ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

ULTIM'ORA

8/1/18
IL BUSSOLENGO DI MISTER PIENAZZA INIZIA BENE IL 2018

Inaugurano al meglio il nuovo anno, i ragazzi del presidente Emilio Montresor che, grazie a due pregevoli reti messe a segno nella ripresa da Pachera e Tezza, mettono sotto un Team San Lorenzo in inferiorità numerica per espulsione di Zocca e conquistano tre punti preziosi in chiave salvezza nella prima gara del girone di ritorno del campionato di Prima categoria (girone A). Il Bussolengo così può iniziare a sperare nella permanenza in categoria e lascia ai rossoblu locali la maglia nera del girone.

Contento e fiducioso mister Roberto Pienazza (che aveva preso per mano la squadra a campionato inoltrato) il quale negli spogliatoi a fine gara dopo la vittoria dice: "Ho trovato un gruppo di giovani splendidi, che si stanno rimboccando le maniche per provare a ritagliarsi un sogno, anche se non è per niente facile. Occupiamo il penultimo posto in classifica ed abbiamo lasciato a -3 proprio il Team del collega Gianluca Marastoni, ora fanalino di coda da solo con 9 punti, ma abbiamo tanta energia da usare nelle prossime partite. Mi auguro dai miei ragazzi buone prestazioni, da qui fino alla fine del torneo, come quella offerta oggi contro il Team".

12 punti in 16 gare disputate, con 3 vittorie, 3 pareggi e alle spalle 10 preoccupanti sconfitte, dicono che il Bussolengo per guarire deve guardare soprattutto a se stesso sfoderando grinta da vendere e raccogliendo nelle prossime 14 gare più punti possibili. "Dico sempre ai ragazzi, quando iniziamo il primo allenamento settimanale, che in partita dobbiamo mostrare il nostro gioco senza paura, battendoci senza nessun timore reverenziale. Affrontiamo squadre tecnicamente più dotate ma abbiamo quell'arma in più che è l'entusiasmo e la vivacità della giovane età a cui niente è negato".

Compie quest'anno 95 anni di vita, l'A.S.D. Calcio Bussolengo. Fa eco nelle orecchio il nome Voluntas Associazione Calcio Bussolengo, denominazione sociale di allora. Mitico il campo “Boschetta” e la piazza del paese di San Valentino, dove su terreni polverosi e pieni di buche, una banda di volonterosi atleti si sono dati battaglia, per molti anni, rincorrendo una palla a volte fatta di stracci. Non sono stati pochi i giocatori che con le loro gesta sono arrivati a giocare in serie A. Oggi il vivaio rossoverde è florido e conta più di 300 tesserati partendo dalla scuola calcio fino ad arrivare alla Prima squadra. Ottimo l'appoggio dell'amministrazione comunale di Bussolengo. L'impianto sportivo di via Molinara intitolato a Carlo Adami che ha dato come dirigente e prima calciatore a questo sodalizio, comprende una funzionale pista d'atletica, fucina di vari talenti che hanno ottenuto importanti risultati in campo internazionale.

Domenica prossima si torna in casa per affrontare il San Zeno di mister Piergiorgio Troccoli. Dice Pienazza: "Una sfida difficile, come tutte quelle che dobbiamo andare a giocarci. Loro sono un ottimo gruppo con giocatori di categoria ma noi possiamo infastidirli con le nostre armi. Magari praticando un calcio meno bello da vedere ma pungente in avanti. Dobbiamo essere cinici quanto basta per portare a casa il risultato".

Da queste parti si predica calma e gesso a tutti i livelli. Dal settore giovanile, ben diretto dall'onnipresente Angelo Lodi, dal carisma del diggì “Nero” Bendazzoli, dalla bravura del d.s. Andrea Ruina, dalla professionalità del segretario Nicola Venturelli e del vice presidente Venicio Turrini. Merita un discorso a parte il presidente Emilio Montresor, da i più di ventanni sulla breccia, appassionato come non mai e primo tifoso del suo Bussolengo.

Chiude il difensore rossoverde classe 1982 Gabriele Spinello: "Vincere sul terreno di una diretta rivale come il Team San Lorenzo non era assolutamente facile. Siamo ragazzi generosi con alle spalle un ottimo tecnico ed una società seria. Sta solo a noi regalargli l'obiettivo salvezza. Faremo di tutto e di più per mantenere la categoria, questa società se lo merità".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it









Visualizzato(1439)