ULTIMA - 19/10/18 - MENINI (MONTORIO): “ABBIAMO UN BUON DNA!”

Il Montorio non può prescindere dalla figura di Stefano Menini, il diesse che l’anno scorso, a causa dell’incidente occorso a mister Fabio Menegazzi ad inizio stagione, che non gli ha permesso di continuare sulla panca, ha portato in trionfo, nel girone “C” di 2^ categoria (71 i punti finali del Montorio contro i 70 dei vicentini del Real S.Zeno) l’undici
...[leggi]

ULTIM'ORA

5/4/18
IL BOYS GAZZO INSEGUE IL SOGNO PLAY OFF

42 punti ed un incredibile sesto posto in classifica sono quanto di buono hanno raccolto finora i giocatori, staff tecnico e società del Boys Gazzo, compagine che milita nel girone “D” di seconda categoria. Anche per quest’anno l’obiettivo principale pareva essere la salvezza, ma dopo gli ottimi risultati ottenuti lungo tutta la stagione, a Maccacari non si può che continuare a credere in un lieto fine per questa loro piccola ma entusiasmante favola. A detta di tutti, la forza di questa squadra si cela dietro ad un gruppo solido, unito da un’amicizia che continua anche e soprattutto al di fuori dal campo da gioco. Sono molti infatti i giocatori “storici” che rispondono annualmente alla chiamata del diesse Doriano Guandalini, tra di loro troviamo sicuramente Nico Donà, ragazzo classe 1991 che veste dal lontano 2010 i colori biancorossi del Boys Gazzo e che non ha nessuna intenzione di lasciare nulla al caso per questo finale di stagione.

Terzino vecchio stampo, Donà cresce nelle giovanili di Cerea e Nogara, per poi continuare la sua esperienza “tra i grandi” solo ed esclusivamente con un’unica maglia, la stessa che difende tuttora. Archiviate le prime delusioni per qualche spareggio perso di troppo, insieme a diversi compagni partiti con lui, come Marco Ambrosi, Michael Coelati Rama, Alex Manara ed Enrico Marini, colleziona risultati importanti stagione dopo stagione, passando per il ripescaggio che portò alla conquista della Seconda categoria fino ad arrivare ad oggi, a -1 dall’ultimo posto disponibile per i playoff e con alle spalle la fresca vittoria di sabato scorso contro l’ex seconda della classe, l’Atletico Vigasio di Mister Roberto Zorzella.

A proposito di quest’ultima sfida, Donà parla di 3 punti fondamentali per continuare a crederci, meritati lungo tutti i 90 minuti, in una partita dove si è visto e capito cosa significhi giocare per questa maglia. Un primo tempo combattuto finito in parità, forse troppo stretta per il Boys, ma che poi è riuscito a stoccare il gol decisivo a metà della ripresa per il 2 a 1 finale. A firmare le due marcature decisive nell’ultimo turno è stato “il bomber” della squadra, quel Giacomo Cordioli che dopo la piccola parentesi a Vigo nella stagione precedente, ha deciso di tornare a gonfiare la rete in quel di Maccacari.

All’alba dei 30 anni tondi tondi, Cordioli ha vestito in passato maglie prestigiose come quelle di Trento, Cerea e Casaleone, ed ora che rindossa quella biancorossa del Boys non vuole fermarsi ai 13 centri realizzati finora ma raggiungere un obiettivo personale molto importante, quello dei 15 gol in campionato che potrebbero aiutare lui e i suoi compagni ad entrare nelle prime cinque classificate, risultato che sarebbe a dir poco storico per la società del presidente Marco Magro.

Il numero 10 biancorosso non ha nessuna intenzione di accontentarsi, per lui provare a migliorarsi diventa fondamentale se non si vuole perdere la rotta proprio in prossimità dell’arrivo, indipendentemente da come andranno le cose; “Siamo orgogliosi di quanto fatto finora, nessuno poteva aspettarsi un risultato così importante, ma il bello deve ancora venire, e se magari dovessimo entrare nella griglia play off potremmo diventare la mina vagante che nessuno vorrà affrontare”.

Non vuole sbilanciarsi più di tanto invece “il tuttofare” Francesco Colombini, sempre disponibile per tutto e tutti, in campo ogni domenica al fianco dei suoi ragazzi come guardalinee, propenso solamente a ringraziare chi come lui lavora affinché non manchi mai nulla. I vari Federico Pasotto, Luca Ongaro, Matteo Sandri, Graziano Tarocco, Mattia Nali ed Edo Franzini hanno contribuito sotto la saggia guida di mister Matteo Gobbetti e del presidente Marco Magro alla realizzazione di un’annata stupenda, forse irripetibile. Questo però non deve essere preso come un finale di stagione anticipato, anzi, sempre secondo Colombini: “ La squadra può fare ancora molto bene e se i risultati dovessero essere a nostro favore proveremo a toglierci diverse soddisfazioni”.

Matteo Mecchi per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(740)