ULTIMA - 19/1/19 - LA "ZONA CESARINI" ANCORA FATALE ALLA VIRTUS VERONA

Ancora una volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale dell'incontro. A decidere la sfida a favore del Monza è stata una rete di Palazzi all'83° minuto. Buono l'avvio di gara dei rossoblu veronesi che dopo una decina di minuti colpiscono la traversa con una bella conclusione di Paolo Grbac. I brianzoli
...[leggi]

ULTIM'ORA

27/12/17
IL SANGUINETTOVENERA HA FESTEGGIATO IL PRIMATO

Si sono ritrovati tutti al bar della stazione, locale gestito dal vice Presidente del SanguinettoVenera, Andrea Ceresoli, per la tradizionale cena di Natale. Quest’anno però, si festeggiava un primato; non solo il primo posto in classifica nel girone D di Seconda categoria, ma anche il fatto di essere l’unica squadra nel panorama calcistico veronese, ad aver conquistato ben 37 punti sui 45 disponibili. Solo l’Audace di mister Matteo Meneghetti, si è avvicinata arrivando a quota 36 punti. Incredibile lo score del SanguinettoVenera: 12 vittorie, un pareggio e due sole sconfitte, una delle quali (quella contro il Raldon in casa) decisamente propiziata dagli errori arbitrali.

Gran merito sicuramente è di mister Antonio Marini, che lo suddivide con il suo staff: “Non ho mai avuto in trent’anni di carriera, persone di valore e capacità come il preparatore atletico Matteo Bergamini, ed il preparatore dei portieri Gabriele Donadoni”. La società nero verde si è assicurata nel mercato dicembrino, il centrocampista Andrea Doardo, un ex di ritorno, il trequartista Cristian Faggion dal Cadeglioppi e la punta Thomas Pasti dal Concamarise, anch’egli un ex dei castellani.

Tra una portata e l’altra, preparate sapientemente dalle mani dello stesso Andrea Ceresoli e madre, si sono alternati al microfono, per cantare i brani al karaoke proposto dal d.j. Andrea, alcuni calciatori accompagnati dalle rispettive “morose”. Alberto Ziviani, ancora una volta, ha dato sfoggio di doti canore non comuni, come pure Alice, la compagna del dirigente Alessandro Perezzani. Ma l’autentica rivelazione è stata l’esibizione in veste cantante del Professor Matteo Bergamini, impeccabilmente vestito, prima in coppia con Mattia Falsirolli, e poi da solista con un brano di Gianluca Grignani, “La fabbrica di plastica”, in cui ha dato sfoggio delle sue doti vocali (ma c’è qualcosa che non sappia fare il “Profe”?). Naturalmente l’occasione per noi è stata propizia per sentire da vicino il parere dei protagonisti di questa splendida cavalcata iniziale.

Innanzitutto qual è la squadra che più vi ha impressionato?
“Sicuramente l’Atletico Vigasio” risponde Alberto Ziviani, appoggiato anche dal veterano Simone Bedoni e da Michele Bonfante (definito un’autentica sorpresa, da parte di mister Marini, per il suo rendimento in fascia bassa), “perché giocano veramente bene, non buttano mai via il pallone, anzi, forse a volte sono troppo leziosi, e questo li penalizza un po’”.

Qualcuno sottolinea anche il bel gioco di Albaredo e Concamarise, ma quando domandiamo chi vincerà il campionato, uno strano movimento di mani, dirette sotto il tavolo, a toccare non so cosa, accompagna risposte vaghe. Allora allarghiamo il tiro, ipotizzando le prime cinque posizioni: “A parte noi, l’Atletico Vigasio, l’Aurora Marchesino, ed il Gips Salizzole” rispondono in coro, “mentre il Concamarise, l’Albaredo ed il Bovolone, potrebbero inserirsi nella lotta per il titolo”.

Alla prima di ritorno, il SanguinettoVenera dovrà affrontare proprio la sorpresa Aurora Marchesino, seconda in classifica: “Stiamo preparando al meglio questa delicata partita”, dice mister Marini, “vincere vorrebbe dire metter loro a dieci punti di distanza, quindi sarebbe importantissima la vittoria”. Nella pausa natalizia il SanguinettoVenera ha fatto lavoro fisico in palestra, non disdegnando un paio di amichevoli con squadre fuori provincia.

A mister Marini abbiamo chiesto di fare qualche nome, tra i giocatori avversari più bravi incontrati: “Il bomber Aimuan Odaro del Gips Salizzole sicuramente è di un'altra categoria, ma noi abbiamo Matteo Bedoni”. Il preparatore dei Portieri, Gabriele Donadoni, fa il nome di Alberto Lanza: “Non perché l’ho allenato lo scorso anno, ma Alberto dovrebbe giocare almeno due categorie più in alto. Ma anche il nostro Mecchi sta facendo un buon campionato eh”.

Quando le fauci e le ugole lo hanno consentito, ha preso la parola ed il microfono, Andrea Ceresoli: “Ringrazio tutti, dal primo all’ultimo, sia dentro che fuori dal campo, per quanto fanno per il SanguinettoVenera. Rivolgo un pensiero al Presidente Fabrizio Bottura, che sta combattendo in un letto d’ospedale per ristabilirsi fisicamente. Ringrazio le mogli, le “morose” e le compagne di tutti voi, brave ad assecondarvi ed a sopportare il vostro amore per il calcio. Ne so qualcosa io, che per il calcio ho perso la famiglia; ora siete voi la mia famiglia. Per quanto ci riguarda, voglio ricordare ai ragazzi che certi treni passano una volta sola, quindi, occhio a non farci sfuggire ciò per cui abbiamo lottato finora”. La serata è poi proseguita a suon di musica, che ha accompagnato anche il brindisi finale e lo scambio di auguri: Forza SanguinettoVenera!

Antonio Dal Molin per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1341)