ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

2/8/18
IL TREGNAGO 1931 CONTINUA A VIVERE NEL SEGNO DELLA COMUNITA'

Martedì 31 luglio, presso la splendida chiesetta sconsacrata della Disciplina, ora Sala Parrocchiale, di Tregnago, si è tenuta la presentazione della nuova 1^ squadra dell'A.C. Tregnago 1931 a.s.d. del nuovo presidente Gabriele Rizzin il quale dopo aver ringraziato tutti i presenti ha detto: "Faccio un grosso in bocca al lupo alla nostra Juniores e alla nostra Prima squadra che si appresta ad iniziare la nuova stagione 2018-19 il cui primo obiettivo è la salvezza. La squadra è formata da molti ragazzi giovani del nostro territorio e da qualche giocatore più esperto che sicuramente li aiuterà a crescere".

La parola è poi passata a Don Nicola Giacomi, il parroco di Tregnago: "Da parroco e da ex sportivo vi auguro un buon campionato. Si dice solitamente che l'importante è partecipare, ma è evidente che chi fa sport deve sempre cercare di ottenere il massimo delle sue possibilità. Io dico che l'importante è essere uomini e saper rispettare i valori mettendo il proprio talento al servizio della squadra e del risultato comune. Come la parrocchia è al servizio di tutti coloro che fanno si che lo sport continui a vivere nel nostro paese regalando la possibilità ai nostri giovani di fare una sana attività."

Simone Santellani, il sindaco di Tregnago, ha dato l'appoggio alla società con la forte collaborazione data dall’Amministrazione Comunale, senza la cui disponibilità, anche nella mediazione, sarebbe stato improbabile essere presenti a questo evento: "Ringrazio i rappresentanti della Figc che danno lustro a questa serata, Don Nicola che ci ospita e che è sempre disponibile, e tutti i presenti. Come ha detto il parroco dobbiamo fare squadra e remare tutti in un'unica direzione. Il nuovo progetto del Tregnago parte dopo una fase traumatica, che ho vissuto anche personalmente, ma che forse ci voleva. Sappiamo che spesso dopo un momento difficile si riparte con rinnovato slancio e grande voglia di fare bene. Credo in questo progetto e ringrazio tutti coloro che si sono dati da fare in questi giorni difficili. Ringrazio, in primis, il nostro presidente onorario Tony Perlato, la cui presenza, anche se in seconda fila, è sempre importante per questa società. Ringrazio il presidente Rizzin che si è rimesso in gioco e tutti i dirigenti che si sono impegnati in decine e decine di riunioni per progettare insieme questa rinascita. Da sempre l’Amministrazione Comunale appoggia questa società che ha un passato importante e spero anche un futuro. Abbiamo sempre chiesto di dare spazio ai giovani del nostro paese e dare loro la possibilità di arrivare in Prima squadra. Tutti assieme vogliamo far crescere i nostri ragazzi sia a livello sportivo che nella vita sociale. Molti dicevano pochi giorni fa che il Tregnago sarebbe scomparso invece essere qui stasera significa che una vittoria l'abbiamo già ottenuta. Ringrazio l'assessore allo Sport Giovanni Bonamini che assieme a tutti i dirigenti gialloblu ha portato avanti questo progetto facendo sentire l’Amministrazione Comunale vicina alla società. La grande scommessa è quella di riavvicinare il paese alla squadra del Tregnago e ai suoi valori sportivi e non...Forza Tregnago!"

