ULTIMA - 22/3/19 - CONTRO REPLICA DEL PRESIDENTE PERBELLINI (S.GIOVANNI LUPATOTO)

Non tarda ad arrivare alla nostra redazione la risposta a mister Marco Pedron da parte del presidente del San Giovanni Lupatoto Daniele Perbellini: "Vorrei chiarire che non mi sono mai permesso di mancare di rispetto al Sig. Pedron Marco ne tantomeno al suo assistente Sig. Peroli Omar. Ho detto sì che è un allenatore opinabile ma perché penso che la
...[leggi]

ULTIM'ORA

13/4/18
DARIO PETRIN, UN TALISMANO TRA I PALI DEL PESCANTINA SETTIMO

Lungo il percorso di un calciatore la fortuna e la bravura possono decidere di regalarti la gioia di vincere un campionato, emozione indescrivibile che solo chi l’ha vissuta può capire di cosa si tratti. C’è anche chi queste vittorie le ha già ottenute per ben due volte negli ultimi 4 anni; è il caso di Dario Petrin, saracinesca del Pescantina Settimo oggi e del San Zeno prima. In entrambi in casi il risultato fu il medesimo: nel 2015 vinse il girone “A” di Prima categoria con la maglia granata dello storico quartiere cittadino, mentre ora ha conquistato in anticipo il matematico primato nel girone “A” di Seconda categoria con quella rossoblù di Mister Gianni Canovo.

Cresciuto assieme agli amici d’infanzia nelle giovanili del BNC Noi, squadra del suo paese, Borgo Nuovo, arriva fino alla prima squadra, per poi lasciarla a malincuore causa il fallimento della stessa società gialloverde. Si trasferisce così a San Zeno, dove corona la propria stagione con l’approdo in Promozione. Sono invece già due gli anni che lo stanno vedendo protagonista con la maglia del Pescantina Settimo, dove condivide le chiavi della porta assieme ad un altro grande portiere, Andrea Padovani, con il quale ha un ottimo rapporto di stima e rispetto reciproco, e da cui non nega di rubare qualche segreto del mestiere.

Quella in dirittura d’arrivo è una cavalcata memorabile, zero sconfitte in 27 giornate hanno portato alla vittoria del campionato con ben tre giornate d’anticipo, grazie ad un vantaggio di 10 punti sulla prima inseguitrice Pastrengo. “È stata una stagione fantastica, non pensavamo di poter fare un campionato così positivo, ma partita dopo partita ci siamo resi conto della nostra forza e abbiamo puntato spediti verso un obiettivo davvero incredibile”.

Portiere moderno, Dario interpreta il proprio ruolo con grande concentrazione e determinazione, bravo tra i pali ama inoltre giocare “alto” per poter aiutare maggiormente la propria difesa, anche se con molta umiltà ammette di dover migliorare quando si trova la palla tra i piedi. Ha ancora tanta voglia di lavorare e di migliorarsi, grazie anche e soprattutto alla bravura del suo preparatore dei portieri. Parliamo di Matteo Zambelli, amico di Diario e uomo davvero preparato, che ha permesso ai suoi ragazzi di divertirsi ad ogni allenamento senza mai rinunciare alla professionalità, fattore fondamentale se si vogliono ottenere risultati importanti.

La stagione non è ancora terminata, ma può ancora regalare grandi soddisfazioni sia a lui che ai suoi compagni, i quali saranno chiamati al termine della stagione a giocarsi le fasi finali con le vincitrici degli altri gironi. Inoltre si dovrà pensare già al futuro personale, abbastanza chiaro per il numero 1 rossoblù, che si trova a meraviglia all’interno dell’ambiente pescantinese e dal quale difficilmente vorrà staccarsi per la prossima stagione. Ma, mai dire mai, le vie del mercato sono lunghe e tortuose, e spesso possono rivelare grandi sorprese. L’unica certezza è che chi deciderà di affidare la propria porta a Dario Petrin potrà star certo di avere tra i pali un talismano che sa bene come si vincono i campionati.

Matteo Mecchi per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1035)