ULTIMA - 24/3/19 - LA VIRTUS VERONA TRAVOLGE IL RIMINI ED E' IN ZONA SALVEZZA

Non si ferma più la serie positiva della Virtus Verona di mister Gigi Fresco che travolge 3 a 0 il Rimini allo stadio “Gavagnin-Nocini” ed è ora in zona salvezza diretta. I rossoblu virtussini giocano un ottimo primo tempo e al 4° minuto sono già in vantaggio; Palma perde palla, Giorico serve Casarotto che appoggia per Danti che in diagonale batte
...[leggi]

ULTIM'ORA

28/11/17
BOMBER PASOTTO (SUSTINENZA) RACCONTA LA SUA “CINQUINA”

Forse, tanti gol in un sol colpo non li aveva mai segnati neanche da Pulcino. Ma, domenica scorsa, al “Luca Davi” di Sustinenza, contro la matricola Roverchiara, bomber Alessandro Pasotto, classe 1988, ha azzeccato la personale “cinquina” nell’8 a 1 con cui la “Celeste della Bassa”, il Sustinenza di mister Andrea Bertelli ha liquidato i “giallo e blu del Basso Adige”, guidati da mister Denis Guerra.

Gol, firmati, eh, tutti senza l’ausilio di un calcio di rigore, come è lo stesso protagonista a spiegarcelo: “Forse, non ricordo con esattezza, tre anni fa mi era capitato di firmare una “cinquina” così fantastica. Quattro gol, di sicuro, ne ho realizzati contro l’Illasi, indossando la maglia del Nogara, quella con cui abbiamo trionfato, alcuni anni fa, in Prima categoria, balzando in Promozione. Domenica scorsa, al “Davi”, ne ho cacciati dentro 4 su azione, uno invece su punizione”.

Uno sguardo, ora, Alessandro, sul girone “D”, combattuto più che mai…
“Non si conosce ancora la probabile candidata alla vittoria finale; dell’Atletico Vigasio, che dobbiamo ancora incontrare, ne ho sentito parlare un gran bene”.

Qual è il giocatore avversario che ti ha maggiormente impressionato?
“Manuel Rogano, la punta del Roverchiara: lui con la Seconda categoria non centra un bel niente! Non credo che sia facile per un giocatore del suo calibro militare in una squadra che stanzia sul fondo della classifica”.

Voi invece siete in buona rimonta… “Diciamo che abbiamo buttato via partite e punti incredibili. E, questo, perché abbiamo sbagliato le cose più semplici. L’Albaredo, per me, a livello individuale, è la più forte, l’Aurora Marchesino – sono anch’io d’accordo – è la vera rivelazione del nostro girone, il Concamarise era la squadra da battere”.

Al “Jolly Bar”, prima di Juventus-Crotone da seguire in tivù, con i tavoli ancora imbanditi di tramezzini, toast, caraffe di spritz, l’aria è ancora quella di una grande festa: gli otto gol a uno rifilati al Roverchiara rinfrancano i giocatori Devis Parolin, raggiunti nel noto locale gestito da Paola e da Paolo Leardini anche da Andrea “Tarocheto” Tarocco, Andrea “Cardellini” Garbellini, Steven Mirandola, Enrico Masini da Barabò di Nogara, ex Venera.

C’è  anche Marco Olivieri, classe ’95,  ex Nogara anche lui alla pari di Pasotto, centrale davanti alla difesa, oramai prossimo alla  laurea  triennale di Scienze della Comunicazione, e giunto nel “Susti” l’altr’anno a dicembre: “Possiamo giocare meglio, sono ancora tanti i margini di miglioramento del Sustinenza. Io qui mi trovo non bene, ma benissimo, sono contento della scelta che ho fatto, mi sto divertendo tantissimo”.

Ed ancora: “Giochiamo in un campionato, in cui possiamo perdere e vincere con tutti. Favorito alla vittoria finale è sicuramente il Sanguinetto, perché 30 punti in 12 gare non è impresa facile; ma a me è piaciuto molto l’Albaredo, mentre per i nomi la squadra più forte è il Concamarise. L’Atletico Vigasio? Lo incontreremno tra due feste. Noi possiamo giocare meglio e sono sicuro che tra non molto verremo fuori anche fisicamente”. 

Un campionato in crescendo, quello della “Celeste della Bassa veronese”, o no? “Abbiamo iniziato con fatica, totalizzando una striscia di pareggi, adesso ci stiamo riprendendo bene”.

Il giocatore avversario che più ti ha impressionato?
“Scarsetto, dell’Albaredo. Dei nostri, invece, dico Pasotto, il nostro bomber: con lui non ci avevo mai giocato, mi dicevano che era forte, e quest’anno l’ho potuto appurare di persona!”

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1479)