Il delegato FIGC di Verona Claudio Prando ha detto: "Ringrazio dell'invito, torno qui sempre volentieri perchè, come qualcuno ricorderà, io ho prestato servizio per anni a Tregnago come vigile, e proprio negli anni che la squadra cavalcava l'onda della sua massima parabola calcistica raggiungendo il campionato Interregionale, la serie D attuale. Non vuol dire che quello attuale è meno importante, anzi ho apprezzato molto i valori sportivi e morali che animano i nuovi dirigenti che hanno idee chiare e grande passione. Il progetto sulla carta è bellissimo ma ricordate che tutti gli attori principali siete voi che siete qui presenti stasera, dirigenti e giocatori che amano questi colori e questo paese. La Federazione si rende disponibile ad appoggiarvi per qualsiasi vostro bisogno ed esigenza, vi faccio un grosso in bocca al lupo per la nuova stagione augurandovi grandi soddisfazioni, non solo sportive ma anche umane". Il consigliere regionale FIGC Veneto Mario Furlan ha aggiunto: "Mi ha fatto molto piacere sentire parlare il sindaco perchè sapete che è molto importante il binomio Politica e Sport per la crescita dei paesi. Ho visto che da parte della nuova dirigenza ci sono delle idee molto chiare. Il risultato finale è importante ma ancora di più è credere nella fondamenta del vostro progetto. L'augurio che vi faccio è di guardare sì alla prima squadra ma principalmente al vostro vivaio perchè senza le fondamenta non si costruisce niente di solido".

Il vice-Presidente Carlucio Bergamini ha detto: "Comincia una nuova avventura per me che come si dice avevo attaccato le scarpe al chiodo. Di fronte certe cose però non ci si deve mai tirare indietro, cercheremo con tutta la nostra esperienza, pregi e difetti, di portare avanti questa società che merita di continuare ad esistere. Noi ce la metteremo tutta e vi garantisco che qualcosa di buono ne uscirà. Grazie a tutti e buona serata!"

Ha preso poi la parola l'attivissimo Davide Reffatto, Responsabile del Settore Giovanile giovanile gialloblu: "Sono entrato in società e ho collaborato in maniera intensa nell'organizzazione e l'allestimento della Prima squadra. Ai primi di giugno si è compreso che la società non avrebbe più trovato continuità in chi l’aveva gestita nel passato e che c’era il rischio piuttosto concreto di decretare la fine del calcio in alta Val d’Illasi (visto che anche lo Sporting Badia Calavena ha deciso di non proseguire con la 3^ categoria). Non abbiamo assolutamente espresso nessun giudizio su decisioni di natura strettamente personale ma ci si è subito resi conto che l’impresa di prendere in mano una struttura complessa senza un adeguato periodo di passaggio di consegne avrebbe comportato uno sforzo molto intenso. Abbiamo creato un gruppo importante sfruttando una rete di conoscenze pregresse di persone della zona, già in sintonia fra di loro, sui temi del mondo del calcio e dello sport del nostro paese. Abbiamo creato una struttura organizzativa che è stata pesantemente rivista, ricercando competenze e disponibilità locali per dare un futuro alla nostra società che ha più di 80 anni di storia. E' un progetto che punta alla sostenibilità nel tempo e che quindi non va valutato nè oggi, nè a breve, perchè questa stagione potrà subire condizionamenti dai tempi ristretti avuti a disposizione per avviare il tutto. Il punto cardine del nuovo Tregnago dovranno essere i giovani e di conseguenza il rilancio del Settore Giovanile che richiede un orizzonte temporale di alcuni anni mentre la Prima squadra sarà l'espressione della nostra comunità. Abbiamo raccolto molti ragazzi del posto che provengono principalmente da Tregnago e Badia Calavena e l'età media della squadra è di 22,6 anni. Se lavoreremo bene nel tempo a livello di settore giovanile faremo l'Eccellenza, la Promozione o la Prima categoria, se lavoreremo male faremo la categoria che la comunità è in grado di supportare. Se in futuro ci sarà un euro in più sarà speso per la formazione degli allenatori del settore giovanile, corsi d'informazione e sostegno sociale con servizio alle famiglie. Pensiamo che il mondo del calcio moderno non sia più fatto solo di sudore e fango…ma anche di tanti piccoli aspetti che spesso vengono superficialmente ritenuti «accessori», i quali vanno ad integrare la proposta di base. A livello societario abbiamo bisogno di tutti. La società ha bisogno di diverse figure che non devono necessariamente essere esperte di calcio, esempio, se uno è esperto di Facebook potrebbe impegnarsi nello sviluppo del Social Network che è uno dei canali attraverso cui vorremmo restare in contatto con la gente. Possono inoltre servire competenze di marketing, di comunicazione, di amministrazione, di gestione del sito web della società, di gestione del bar ed altro. La nostra società ha oltre 80 anni di vita e di storia…durante i quali si sono avvicendati presidenti e dirigenti che hanno dedicato tempo e risorse alla società sportiva e sociale, andando a costituire quello che è un patrimonio che appartiene alla comunità di Tregnago e zone limitrofe. Un lungo percorso che, per poter continuare, e adesso più di prima, ha bisogno del sostegno di tutte le forze vive del paese e della vallata. Vorremmo richiamare all’impegno diretto chi ha a cuore le sorti della società. Molti in passato hanno dato il loro contributo come giocatori, allenatori, dirigenti e, per una serie di motivi, si sono poi allontanati dal Tregnago. La nostra sfida è riuscire a ri-coinvolgerli per sfruttare la forte tradizione sportiva del paese che è un grande patrimonio sportivo, ma anche sociale, educativo e formativo che deve continuare glorioso e proficuo anche negli anni a venire. Chiediamo quindi l’impegno di tutti perché il sogno possa essere tramandato alle future generazioni, con l’entusiasmo che oggi percepiamo e speriamo continui prosperoso in futuro".

