ULTIMA - 18/2/19 - GRANDE GESTO DI FAIR PLAY DEL SAVAL MADDALENA

Grande gesto di fair play, che difficilmente si vede nei campi di calcio dilettantistici, quello accaduto ieri prima della gara fra la capolista Pieve San Floriano e il Saval Maddalena del presidente Flavio Massaro, squadra in piena lotta per una poltrona play-off nel girone A di Terza categoria. I biancazzurri locali avevano in distinta ben tre giocatori
...[leggi]

ULTIM'ORA

28/12/17
I BRIGHENTI: DUE CUGINI CONTRO E VERONESI DOC DI BRENZONE

MILITANO IN DUE SQUADRE DIVERSE, CREMONESE E FROSINONE, MA NELLO STESSO CAMPIONATO DI SERIE B E SONO IN ATTESA DI SCONTRARSI NUOVAMENTE NEL GIRONE DI RITORNO

Hanno sempre amato il calcio, tanto che con duri sacrifici e tantissimo lavoro, sono diventati due validissimi professionisti. Vivono sul lago di Garda e sono due formidabili cugini. Stiamo parlando di Andrea e Nicolò Brighenti. Due corazzieri dai muscoli forti e dai ruoli calcistici completamente diversi. Nati nel territorio veronese, Andrea a Brenzone e Nicolò a Bussolengo, sono approdati entrambi in serie B. Ma procediamo con ordine e riordiniamo i nostri appunti.

Andrea, punta di razza classe 1987, si è reso protagonista nell'ultima gara casalinga con la sua Cremonese siglando con un formidabile missile da fuori area al 25° della ripresa il pareggio dopo il goal in apertura di Donnarumma per gli azzurri dell'Empoli. Nicolò classe 1989, difensore centrale, sta chiudendo ogni varco in difesa con i gialloblu del Frosinone allenato da mister Moreno Longo.

Da bambini si sfidavano tra loro nei pomeriggi assolati a Brenzone. Nella loro testa non si pensava a ritagliarsi una vita nel mondo del calcio professionistico ma solo la voglia di divertirsi con sfide lunghissime e merende nutrienti dopo la mattinata passata a scuola, così riempivano le loro giornate. Ma si sa le opportunità vanno sempre accolte e le loro grandi capacità nel calcio vengono subito notate.

Andrea, grazie ai suoi goal, viene ingaggiato dal presidente della Virtus Vecomp Gigi Fresco nella stagione 2007-2008 e gioca con i rossoblu in serie D, dove colleziona 30 presenze e 14 reti. Ma prima aveva iniziato a giocare nel Malcesine da bambino, poi nel Sona Mazza e nella primavera dell'Hellas Verona. Nicolò invece, carbura lentamente col passare degli anni crescendo annata dopo annata con la maglia del Chievo della famiglia Campedelli.

Con l'arrivo in serie B della neo promossa Cremonese i due cugini hanno avuto la possibilità di riabbracciarsi in campo il 20 ottobre di quest'anno a Frosinone nella 7^ giornata di campionato, dove erano entrambi in panchina. Non si erano mai affrontati in campo professionistico.

Dice Andrea Brighenti: "Io e mio cugino ci sentiamo spesso per telefono. Ci unisce lo stesso lavoro e da quest'anno anche lo stesso campionato di serie B dove vestiamo le maglie di due società ambiziose che hanno le carte in regola per fare bene".

Nicolò è stato bersagliato dalla sfortuna durante la sua carriera, combattendo battaglie più importanti di quelle che si vivono su un campo di calcio. Quando militava in serie C, nel Pergocrema nel 2009, aveva scoperto di avere un tumore benigno al cervello che gli fece interrompere la sua carriera con la divisa del “Pergo”. Risolta la malattia la vita gli ha riservato un'altra grossa mazzata. Con la divisa del Vicenza, in serie B, durante la partita contro il Como, fu ricoverato subito in ospedale dopo uno scontro fortuito con il proprio portiere Vigorito, con lui anche quest'anno al Frosinone. Si procurò una pericolosa lacerazione al pancreas che tenne tutti gli sportivi amanti del calcio con il fiato sospeso. Poi dopo una lunga riabilitazione, Nicolò con la tempra di un guerriero, che da sempre lo accompagna, ritornò in pianta stabile a giocare. Un sospiro di sollievo per la sua famiglia e coloro che gli vogliono bene.

Nell'ultima gara di campionato prima delle festività di Natale la Cremonese di Andrea, punta e capitano dei grigiorossi, ha pareggiato in laguna contro il Venezia di mister “Pippo” Inzaghi, per 1 a 1. Mentre il Frosinone di Nicolò ha vinto contro l'Entella. I cugini Brighenti non scherzano mai e le loro squadre pure. Raggiungere la capolista Palermo potrebbe essere un sogno non molto lontano.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1365)