ULTIMA - 15/1/19 - LA VIRTUS VERONA INGAGGIA LA PUNTA ANGELO RAFFAELE NOLÉ

Prosegue la campagna di rafforzamento della Virtus Verona. Nella giornata di ieri è stato perfezionato l'ingaggio dell'attaccante Angelo Raffaele Nolé, classe 1984 nei giorni scorsi svincolato dalla Pro Piacenza. Nolé, che ieri ha sostenuto il primo allenamento agli ordini di mister Gigi Fresco, vestirà la casacca rossoblu numero 31 e sarà
...[leggi]

ULTIM'ORA

26/4/18
MELCHIORI (AUDACE): "STAGIONE INDIMENTICABILE!"

Ha trovato la sua dimensione, una sorta di seconda famiglia dove ha potuto esprimersi al meglio e contribuire da protagonista al raggiungimento del traguardo finale. Stiamo parlando di Stefano Melchiori, portiere dalle indiscusse doti tecniche che insieme all’Audace calcio – neo vincitrice del girone B di Seconda Categoria – del presidente Roberto Purgato ha vissuto una stagione entusiasmante e ricca di soddisfazioni.
 
“L’Audace è sicuramente la società migliore in cui abbia mai giocato. Un ambiente coeso dove si respira aria di calcio vero, quello dei grandi palcoscenici. Devo ammettere che è stata una stagione fantastica sotto tutti i punti di vista: la presidenza non ci ha mai fatto mancare nulla, il mister Matteo Meneghetti e il suo secondo el “Sire” Corrado Frinzi hanno saputo guidarci con grande abilità alla vittoria del campionato e la squadra si è sempre dimostrata all’altezza delle aspettative” spiega Melchiori.
 
Il portiere classe 1984, ex Concordia, Salionze, Primavera 99, Borgoprimomaggio e Cadidavid, ci racconta la sua personale opinione del girone B di Seconda Categoria quando mancano solo 90 minuti al termine del torneo: “Il nostro girone - nonostante la squadra audacina abbia dominato il campionato dall’inizio fino alla fine – è stato tosto e molto impegnativo. Casteldazzano e San Peretto si sono alternate durante l’arco della stagione come nostre antagoniste e anche le altre squadre si sono dimostrate degli avversari ostici da superare. L’unica squadra che mi ha stupito negativamente è stata l’Ares, una formazione che nelle scorse stagioni ha giocato per posizioni di vertice, ma che in questo torneo è sempre stata in grande difficoltà”.
 
“Il nostro punto di forza”, commenta il numero uno audacino, “è stato sicuramente il gruppo. Qualitativamente avevamo giocatori di indiscusso spessore, ma i campionati non si vincono solo con la qualità e i nomi dei singoli. I miei compagni ed io, insieme a tutto l’ambiente, siamo rimasti uniti anche nei periodi difficili e complicati riuscendo a far risaltare le potenzialità di tutto l’organico”.
 
Il “Melchio”, che ripone grande aspettative nel futuro del suo secondo Davide Favretto, portiere classe 1997, ci rivela i suoi prossimi obiettivi: “Sono in corsa per la vittoria del Pallone di bronzo – premio messo in palio dal giornale L’Arena. Vincere questo riconoscimento sarebbe il coronamento di un’annata veramente positiva. Nel mio futuro, poi, vedo solo i colori rossoneri; quindi, l’anno prossimo in Prima Categoria spero di vivere un’altra stagione entusiasmante insieme a questa società”.
 
In chiusura non possono mancare i ringraziamenti da parte dell’estremo difensore trentaquattrenne: “In primis al presidente Roberto Purgato e al diggì Gino Crema che mi hanno dato la possibilità di vestire i colori rossoneri dell’Audace calcio; in aggiunta, un caloroso grazie va al “Tampe”, una bella persona che con il suo spirito positivo e il suo aiuto a livello organizzativo ha contribuito al raggiungimento di questa promozione”.

Sebastiano Perbellini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1128)