ULTIMA - 24/3/19 - LA VIRTUS VERONA TRAVOLGE IL RIMINI ED E' IN ZONA SALVEZZA

Non si ferma più la serie positiva della Virtus Verona di mister Gigi Fresco che travolge 3 a 0 il Rimini allo stadio “Gavagnin-Nocini” ed è ora in zona salvezza diretta. I rossoblu virtussini giocano un ottimo primo tempo e al 4° minuto sono già in vantaggio; Palma perde palla, Giorico serve Casarotto che appoggia per Danti che in diagonale batte
...[leggi]

ULTIM'ORA

27/11/17
IL LEGNAGO CADE IN CASA CONTRO LA VIRTUS VECOMP (0-3)

IL DERBY VA ALLA VIRTUS SEMPRE CAPOLISTA CON L'ARZIGNANO CHE VINCE CON UN GOL DI FORTE AL 93° MINUTO. LEGNAGO ORA IN ZONA PLAY OUT

Il Legnago è sconfitto due volte in quattro giorni: dopo il k.o. (0 a 2) nel recupero notturno di Pedavena con l'Union Feltre, un altro k.o (0 a 3) nel derby casalingo con la Virtus Vecomp. La Virtus mantiene la testa della classifica in compagnia dell'Arzignano Valchiampo che vince al 93' per 2 a 1 grazie ad un gol di Forte, l'ex giocatore del Ravenna per il quale la Virtus aveva fatto ricorso (poi respinto) per un tesseramento prima dell'apertura delle liste di trasferimento per le società professionistiche. Il Legnago cade in zona play out con soli due punti di vantaggio sulla penultima posizione di classifica. Lo stadio «Sandrini» si conferma favorevole alla Virtus dove ha sempre conquistato punti, l'8 dicembre 2010 con un 1 a 1 firmato dalle reti di Lallo e Correzzola, il 4 novembre 2012 con una vittoria per 3 a 1 con reti di Mensah (doppietta), Lechthaner e gol della bandiera biancazzurra di Guardigli, un altro punto nel campionato scorso, il 6 novembre 2016, con uno 0 a 0.

Domenica seconda vittoria al «Sandrini» per la Virtus che trova il primo gol su punizione discutibile e contestata contro un Legnago volonteroso che tira, ma non inquadra la porta e quando la inquadra trova un portiere (Sheik Sibi) davvero insuperabile. Il Legnago si è schierato con qualche variante rispetto alle due ultime gare. Vittima di una contrattura durante la rifinitura del sabato mattina Maiese, l'allenatore Spinale inserisce al suo posto Guarco, mentre la coppia centrale è formata da Talin e Parrino che rientra in squadra dopo tre turni di squalifica. A centrocampo Gulinatti con Torri e Kouame, in attacco l'uruguaiano Peinado con capitan Zanetti. In panchina il portiere Cristian Chiper con Sorin, Pasquino, Cardamone, Crestani, Maiese, El Qorichy, Marchetti e Barone. Mister Fresco schiera un 4-2-3-1 con Demian e Rossi terzini, N'Ze e Maccarone coppia centrale,Cattivera e Burato a centrocampo, Pedrinelli, Danti e Manarin a supporto della punta centrale Goh. In panchina la Virtus con Tosi fa sedere Acri, Grbac, Bertoldi, Frinzi, Fittà, Speri, Merci e Allegrini. Assente fra le file della Virtus Martin Trinchieri, ex Legnago, per un infortunio al tendine d'Achille ed operato a Bussolengo dal dottor Costa.

