ULTIMA - 26/3/19 - PERDE LA VITA IN MOTO IL CAPITANO DEL MERLARA CANEVAROLO

Incidente mortale ad Ospedaletto Euganeo. Ieri sera alle ore 19 circa, Matteo Canevarolo, ragazzo di 44 anni di Saletto di Borgo Veneto era in sella alla sua Ducati Monster e stava rincasando dopo una giornata di lavoro (era un odontotecnico), quando si è improvvisamente schiantato contro la fiancata destra di un furgone che stava svoltando per entrare in un
...[leggi]

ULTIM'ORA

24/11/17
MATTEO LUI VUOLE PORTARE IN ALTO IL SAN ZENO

Ve lo ricordate il campione della nazionale olandese dell’Ajax e del Barcellona, Johan Cruijff? Proprio a lui si ispira il genietto dell’area di rigore classe 1993 Matteo Lui, quest'anno in forza al San Zeno nel girone A di Prima categoria. A Lui piace tener palla e dribblare l’avversario diretto, predilige l’uno contro l’uno ed è sempre al servizio della squadra. Torna spesso indietro per dare una mano in fase difensiva e per agevolare la manovra della squadra. Vestendo l’antica maglia granata di una società tra le più gloriose e antiche del panorama dilettantistico veronese (è nata nel 1919), Lui ha tagliato il tagliando del terzo anno consecutivo di permanenza in "Busa".

La sua vita è sempre molto impegnata, studia all’Università di Verona, facoltà di medicina, dove è al quarto anno. I suoi genitori, Maria e Giovanni, non seguono troppo il gioco del calcio ma hanno sempre favorito la passione di Matteo accompagnandolo al rettangolo di gioco per allenarsi e giocare. Matteo ama un calcio intenso e veloce, come il suo attuale mister Piergiorgio Troccoli. L’aria che si respira nella “Busa” a pochi passi dal centro di Verona, è densa di storia. Il presidente Gianfranco Casale e i suoi fedeli collaboratori, il vice presidente Umberto Urbani, il segretario Bruno Olivato, il diesse Marian Ionita ed il dirigente accompagnatore Andrea Bastianelli, detto “Bistecca”, vogliono tutti vedere il loro San Zeno sempre a buoni livelli. Quest’anno con una squadra giovane e rinnovata, si corre per l’obiettivo di una tranquilla salvezza, cercando di togliersi delle bellissime soddisfazioni.

Afferma il simpatico e pragmatico Matteo: "Vogliamo domenica prossima, contro il forte Quaderni della presidentessa Sara Olivieri, vincere sul nostro campo per confermare la combattuta vittoria per 4 a 3 ottenuta sul sintetico di Peschiera proprio contro il nostro ex tecnico Vasco Guerra. Siamo un buon gruppo che vuole portare in alto questa meravigliosa società. Qui si sta bene e si gioca un calcio divertente ed imprevedibile. Si avanti domenica dopo domenica cercando di fare più punti possibili, magari evitando pause".

E’ fidanzato da tempo con la sua Elena che studia logopedia a Roma. La distanza non gli fa paura, appena possono si incontrano e stanno bene assieme. Tifa per i nerazzurri dell’Inter allenati dal vulcanico Spalletti. "Speriamo che quest’anno sia la volta buona, finalmente possiamo lottare per le prime posizioni, dopo annate nell’oblio o quasi. In attacco abbiamo sua maestà Mauro Icardi, uno che fa la differenza. Possiamo farcela, ne sono convinto".

Ora però il pensiero torna al San Zeno...
"Il campionato di Prima categoria è difficile. Sono tanti e vari gli scogli da superare. Noi possiamo dire la nostra quando entriamo in campo coesi per divertirci. Mancano quattro partite alla fine del girone di andata. Quattro aspre battaglie contro Quaderni, Valpolicella, Arbizzano e Team Santa Lorenzo di Pescantina. Con impegno e lucidità vogliamo vincerle, avversari permettendo, si intende".

Non ha mai fatto proclami di sorta, sia al San Zeno che prima all’Avesa e Arbizzano. Sa che ogni tecnico che ha avuto gli ha dato una marcia in più. Adesso per lui conta portare in zone neutre, lontano dai pericoli del campionato, il suo San Zeno. "Vedo favorite per la vittoria finale il Pedemonte e il Mozzecane. Due formazioni ben strutturate e molto quadrate. Dietro loro ci sarà una grande lotta per i posti play-off. Amo questa piazza dove si lavora lontano da grosse pressioni. Dobbiamo dare il massimo per le prossime domeniche per tornare sulla strada giusta".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1243)