ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

22/12/17
A VILLA QUARANTA LA CENA DI NATALE DEL CALCIO PARONA

Non è stata la solita spensierata ed allegra cena di Natale, quella di quest'anno, per la Prima squadra del Parona che milita in Prima categoria. Presente nella splendida cornice di Villa Quaranta ad Ospedaletto di Pescantina, lo staff dirigenziale, tecnico e la rosa al completo della Prima squadra biancoverde. C'era un clima di tristezza sottolineato nel discorso a fine cena, dal presidente Riccardo Portoghese per quanto accaduto domenica scorsa a Pedemonte al giocatore biancoverde Joshua Nyamekeh: "Siamo ancora scioccati e scossi per quello che è successo durante il primo tempo nella sfida a Pedemonte al nostro attaccante Joshua Nyamekeh. Una cosa del genere non l'avevo mai vista prima su un campo di gioco in una partita tra dilettanti. Farci gli auguri stasera e sapere che lui è ancora ricoverato all'ospedale e non può essere qui tra noi, fa malissimo. Spero che rientri a casa per il Natale, siamo tutti dispiaciuti. Sono certo che i ragazzi staranno molto vicini a Joshua, dando il loro calore ed amicizia. Lui tifa per il Parona anche se non sarà più con noi fino alla fine della stagione".

Una società, quella del Parona, a pochi passi dalla città, che mastica un calcio generoso ed appassionato. Mai una parola in più, lontano se è possibile dai riflettori, ma che fa fatti concreti in campo, dove scende sempre con la voglia di rispettare l'avversario ma cercando di batterlo dopo novanta minuti di gioco intensi e combattuti. Qui non si prende nessun tipo di rimborso, vige il dilettantismo puro. Si sta assieme il giovedì sera con la cena sociale dopo l'allenamento preparata da entusiasti volontari che amano il gioco del calcio e la società. Anche quest'anno il Parona è stato rivoluzionato, con l'inserimento di una banda di ragazzi giovani e determinati. Sono numerosi i giovani inseriti in Prima squadra che arrivano dalla pimpante formazione Juniores biancoverde. Si vuole conquistare la permanenza in categoria senza patemi, facendo vedere il proprio valore sul campo.

La concorrenza è sempre spietata, come conferma mister Flavio Marai che è da nove anni consecutivi sulla panca del Parona. "Stasera la voglia di parlare e poca, non lo nascondo. Quello che è successo a Joshua mi ha fatto arrabbiare e non dico altro, che forse è meglio. Voglio continuare a vedere anche nel nuovo anno una squadra che metta tutto quello che ha in ogni partita. La classifica attuale è veritiera. Ci sono davanti formazioni molto attrezzate anche dal punto di vista economico, visto come hanno improntato la loro rosa spendendo diversi soldini nei rinforzi, cosa che noi non ci possiamo permettere. Abbiamo fatto un buon girone d'andata ma non dobbiamo permetterci di sbagliare assolutamente più nulla in quello di ritorno. Più punti faremo meglio sarà per toccare in fretta la quota salvezza diretta che sarà attorno ai 40 punti. Possiamo farcela, mettendo sul campo concentrazione, lucidità e tanta determinazione".

Emozionante la premiazione di tutte le donne che operano nell'ambito della società nata nel 1958, omaggiate con un meraviglioso omaggio floreale, tra gli applausi dei numerosi presenti. Il Parona è più forte che mai e ruggisce come una belva che vuole uscire dalla gabbia. Un plauso a chi regge le sorti di questo simpatico sodalizio, umili dirigenti che lavorano con dedizione senza percepire un solo euro. Riccardo Portoghese è il presidente da molto tempo. Gli danno una mano i vice presidenti Silvano Rucci e Federico Realdon ed il dirigente Rinaldo Pinaroli. Brillante, con le sue mosse di mercato in piena collaborazione con il mister Marai, il diesse biancoverde Davide Tommasi. Lo staff tecnico è composto da mister Flavio Marai, il suo fidato secondo Franco Gasparini, il massaggiatore Matteo Farneda mentre Daniele Guiotto è l'allenatore dei portieri.

Il Parona ha chiuso il 2017 con 21 punti, gli stessi dei gialloblu dell'Arbizzano di mister Ivo Castellani, ma con solo 14 gare disputate, visto che l'ultima partita contro il Pedemonte è stata sospesa. Ora il giudice sportivo sta vagliando il referto arbitrale della signrina Xhentijana Gjini della sezione di Vicenza ed ha voluto rinviare ogni decisione in merito a dopo le feste natalizie. All'attivo dei biancoverdi 5 vittorie e 6 pareggi mentre sono solo 3 le sconfitte, le stesse incassate dalla capolista Mozzecane che chiaramente ha vinto più gare dei biancoverdi.

Mister Marai aggiunge: "Dobbiamo raddoppiare le forze, soprattutto per il nostro Joushua che è ancora in ospedale. Siamo una squadra umile che alla domenica vuole continuare a divertire e far divertire. Mettiamo in vetrina molti giovani che dovranno dimostrare, nel girone di ritorno, quanto valgono. Sono orgoglioso di allenare il Parona. Leggo di allenatori che amano cambiare aria, dopo alcuni anni nella stessa società, alla ricerca di nuovi stimoli. Io gli stimoli qui li ho eccome! Siamo più forti ogni anno che passa. Voglio far crescere i miei ragazzi, che siano sempre alla ricerca di un sogno, di un obiettivo da raggiungere".

Il capitano e attaccante classe 1983 Daniele Begnoni che assieme al fratello difensore Mirko (classe 1989) e la mamma Nicoletta operano in società, dando una grossa mano ogni giorno con fortissimo entusiasmo, afferma: "Qui è una grandissima famiglia e io ne faccio parte con grande cuore e trepidazione. Siamo prima di tutto amici, poi giocatori. Devo tutto a mister Flavio Marai che mi ha fatto crescere come atleta e come uomo. Un enorme grazie a tutti quanti i collaboratori, dal guardalinee, che malgrado le intemperie è sempre sul campo ogni domenica, alle nostre impareggiabili tifose come mia madre e la moglie del portiere Walter Venturini Annalisa, che tra 4 mesi gli darà un bel maschietto, e la mia fidanzata Gabrijela. A tutti quanti, perchè non voglio dimenticare nessuno. Il mio Parona è diventato grande anche grazie a loro. Ora ci aspetta un girone di ritorno molto impegnativo".

Intanto nel mercato invernale appena concluso sono arrivati due centrocampisti di valore, come il giovane Mignolli dal Sona e il classe 1986 ex Olimpia Ponte Crencano Alessandro Savoia dall'Alpo Club 98.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1433)