Davide Reffatto è poi passato a presentare il nuovo assetto della società: "Il primo passo è stato quello di nominare il Presidente individuato in Gabriele Rizzin, logicamente il nostro presidentissimo onorario è Antonio Perlato, che fa parte da sempre di questa società, Carlucio Bergamini è il vice-Presidente, io sono direttore Sportivo e Responsabile del Settore Giovanile, Giuseppe Marchi fa parte del Consiglio Direttivo, Bruno Dal Forno è il Segretario Generale, Lucillo Vaccarini (Comitato di Garanzia), Giorgio Castagnini è il Responsabile Organizzativo fascia agonistica, Nicola Dal Bosco è il Responsabile Organizzativo scuola calcio. I nostri preziosi collaboratori societari sono Paolo Almonte, Francesco Anselmi, Berto Rancan, Giuseppe Colombari, Davide Dal Cappello, Paolo Dal Dosso, Marco Franconi, Sergio Grisi, Giuseppe Rizzin, Loris Rizzin, Roberto Torneri, Adolfo Tosi, Paolo Tosi e Carlo Zusi".

Sempre Davide Reffatto ha poi presentato gli Juniores Regionali e la Prima squadra gialloblu: "Dopo la storica conquista della categoria regionale ottenuta, due anni fa, nella scorsa stagione i nostri Juniores si sono orgogliosamente classificati al 9° posto, evitando così i play-out e ben figurando anche nella coppa Disciplina. Questa categoria è indispensabile per la corretta gestione del passaggio dal Settore Giovanile alla Prima squadra perché permette di far accumulare minutaggio anche a chi non trova ancora spazio in Prima squadra, garantendone la continuità di impegno sia sul piano fisico che mentale. Ci sarà la rotazione nei «fuori quota» (annata 1999), anche con chi è aggregato alla Prima squadra, perché al massimo se ne possono schierare 3 per gara. Per questi motivi l’obiettivo dichiarato è il mantenimento della categoria. Questi sono i nostri Juniores Regionali: Marco Baldo, Samuele Baldo, Luca Dal Castello, Michele Dal Dosso, Daniel Dal Forno, Luca Dal Molin, Giovanni D'Ambrosio, Amin Elkaddouri, Alberto Grisi, Luca Posenato, Federico Ridolfi, Giovanni Rigamonti, Ivan Righetti, Igor Rossetti, Simone Sorgente, Lorenzo Spada, Nicolo’ Spada, Andrea Truzzoli, Alex Ulmi, Daniele Valdegamberi, Enrico Valerio e Ignazio Verzè. Lo staff tecnico è composto dall'allenatore Gianluca Belloni, dai vice Michele Gugole, Denis Ruffo, Walter Zocchi è il Preparatore dei Portieri e Giuseppe Belloni e dirigente accompagnatore".

