ULTIMA - 18/8/18 - IL POVEGLIANO E' PRONTO PER UNA NUOVA SFIDA

Dopo aver salutato mister Marco Pedron, passato in Eccellenza alla guida del San Giovanni Lupatoto, per il Povegliano del presidente Moreno Fabris è partita una nuova stagione nel campionato di Promozione sotto la guida di mister Lucio Beltrame. Del mercato delle "libellule biancazzurre" ne parliamo con il diesse Flavio Dal Santo: "Abbiamo
...[leggi]

ULTIM'ORA

4/4/18
BOMBER RKAIBA CARICA LA SUA MONTEBALDINA

Dopo un inizio di gran carriera, il club di Caprino del presidente Davide Coltri si trova a fare i conti con le bollenti, non facili sabbie mobili della bassa classifica del combattutissimo, dell’incertissimo girone “A” di Promozione veneto. Gabriele Gambini non è più alla guida della Montebaldina: “Ha lasciato di sua spontanea volontà” ci ha confidato il dirigente storico Claudio Ortombina “la squadra, quando tutti noi, dirigenti e giocatori, abbiamo fatto di tutto per scongiurare la sua decisione. Ha dato alla squadra gioco e manovra, sono solo i risultati che non sono arrivati”

Mancano, per i caprinesi, ancora 5 partite per cercare di salvare l’annata. Cinque tappe che bomber Mohammed Rkaiba, classe 1991, “il leone del Maghreb”  sia per scatto, potenza e tenacia sia per essere oltretutto nato il 2 di agosto, snocciola a memoria: "Stasera, 4 aprile, saremo a Sarego, contro la Seraticense, poi, ospiteremo il nostro diretto concorrente – il Povegliano -, quindi, altro scontro diretto, a Ronco all’Adige, in casa dell’Albaronco. Penultima in casa nostra contro l’Aurora Cavalponica – altra gara davvero tosta! -, alla 30ma trasferta a San Giovanni Lupatoto, altra brutta gatta da pelare!”

Sempre il centravanti marocchino (14 gol al suo attivo, tutti su azione, tranne uno, 7 assist vincenti per i compagni, 5 i rigori procurati) si rammarica per l’assenza di mister Gambini: “E’ un grande tecnico, ci ha dato un bel gioco, mi dispiace tanto che se ne sia andato!”

Chi vincerà il girone A del campionato di Promozione?
“Mi auguro il Garda, per l’amicizia che mi lega a Jeronimo Soares e a Mirko Dorizzi. Ma, a livello di organizzazione di gioco, mi sono piaciuti il Castelbaldomasi, l’Aurora Cavalponica ed anche il San Giovanni Lupatoto”.

Ora l’imperativo di fare più punti possibile… “Sì, dobbiamo mettercela tutta per salvare l’annata, per dare soddisfazione alla società, ai dirigenti, al pubblico; a tutti quelli che ci mettono nelle condizioni di fare bene, che non ci fanno mancare mai nulla sia sotto la pioggia sia sotto il vento e la neve. Ora, per fortuna, stiamo andando incontro alla bella stagione e sono sicuro che il sole e i terreni in buone condizioni giocheranno dalla nostra parte. Così, a salvezza ottenuta, possiamo andare nella vicina Garda a fare il tuffo della matematica salvezza”.

Quanti punti servono per la salvezza della Montebaldina?
“Io spero almeno 10 punti: a 35 dovresti essere salvo”.

Qual è la tua squadra del cuore, il giocatore preferito?
“La Juventus. Per sempre Cristiano Ronaldo. Poi, simpatizzo molto per le due squadre della città, l’Hellas Verona e il Chievo”.

Mohammed nella sua Casablanca ha conseguito il diploma di gestione e marketing: “Sono cresciuto calcisticamente nella squadra dell’A.C. Rachad Bernussi Zenata, oggi militante nel campionato di serie B del mio Paese. Ho sempre fatto l’esterno o punta, e ho militato nella Nazionale Under 18 del Marocco. A 16 anni ho debuttato in Lega Pro del Rachad Bernussi Zenata, poi,l ho fatto parte della Nazionale Militare marocchina”.

Poi, l’Italia, da 3 anni e mezzo a questa parte… “Sono arrivato in Italia a circa 23 anni e subito ho provato per la Virtus di Gigi Fresco. Ho provato anche per il CastelnuovoSandrà, ma alla fine è stata l’Ambrosiana a tesserarmi, girandomi all’A.C. Garda dell’amico Vittorino Zampini. Con i “rosso e blu del lago” ho vissuto una stagione e mezza in Promozione (13 gol in mezzo Torneo, poi, 16 gol tutti su azione l’intero anno successivo), metà stagione l’ho trascorsa al Sona della cara famiglia Valbusa, e ho militato in Eccellenza, nel Villafranca fino a quando c’era mister Gigi Possente (poi, avvicendato con Alberto Facci). L’anno scorso, ho dato il mio contributo per la salvezza in Promozione della Montebaldina, e quest’anno spero di bissare l’impresa. Ripeto, la permanenza in Promozione sarebbe il giusto merito, il giusto premio al presidente Coltri, al suo vice Fabrizio De Beni, al diesse Luca Veronesi, al dirigente Salvatore Scolaro, a tutta la società a tutti i tifosi, a tutto il paese”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(877)