Dopo la pioggia del mattino un bel sole illumina il terreno di gioco. Subito il moldavo Matei gira in porta, il portiere Sibi para. Poco dopo al tiro Cattivera, Cairola para. Al 7' tenta una forte conclusione Torri, ma la difesa virtussina fa muro. Al 13' palla da Zanetti a Torri che non inquadra la porta tirando alle stelle. Al quarto d'ora Virtus vicino al gol. Ottimo cross di  Danti, Goh di testa spreca non inquadrando la porta. Al 16' sinistro di Matei, parato da Sibi. Al 21' Zanetti scatta sulla destra e conclude a rete, Sibi respinge in angolo (alla fine saranno ben 10 a 2 i corner per i biancazzurri). Al 26' sinistro di Zanetti fuori. Al 29' una contestata punizione per un fallo di Parrino su Pedrinelli che non c'è. L'arbitro, a Legnago anche il 20 agosto scorso per dirigere il preliminare di Coppa Italia con l'Ambrosiana, concede il fallo. Batte la punizione Marco Burato e la palla s'infila all'incrocio dei pali.

Nella ripresa dopo 3 minuti punizione di Burato, para Cairola. Al 10' improvviso il raddoppio ospite con un velenoso sinistro di Manarin ben imbeccato da Danti. Al 28' il Legnago sembra vicino al gol, Barone non aggancia in area e il pallone è incornato da Matei è respinto dalla traversa. Alla mezz'ora il difensore Cardamone impegna Sibi. Il Legnago insiste nella sua azione offensiva, mentre la Virtus si difende con razionalità; al 36', Zanetti si destreggia bene in area ma il suo sinistro è alto. Al 38' il tris ospite firmato ancora da Manarin che riprende una corta respinta su conclusione di Grbac dopo rapida azione. Il Legnago al 42' è pericoloso con Talin e poi con Barone. Poi sugli sviluppi di un angolo Parrino inzucca in porta avversaria, ma Sibi è bravissino a deviare in angolo. Per il Legnago nemmeno la soddisfazione del gol della bandiera, mentre il pubblico di casa contesta la direzione arbitrale in una divisa che si confonde con le maglie della Virtus. Gli ammoniti sono tutti biancazzurri: Dabo, Gulinatti, Parrino, Kouame, Zanetti. Tre di loro in diffida (Dabo, Kouame, Zanetti) saranno squalificati e non potranno giocare la sfida salvezza di domenica prossima a Carlino, in provincia di Udine con la matricola Cjarlins vittoriosa ieri a Porto Tolle per 2 a 0.

A fine gara mister Fresco e i giocatori si dirigono verso la tribuna est per salutare un manipolo di fans, mentre i tifosi locali masticano amaro per una sconfitta troppo pesante nel risultato. Negli spogliatoi mister Manuel Spinale giudica troppo pesante il passivo dopo una bella prova dei suoi che riscatta la figuraccia del recupero di Pedavena ed evidenzia che il primo gol rossoblù è nato da una punizione che non c'era. Il presidente del Legnago Davide Venturato è più realista: «Difficile commentare uno 0 a 3 dopo una buona prestazione. La differenza l'han fatta gli attaccanti ospiti più bravi dei nostri a finalizzare in rete». Il direttore generale biancazzurro Mario Pretto precisa che il primo gol, che è scaturito da una punizione che non c'era, ha rotto gli equilibri e dato una svolta decisiva ad derby». Il mister ospite Gigi Fresco ammette che il 3 a 0 forse è troppo vistoso e che il Legnago meritava almeno il gol della bandiera.

Legnago (3-5-2 ): Cairola, Dabo, Guarco (13'st Cardamone), Gulinatti, Parrino, Talin, Matei (35'st El Qorichy), Torri, Peinado (18'st Barone), Kouame (13'st Marchetti), Zanetti. All. Spinale
Virtus Vecomp (4-2-3-1): Sibi, N'Ze, Demian, Maccarone, Rossi, Pedrinelli (21'st  Bertoldi), Cattivera (1'st  Merci), Burato, Goh (27'st Fittà), Danti (36'st Grbac), Manarin (42'st Frinzi). All. Fresco
Arbitro: Marco Cecchin di Bassano
Reti: 29'pt Burato, Munarin 10' e 38'st
Note: Giornata di sole. Spettatori 350 circa. Ammoniti Dabo, Gulinatti, Parrino, Kouame, Zanetti. Angoli 10-2 Recuperi 1' e 4'

Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(955)