ULTIMA - 26/3/19 - PERDE LA VITA IN MOTO IL CAPITANO DEL MERLARA CANEVAROLO

Incidente mortale ad Ospedaletto Euganeo. Ieri sera alle ore 19 circa, Matteo Canevarolo, ragazzo di 44 anni di Saletto di Borgo Veneto era in sella alla sua Ducati Monster e stava rincasando dopo una giornata di lavoro (era un odontotecnico), quando si Ŕ improvvisamente schiantato contro la fiancata destra di un furgone che stava svoltando per entrare in un
...[leggi]

ULTIM'ORA

8/2/18
IL VALDADIGE DI MARZIO MENEGOTTI CORRE PER LA SALVEZZA

CON L'ARRIVO DEL NUOVO TECNICO LA SQUADRA HA RITROVATO MORALE E PUNTI

Crede nella salvezza il Valdadige del presidente Michele Cipriani. Il girone A del campionato di Seconda categoria non ammette pause. Emozioni a ripetizione e risultati domenicali mai scontati lo fanno assai avvincente. Con l'arrivo in panchina del nuovo mister Marzio Menegotti la squadra ha ripreso a fare punti. Con l'inizio del girone di ritorno, nelle ultime cinque gare disputate, i biancazzurri hanno racimolato tre importanti vittorie, battendo il ColÓ Villa Cedri, la Polisportiva Consolini ed il Corbiolo, poi un pareggio contro il fanalino di coda San Marco ed una bruciante sconfitta a Gargagnago. Un mister, Marzio Menegotti, che ha sempre fatto della programmazione e dell'intensitÓ d'allenamento il suo dna, mettendo molto bene in campo le sue squadre la domenica pomeriggio. Domenica scorsa al 49' della ripresa il centrocampista classe 1995 Mattia Donatelli ha messo in rete il pallone deliziosamente servitogli dai suoi compagni, mettendo a sedere in casa propria il ColÓ Villa Cedri di mister Alessandro Puttini, avversario invischiato, come il Valdadige, nella lotta per la salvezza.

In classifica, dopo 20 gare disputate, il Valdadige occupa la quart'ultima posizione in classifica con 21 punti davanti al Lessinia, che ne ha 18, il ColÓ a 16 ed il fanalino di coda San Marco che chiude con 9 punti. Al primo posto il PescantinaSettimo non perde un colpo con ben 13 vittorie all'attivo e sei punti di distacco dalla coppia che insegue formata da Pastrengo e Real Lugagnano. Un ambiente, quello della squadra del Valdadige, a misura uomo. Un gruppo di ragazzi che sono prima di tutto amici che preparati calciatori. L'anno scorso la societÓ biancazzurra ha festeggiato i suoi primi 10 anni di storia. E' nata nel 2007 per la ferra volontÓ di un gruppo di ex calciator di Rivalta Belluno che volevano riportare il calcio nella tipica zona ricca di storia, vedi i forti Austriaci che la sovrastano e la vecchia dogana.

La stagione passata la squadra ha terminato al 14░ posto nel campionato di Seconda categoria dimostrando un carattere ferreo e battendosi alla pari sia sul terreno amico del Comunale di Via Lai a Rivalta di Brentino Belluno che in trasferta. Danno una mano al presidente Michele Cipriani, i fidati collaboratori Damiano Ballarini e Giorgio Pinamonte che ricoprono la carica di vice presidenti. Il direttore sportivo Ŕ Daniel Bonini, mentre Diego Castelletti fa il direttore generale. Viler Ferrari Ŕ il direttore commerciale della societÓ. Marzio Menegotti ha sostituito in panca a campionato in corso mister Luigi Gamberoni che ha curato la preparazione e l'inizio di campionato dei biancazzurri.

Con l'arrivo di Menegotti la formazione ha riscoperto motivazioni e carattere. Praticando un calcio arioso alla ricerca di punti preziosi in chiave salvezza. La rosa Ŕ composta dal giusto mix di giovani e giocatori pi¨ esperti, vedi i vari Lorenzo Cazzanelli classe 1988 portiere, l'altro portiere Lorenzo Rocca classe 1985, il difensore Lorenzo Salvetti classe 1983, i centrocampisti Giulio Cipriani classe 1984, Alberto Pizzolato 1982 e la punta Riccardo Miglioranzi 1984. Domenica prossima i ragazzi di Menegotti saranno chiamati a giocare una gara quasi perfetta ospitando il BureCorrubbio. Avversario che ha il dente avvelenato dopo che domenica scorsa ha dovuto lasciare l'intera posta perdendo 3 a 2 contro la coriacea Juventina Valpantena. Una cosa Ŕ certa, Menegotti sta lavorando sodo curando ogni dettaglio e i suoi ragazzi sono con lui. Il sogno salvezza Ŕ sempre presente nella loro testa.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1034)