ULTIMA - 27/5/19 - IL “BONE&BARBI’S FRIENDS 2019” IN RICORDO DI 2 AMICI

Sabato 15 giugno 2019, nei pressi del Campo Comunale "B. Guglielmi" di Lugagnano, si terrà il torneo memoriale “Bone&Barbi’s Friends 2019”, in ricordo di due grandi amici scomparsi ancora molto giovani qualche anno fa. A partire dalle ore 9.30, verranno disputate partite di calcio a 7 e, novità di quest’anno, partite di green volley 4
...[leggi]

ULTIM'ORA

11/5/18
IL PASTRENGO DI MISTER BRENTEGANI RIVUOLE LA 1^ CATEGORIA

Domenica 13 Maggio 2018 alle ore 16.30 si giocheranno le partite del 1° turno dei play-off dei campionati di 2^ Categoria 2017-18 che nel girone A ha visto trionfare con tre giornate di anticipo il forte Pescantina Settimo di mister Gianni Canovo che è stato meritatamente promosso in Prima categoria. In questo girone il Real Lugagnano di mister Fabio Di Nicola, che ha chiuso al 3° posto con 60 punti, ospiterà il Malcesine Calcio del collega Marco Martini che è stata l'autentica sorpresa del girone A chiudendo con uno splendido 4° posto a quota 56 punti. La società Pastrengo 2006 del presidente Umberto Segattini, che ha chiuso al 2° posto a 63 punti, passa direttamente al 2° turno dei play off in virtù dei ben 17 punti di distacco sulla Juventina Valpantena che ha chiuso al 5° posto con 47 punti.

Ma il mister del Pastrengo Paolo Brentegani, chi vorrebbe incontrare al 2° turno dei Play off in programma domenica 20 Maggio? "Sono due belle squadre, il Real è squadra più fisica e concreta con davanti due punte esperte e di peso, come Bertoletti e Rognini, e con dei promettenti giovani, come ad esempio Gottardi. Il Malcesine è squadra meno fisica ma che corre molto e davanti è molto concreta con Luciano e Lutterotti che non perdonano. Sono due realtà diverse ma entrambe con un bel mix di qualità e quantità. Devo dire che il Real Lugagnano all'andata mi aveva impressionato perchè, oltre agli attaccanti, può contare su un centrocampo molto esperto, con Milani, Saggiotto, Biasi e Mazzi. Chi arriva alla finale play-off vuol dire che ha dei valori, quindi una vale l'altra".

Una stagione quasi perfetta la vostra, macchiata solo da una partenza al rallentatore con solo 6 punti raccolti nelle prime 6 partite, cos'è che inizialmente non funzionava? "Avevamo diverse defezioni, erano fuori i miei figli Alberto e Giampaolo, il figlio di mio fratello, Alessandro Brentegani, Alessio Aguiari, Denis Pietropoli ed inoltre avevamo qualche squalificato, ma bisogna dire che inizialmente ci abbiamo messo anche del nostro. Quando sono rientrati tutti e la squadra ha trovato la giusta amalgama le cose sono subito cambiate".

Poi, un girone di ritorno incredibile, con ben 34 punti, frutto di 10 vittorie, 4 pareggi e una sola sconfitta, alla 22^ giornata a Gargagnago: "Si, abbiamo fatto 5 punti più dell'andata, quindi questo sta a significare che anche la seconda parte del girone di andata è stata strepitosa. Come detto prima, una volta recuperati tutti è cambiato il volto della squadra, inoltre a dicembre è arrivato l'esperto difensore ex Somma, Team S.Lucia e Zevio Fabio Avanzi che ci ha dato una grossa mano registrando una difesa che alla fine è stata la migliore del girone con 26 reti subite. Davanti abbiamo un tridente micidiale che ha segnato 50 delle 62 reti totali. 21 le ha realizzate Alexandar Pesic, attaccante classe '83 ex Nogara ed Alba B.Roma che lavora molto per la squadra, giocatore vero, forse anche troppo generoso per il suo ruolo. 19 centri li ha fatti il talentuoso classe 1996 Alberto "Dybala" Ronconi, esterno d'attacco ex Hellas Verona, Bardolino e Caldiero, infine 10 gol li ha realizzati Andrea Pignato attaccante classe '83 di grande esperienza e di indubbie qualità".

Che campionato è stato il vostro? "Il Pescantina Settimo ha fatto davvero un gran campionato, è vero che gli abbiamo lasciato subito 6 punti all'inizio, ma poi abbiamo fatto un percorso strepitoso vincendo ben 17 delle rimanenti 24 partite. Sfortuna nostra è che davanti abbiamo trovato una squadra che non ha mai mollato fino alla fine. E' stato un girone che si è spezzato subito in due tronconi ma che pensavo più mediocre. Mi ha un po' deluso la Juventina che pensavo potesse giocarsi i play-off mentre il Malcesine mi ha stupito perchè all'inizio si pensava che lottasse per non retrocedere. Bisogna fare i complimenti alla squadra granata, guidata da un mister bravo e preparato come l'ex Alense Marco Martini."

Sei diventato la bandiera di questa società... "Si, ho giocato 10 anni nella vecchia società vincendo due campionati passando dalla Terza alla Prima categoria e sono 12 anni che alleno la squadra gialloverde, dalla sua rifondazione avvenuta nel 2006, quando subentrai alla 12^ di andata in Terza categoria a mister Giuseppe Squarzoni, e anche da allenatore ho vinto due campionati passando dalla Terza alla Prima categoria. In precedenza avevo allenato tre anni l'Alfa Dolcè Marana Forni ottenendo la promozione in Seconda categoria. Devo solo ringraziare questa società, per la grande fiducia che mi ha sempre dimostrato, e il suo presidente Umberto Segattini per quello che ha fatto in questi anni, senza dimenticare i molti collaboratori che lavorano assiduamente dietro alle quinte. Infine vorrei ringraziare il mio staff tecnico, formato dal vice Antonio Gragnato, dal preparatore atletico Daniele Gianelli, dal preparatore dei portieri Flavio Bertucco e dal prezioso direttore tecnico Zeno Fraccaroli".

la redazione di www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1454)