ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

ULTIM'ORA

13/1/18
FACCIA A FACCIA CON ALCUNI BOMBER DI 2^ CATEGORIA

Nella carta d’identità, alla voce “segni particolari”, potrebbero inserirgli la dicitura “bomber di razza”. Nei campionati di Seconda Categoria ci sono diversi attaccanti che dispongono di questa peculiarità e noi di Pianeta-Calcio.it ci siamo fatti raccontare da loro obiettivi e sensazioni di questa stagione calcistica che è già entrata nella fase di ritorno.

“Non mi aspettavo di partire così bene, sono veramente soddisfatto. Devo dire che sia la squadra che io stiamo vivendo un momento felice – spiega Aimuan Odaro, attaccante classe ’92 del Gips Salizzole e capocannoniere del Girone D con 16 reti a pari merito con Carlo Alberto Provolo dell’Aurora Marchesino –. Il mio obiettivo attualmente è arrivare a quota 20, raggiunto quel traguardo cercherò di fare ancora meglio”. Secondo Odaro, che tra le altre ha vestito anche le maglie di Bovolone e Amatori Nogara, la ragione di questo exploit è dovuto a una buona preparazione e alla voglia di rivincita sull’annata un po’ complicata della passata stagione. “Nel girone di ritorno voglio migliorare sotto un aspetto: essere più freddo e cinico davanti alla porta nelle poche occasioni che possono capitare in certe partite. Devo sfruttare di più i palloni che mi capitano in area”. Il delantero salizzolese, che è rimasto stupito dalla bravura di Matteo Bastianello, attaccante classe ’96 dell’Albaredo, ci svela le caratteristiche che dovrebbe avere un attaccante per essere un finalizzatore di qualità: “Avere una buona fisicità, saper tener palla ed essere prolifico credo siano della peculiarità imprescindibili”. L’ambiente rossoblù, come ci spiega il centravanti, è veramente fantastico: “Sono qui da due anni e mi sono trovato bene fin dall’inizio. Il gruppo è fenomenale, e credo che questo aspetto ci stia aiutando positivamente nel nostro cammino. Il proposito iniziale era quello di salvarsi, oggi, vista la posizione di classifica vogliamo cercare di rimanere il più in alto possibile. Ad ogni modo, raggiunti i 40 punti, definiremo meglio a cosa puntare”.

“Sono soddisfatto dei risultati che ho raggiunto fino ad oggi. Ho già toccato la doppia cifra e questo, per me, vuol dire molto. Devo ringraziare mister Simone Lazzari e la squadra per la fiducia che mi stanno dando. Sono molto giovane ed è il primo anno che mi trovo là in alto nella classifica cannonieri – ci racconta Kevin Crestani, attaccante classe ’97 del Giovane Santo Stefano –. In questa parte di stagione vorrei migliorare sotto l’aspetto tecnico: devo saper proteggere di più palla e imparare a scaricare più spesso indietro ai centrocampisti”. Crestani, che attualmente è a quota 11 goal insieme a Michele Rigo del Montorio e Nicola Bergozza del Real San Zeno (dietro solo ad Andrea Goffredo del Real Monteforte a 12), è convinto che questa sua prolificità sotto porta sia dovuta all’aiuto dell’ambiente giallonero: “I compagni mi hanno fatto sentire fin da subito a mio agio e questo mi ha permesso di concentrami solamente sul mio lavoro, quello di fare goal. Ho trovato una continuità di prestazioni che ha contribuito ad aumentare la sicurezza nelle mie doti. Siamo una squadra che gioca a calcio e questo aspetto mi ha avvantaggiato parecchio”. L’obiettivo della squadra, come sottolinea il bomber ex Seraticense, è quello di giocarsela fino alla fine per cercare di entrare nei playoff. “Un vero centravanti” aggiunge lo stesso “deve saper attaccare lo spazio ed essere un ottimo finalizzatore. L’aspetto fondamentale è saper buttare la palla dentro anche se ti capitano poche occasioni”. Crestani, che è rimasto stupito positivamente dalle qualità tecniche di Michele Ala, puntero classe ’89 dell’Illasi, concludendo ci svela la sua favorita per la vittoria finale dello scudetto del Girone C di Seconda Categoria. “Il Montorio è una squadra molto solida, e lo dimostra il fatto che fino a ora non ha mai perso. Credo che la squadra di mister Stefano Menini sarà la vincitrice”.

“Piuttosto di vincere il titolo di capocannoniere del Girone A di Seconda Categoria preferisco raggiungere la promozione con la squadra, sarebbe molto più soddisfacente”. Esordisce così l’attaccante del Pastrengo e veterano del goal “Sua Maestà” Aleksandar Pesic. La squadra gialloverde del presidente Umberto Segattini, titolare del rinomato ristorante “Stella d’Italia”, è attualmente terza in classifica a meno sei lunghezza dalla capolista Pescantina Settimo del trainer lupatotino Gianni Canovo. “Dobbiamo cercare di vincere tutte le 14 partite che rimangono e sperare che davanti a noi commettano qualche passo falso. In caso contrario ci giocheremo tutto ai playoff – spiega l’attuale capocannoniere del girone con 14 goal –. Sono soddisfatto dei miei numeri e di questo devo ringraziare i miei compagni che mi offrono ogni domenica degli assist invitanti”. Nel torneo ci sono diverse formazioni molto competitive: dal Real Lugagnago al già citato Pescantina Settimo, dal Cavaion al Juventina Valpantena, e per i “carabinieri con gli scarpini” di mister Paolo Brentegani il percorso verso il ritorno in Prima Categoria non sarà di certo facile. “L’ambiente gialloverde è molto compatto” commenta Sasha “e la dirigenza è sempre disponibile e attenta a rendere questa realtà dinamica e competitiva”. Il centravanti ex Alba Borgo Roma, Team Santa Lucia, Nogara, Scaligera, Povegliano e Alpo Lepanto salutandoci ci svela quali sono gli elementi distintivi per essere un bomber di razza: “Per raggiungere grandi risultati bisogna, in primis, fare tanti sacrifici e mettere grande impegno. Queste caratteristiche, in aggiunta a una buona qualità tecnica, sono la base per poter essere efficaci sottoporta”. 

Sebastiano Perbellini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1830)