ULTIMA - 26/5/19 - PLAY OUT SERIE C: LA VIRTUS VERONA SI GIOCA LA SALVEZZA A RIMINI

Questa volta sarà davvero la partita che vale una stagione. Oggi pomeriggio con fischio d'inizio alle ore 15.00, allo stadio Romeo Neri (diretta Tv su Sportitalia) Rimini e Virtus Verona si contenderanno l'unico posto disponibile per disputare il campionato di serie C anche il prossimo anno. Si parte dall'1 a 0 dell'andata a favore della
...[leggi]

ULTIM'ORA

25/11/17
CINQUETTI (CONSOLINI): “BENE CON LE GRANDI, MALE CON LE PICCOLE!”

Costermano è conosciuta, oltre che per la sua posizione incantevole sopra il lago di Garda, anche per Adolfo Consolini (1912-1969), uno dei più grandi campioni del lancio del disco nella storia di questa disciplina. Che, come si sa, era una delle specialità più nobili dell’antichità e dei giochi di Olimpo (da cui Olimpiadi). Consolini ha conquistato un oro olimpico nel 1948, a Londra, ed è stato 3 volte primatista mondiale (il suo lancio migliore è stato di 55,33 cm); per 17 anni è stato detentore del record italiano. Ebbe la sfortuna, lui, figlio di agricoltori che fu costretto ad aiutare fin da ragazzo per poter sbarcare il lunario (era nato povero, ma ricco di talento), di morire di cancro a Milano, a soli 57 anni.

La realtà calcistica del luogo è rappresentata dalla Polisportiva Adolfo Consolini, guidata dal viticoltore Ivano Giramonti, Polisportiva, la cui massima espressione milita nel girone “A” di Seconda categoria. Andrea Cinquetti, consulente finanziario, centrocampista classe 1985, è arrivato a Costermano quest’estate, dopo essere cresciuto calcisticamente nel Sona presieduto in quegli anni dal padre Alberto (il fratello maggiore è bomber "Stromberg" Luca, oggi in forza al Quinzano). Dopo la parentesi rosso e blu sonese, i due anni – con promozione dalla 2^ alla 1^ categoria, nell’Arbizzano -, quindi, la Pol. Adolfo Consolini, attualmente al 9° posto con 14 punti in 11 gare, ed allenata da Daniele Paganotti. “Ho trovato una società” racconta Andrea “sana ed amante del calcio, che in futuro potrebbe salire di categoria. Il gruppo è buono, l’obbiettivo è quello di migliorare il piazzamento dell’anno scorso, con qualche punto in più della zona play out”.

Come margini di miglioramento, Cinquetti vede la necessità di avere una maggiore concentrazione anche nelle gare contro le cosidette “piccole” del girone: “Contro le grandi non sbagliamo un colpo, ci perdiamo, invece, a livello di concentrazione con quelle che navigano nei bassi fondi della classifica. Abbiamo pareggiato con il Pescantina, idem a Poiano con la Juventina, ed abbiamo battuto il Pastrengo. La più forte? Bè, il Pescantina dei valori aggiunti Mattia Paiola e Simone Bonetti, giocatori che sono un lusso per la categoria. Per non parlare di Christian Carigi e di Stefano Bonato, costui ex trionfatore con l’U.S. Croz Zai, il quale sta confermandosi puntuale bomber anche anche nei bianco-rosso-blu di mister Gianni Canovo”.

La squadra che ha giocato il miglior calcio?
“Il Pastrengo di mister Paolo Brentegani: tecnicamente, è un gruppo superiore alla Seconda. La rivelazione? Il Lazise; che punta a fare bene, a migliorare l’ottimo campionato condotto lo scorso anno. La delusione, invece, fino ad ora, è la Juventina Valpnatena, ora a metà classifica, forte di ottimi calibri quali la punta Stefano Ferrarese, Giovanni Tosi e Michael Zago”.

Qual è il giocatore che sta distinguendosi nell’Adolfo Consolini?
“Matteo Renon, ex MontebaldinaConsolini, centrocampista classe 1992, con il quale nel reparto mi sto trovando bene. E’ tecnico, è il più forte del nostro gruppo. Ed è un ottimo ragazzo: il che non guasta di certo”.

Tra i pali “nonno” Cristian Fenner, classe 1976…
“E’ ancora in formissima, un titolare inamovibile e, soprattutto, grande uomo-spogliatoio. Ma, anche Alberto Simionato, classe ’88,  ex Sona, è uno dei  nostri validi “senatori””.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1431)