ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

17/6/18
MISTER PAOLO CORGHI E’ FELICE DI GUIDARE ANCORA L’A.C. GARDA

Il riconfermato tecnico rossoblu vanta un passato da valido centrocampista nel Casaleone, quando giocava assieme a metà campo con il forte interdittore centrale Simone Boron. Corghi è affascinato dal progetto calcistico messo da tempo in atto a Garda dal presidente Vittorio Zampini. Quest'anno ha fatto marciare a tutta velocità tutta la squadra rossoblu, nessuno escluso, mister Paolo Corghi è stato l'artefice principale del salto dalla Promozione fino in Eccellenza dell'A.C. Garda.

Mister Corghi, con un manipolo di giovani di buona caratura messogli a disposizione dal bravo direttore sportivo Mirco Pomari e dallo stesso Zampini, sempre vigili osservatori dei movimenti del Garda, ha tirato fuori il massimo da loro predicando un calcio mai monotono. Ha investito di responsabilità ogni singolo componente della rosa della prima squadra ed ognuno di loro si è trasformato in campo, dando tutto fino al triplice fischio finale di ogni gara. Dice di lui l'amico ed ex compagno di squadra Simone Boron, centrocampista come lui nella favola Casaleone dei tempi in Eccellenza. "Sono molto contento che Paolo, con merito e perdendo spesso la voce incitando la squadra da bordo campo, abbia coronato il suo sogno e quello dei ragazzi e della dirigenza rossoblu del lago. Quando giocavamo nel Casaleone mi passava tanti palloni pronti da distribuire ai miei compagni in attacco,  correva molto e in campo amava l'intensità e la spregiudicatezza. Non si risparmiava mai ed era un uomo spogliatoio che si incazzava tremendamente quando si perdeva. Ci sentiamo spesso. È molto contento del progetto Garda e non vede l'ora di ricominciare per vedere come si comporteranno i suoi ragazzi in Eccellenza. Io tifo per lui".

Intanto sta prendendo forma la nuova squadra che partirà con l'obiettivo della salvezza. Sono già arrivati tre giocatori ma la società, come sua abitudine, tiene la bocca ben cucita. Ne sapremo certamente di più durante la presentazione della squadra che si terrà nel centro di Garda. Spiega Paolo Corghi:  "Non faremo grosse rivoluzioni, cercheremo di mantenere l'ossatura della prima squadra che ha fatto molto bene in Promozione quest'anno. Ci serve un rinforzo di qualità per ogni reparto. L'Eccellenza è una vetrina incredibile e nello stesso tempo un campionato molto difficile. Ci scontreranno contro squadre ben attrezzate ma non vogliamo assolutamente recitare un ruolo di comparsa. Terremo la testa alta e lo sguardo impavido, battendoci con ardore contro tutti gli avversari. Viaggeremo a tutta velocità sulle ali dell'entusiasmo ma con i piedi ben piantati a terra. Massima umiltà e forza di volontà. Voglio vedere una squadra che dopo il fischio finale esca sudata e stanca, appagata per aver dato tutto in campo".

Forza Garda, il treno è arrivato in stazione. La prossima tappa passerà dall'Eccellenza. Il Garda è pronto per il suo prossimo lungo viaggio che durerà 30 combattute partite.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it









Visualizzato(1116)