Parlando della 1^ squadra che parteciperà anche quest'anno al campionato Veneto di 1^ Categoria Reffatto ha detto: "Partiamo con un budget che quest’anno è stato fortemente ridotto e con molti giovani di valore che vogliamo far maturare con i dovuti tempi e modi. Sarà un'annata difficile ma anche stimolante. Sarà fondamentale lo spirito di gruppo per avere il giusto atteggiamento mentale e se si riuscirà a trovare un giusto equilibrio, l’immissione massiva di giovani nel futuro diventerà per noi un vantaggio e un fattore che può fare la differenza ed aprire un nuovo ciclo. Ci aspettiamo inoltre che il pubblico sia il nostro dodicesimo uomo in campo che ci aiuti a raggiungere una tranquilla salvezza, che è il nostro obiettivo principale".

Rosa della Prima squadra di 1^ Categoria 2018-19:
Daniele Almonte – dallo Sporting Badia
Edoardo Anselmi – dallo Sporting Badia
Tommaso Baccaro – dalla Pro San Bonifacio
Andrea Baldassarre – dalla Virtus
Andrea Baraldo – portiere dal Montebello
Giacomo Boschi – dallo Sporting Badia
Davide Castagna – dallo Sporting Badia
Jacopo Dal Forno – uno dei reduci dallo scorso anno
Michele Dal Forno – dalla Juniores Regionale
Davide Dal Molin – dalla Juniores Elite del San Martino Speme
Jonathan Kwame Eshun (“Johnny” per gli amici) – dalla Speme
Riccardo Frigo – dalla Speme
Andrea Grigoli – dalla Pro San Bonifacio
Michele Gugole – gradito rientro dal Real Monteforte
Luca Migliorini – dalla Pro San Bonifacio
Patrick Okonji – ex Illasi e Pro San Bonifacio
Omar Perbellini – dalla Juniores Regionale
Daniel Rizzin – ex bomber dello Sporting Badia
Denis Ruffo – dal Colognola
Alberto Saggioro – bomber della Juniores Regionale
David Tagliapietra – dalla Juniores Regionale
Nicholas Tagliapietra – già da qualche anno colonna della difesa gialloblu
Paolo Torneri – dalla Juniores Regionale
Mattia Verzè – portiere dall’Illasi
Davide Zanoni – già attivo lo scorso anno con la Juniores Regionale

Staff tecnico del Tregnago 2018-19:
Allenatore e Preparatore Atletico Antonio Sorgente 
Vice-Allenatore e Preparatore dei Portieri Walter Zocchi

Salutando tutti i presenti e invitandoli al ricco buffet all'aperto, Davide Reffatto ha poi detto: "Per dimostrare che vogliamo innovare, ma senza perdere di vista ciò che di buono c’è stato in passato, abbiamo deciso di fare un ulteriore sforzo organizzativo per dare continuità al tradizionale Memorial «Umberto Piva», triangolare amichevole, di preparazione ai campionati, dedicato alla memoria di un nostro grande dirigente del passato, che si terrà mercoledì 29 Agosto 2018 con inizio alle ore 19.00. Stiamo ancora cercando di dare concretezza alle idee, ma le squadre partecipanti dovrebbero essere la nostra Prima squadra e le formazioni Juniores Elite del Caldiero e del San Martino Speme. L'invito è aperto a tutta la nostra comunità, venite al campo che sicuramente ci sarà da divertirsi".

la redazione di www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1521)