice Alessandro - è quasi sempre veritiera. Se noi dell’Olimpica siamo molto attardati dalle prime posizioni un motivo ci sarà, non lo nascondo. La struttura della squadra c’è, ci sono elementi di spessore e di provata capacità ma francamente mancano ancora all’appello quattro giocatori importanti che sono ancora acciacati. Poi, ne sono certo, vedrete all’opera la vera Olimpica Dossobuono".

I giallorossi affronteranno in questo mese di novembre partite importantissime. Domenica prossima gara casalinga contro il Calmasino di mister Luca Ponzini, poi, mercoledì prossimo 8 novembre alle ore 20,30 saranno di scena sul terreno di San Pietro Incariano per la gara di Coppa contro il Valpolicella di mister Simone Cristofaletti, poi di nuovo in campionato domenica 12 a Bussolengo contro i rossoverdi di mister Roberto Pienazza. Carminati afferma che la sua squadra deve uscire allo scoperto: "Con Calmasino e Bussolengo sono due partite alla nostra portata. Dobbiamo cercare i tre punti e venire fuori dal campo orgogliosi di avere dato il massimo. Servono due prestazioni da incorniciare per trovare due pregevoli vittorie. Anche nel Trofeo Veneto 1^ Categoria, contro il Valpolicella, abbiamo le carte in regola per accedere ai quarti di finale".

Alessandro ama il calcio alla follia, come anche la sua fidanzata Valeria che lo segue in ogni momento. I due stanno assieme da un anno e mezzo. Quando entra in campo, la domenica pomeriggio, Alessandro vuole che la sua squadra alzi il baricentro del gioco e detta i tempi in difesa assieme al capitano Andrea Fusina, ma appena può si sgancia sulla fascia per porgere cross invitanti in attacco ai compagni. Lavora facendo i turni come carrellista al Quadrante Europa, ma appena finita la giornata corre alla sera ad allenarsi con i giallorossi. "A Dossobuono sto molto bene. Dopo la bella esperienza vissuta a Lugagnano ho voluto quest'anno cambiare. Avevo bisogno di nuovi stimoli e nuovi scenari. La dirigenza giallorossa è fatta di persone gentili e concrete che vogliono provare a riportare l’Olimpica ancora una volta in Promozione. Noi c’è la metteremo tutta con umiltà, mantenendo un profilo basso. Questa settimana lavoreremo sodo, poi domenica ci sarà una gara da giocare con il coltello tra i denti contro il Calmasino della famiglia Quarti. Per noi contano solo i tre punti, nulla di più".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1512)