ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

15/5/18
IL VIGO TORNA IN 2^ CATEGORIA CON LA FORZA DEL GRUPPO

La squadra del Presidentissimo Raimondo De Angeli supera prontamente la delusione della retrocessione dello scorso anno con una marcia inarrestabile e ricca di soddisfazioni. Nel girone B di 3^ categoria, senza contare le partite con l'Aurora Marchesino (fuori classifica) i bianco granata del coach Stefano “Cina” Rossignoli hanno trionfato con 56 punti, frutto di 17 vittorie, 5 pareggi e due sole sconfitte (contro Giovane Povegliano e Bonferraro). Sono 25 i punti conseguiti nel girone d’andata e 31 nel girone di ritorno, con un filotto di 10 vittorie consecutive che hanno permesso al Vigo di raggiungere chi lo precedeva, operare il sorpasso e assicurarsi la promozione in anticipo, prima del non facile match in casa del Bonferraro giunto secondo con 52 punti.

Il Vigo ha realizzato 44 gol subendone solo 17 risultando la miglior difesa del campionato: "A mio giudizio, la difesa è stata la vera protagonista del nostro cammino vittorioso. Ci sono state 4 squadre che hanno segnato ben più di noi, ma come sempre accade, vince il campionato chi prende meno gol degli altri. I marcatori della nostra squadra sono stati  Covassin e Danese (4 rigori) con 6 reti, Furlani con 5 centri (2 rigori), Farinazzo e Grezzan (1 rigore) a 4 reti, Pepe 3 centri, Fanari, El Hasnaoui, Mucchi, Andriani e Rigobello 2 gol, Cecco, Melotto, Mirandola, Cesare, Gambin e Bari con un gol a testa. Da notare che ben 17 giocatori sono andati a segno (compresi Fanari e Andriani che a dicembre ci hanno lasciato) e che i migliori cannonieri sono giocatori entrati a far parte della rosa a dicembre, segno di una importante “campagna acquisti invernale”. Altra considerazione, secondo me importante, il fatto che molti giocatori siano andati a segno rafforza la convinzione di una squadra compatta, unita e sempre pronta a cercare soluzioni diverse per scardinare le difese avversarie".

"Un’ultima riflessione, sui 44 gol fatti (pochi per una capolista), deriva dal fatto che abbiamo realizzato molto poco in confronto alle molte nitide occasioni create. E qui si potrebbe aprire la discussione su chi sostiene la necessità di avere un “bomber certificato” e prolifico con una squadra al suo servizio, piuttosto che una “squadra” che ricerchi con il gioco e con il sacrificio di tutti le soluzioni migliori e per arrivare al gol. Nel nostro caso la seconda soluzione è risultata vincente".

E veniamo al “gruppo”, da tutti considerato come l’arma vincente del Vigo. Già nel corso della cena di Natale tutti avevano evidenziato l’importanza di far parte di questa società e il fatto di star bene nel gruppo. Tutti presenti agli allenamenti, con impegno continuo e intenso, tutti presenti alla cena del giovedì (grazie ai cuochi e agli organizzatori), tutti a tifare per chi era in campo, dalla panchina o dalla tribuna. E devo dire che proprio chi ha giocato poco e ha indubbiamente sofferto per le scelte tecniche del mister, non ha mai remato contro la squadra. E chi conosce i meccanismi dello spogliatoio sa quanto questo sia importante per conseguire i risultati prestigiosi. Dobbiamo ringraziare un po’ anche la dea bendata, in quanto non ci sono stati infortuni pesanti (ben coperti dalla qualità e determinazione dei cambi) e siamo stati sufficientemente bravi a non incorrere in gravi sanzioni disciplinari (sciagurata semi-finale di coppa Verona a parte… ma forse di questo ne parleremo in futuro).

Bravi tutti, dal Presidente, che ha ritrovato un entusiasmo incredibile dopo la delusione dello scorso anno, al diesse Dennis Belletato, che ha plasmato una rosa di giocatori incredibile. Bravo il mister Stefano “Cina” Rossignoli che ha diretto al meglio la grande orchestra che aveva a sua disposizione, ben coadiuvato dai preparatori Robbi Tomasetti e Marco Modenese. Grazie Giuseppe De Angeli, vice presidente, a Luca Ferrigato, a Francesco De Conti, a Giberto Chieppe, al segretario Daniele Cappellari e a tutti quelli che si sono prodigati per l’amministrazione della società e alla gestione dei campi e degli spogliatoi. Spero di non aver dimenticato nessuno…

Un grazie particolare va a Silvia Marinaro, la nostra fisioterapista, che si è ottimamente destreggiata tra polpacci, caviglie e ginocchia di una trentina di rozzi maschiacci, uscendone veramente alla grande. Una nota di grazia e gentilezza nel mondo del calcio non guasta mai. Un grazie particolare anche a Don Luciano, parroco di Vigo, che ci ha sempre sostenuti e … benedetti nel nostro cammino.

Bruno Tagliaferro, dirigente Gruppo Sportivo Parrocchiale Vigo
per
www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1144)