ULTIMA - 19/1/19 - LA "ZONA CESARINI" ANCORA FATALE ALLA VIRTUS VERONA

Ancora una volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale dell'incontro. A decidere la sfida a favore del Monza Ŕ stata una rete di Palazzi all'83░ minuto. Buono l'avvio di gara dei rossoblu veronesi che dopo una decina di minuti colpiscono la traversa con una bella conclusione di Paolo Grbac. I brianzoli
...[leggi]

ULTIM'ORA

3/9/18
MISTER MOSCA (BONARUBIANA) NON VEDE L'ORA DI INIZIARE ...

"Il 9 settembre 2018 inizia per me una nuova avventura, riprendo dopo una sosta di 2 anni, dovuta ad accordi sfumati all'ultimo minuto. Sono curioso di vedere le nuove realtÓ del girone D di Seconda categoria che io lasciai due anni fa dopo aver ottenuto una splendida salvezza alla guida dell'Albaredocalcio che avevo preso a fine gennaio sostituendo il tecnico Daniele Pattaro e accettando la proposta del Presidente Daniele Piasere. Presi in mano una squadra che dopo 18 gare era penultima con 17 punti alla pari del Real Vigasio e davanti solo al Porto di Legnago".

"Da giocatore ho giocato fino a 36 anni nel ruolo di portiere con esperienze giovanili nel Mantova, mia citta natale, con direttore il cav. Scemma papÓ del noto giornalista mantovano. In seguito sono stato anche nel settore giovanile del Verona calcio con mister Caceffo. Poi, deluso per la mia cessione all'Azzurra calcio feci altri sport, prima la pallanuoto poi, con l'allenatore Ferraro iniziai a giocare a pallamano in serie A nel ruolo di ala destra, e nel 1972, con il Cus Verona, vincemmo lo scudetto di campioni d'Italia. A 25 anni ritornai a giocare a football nel Pozzo del vulcanico Mario Pranzani per finire poi in altre varie squadre, Lazise, Buttapietra e Arcole".

"A 36 anni - prosegue Mosca - inizio come preparatore dei portieri e come vice allenatore, prima con mister Adriano Manservigi e poi con Marco "Puma" Montagnoli. In seguito dai 40 anni fino ai 66 anni odierni sono divenuto mister della prima squadra guidando diverse squadre sia in Prima che in Seconda categoria, oltre all'Albaredo, Alpo Lepanto, Lessinia, Palazzolo, Arbizzano, Intrepida, San Zeno Montagna, Crazy Colombo e Rivolese. Tante vittorie, sconfitte e alcune salvezze importanti. Il miglior piazzamento con l'Arbizzano in Prima categoria dove ho ottenuto il 6 posto e la semifinale in Coppa Veneto. La vittoria piu bella e sofferta Ŕ stata Rivolese - Sommacampagna 2 a 1 con noi rimasti in 7 per le 4 espulsioni subite, mentre il Somma era ancora in 11 giocatori. L'Arena titol˛ l'articolo "la seconda battaglia di Rivoli" (napoleone docet)".

"Ora sono concentrato sulla mia nuova squadra, la Bonarubiana, che Ŕ quasi tutta nuova e sorretta da bravi dirigenti che stanno ancora lavorando per gli ultimi ritocchi in vista dell'inizio di campionato. E' un team tutto da scoprire con tanti giovani alla loro prima esperienza in categoria uniti ad alcuni giocatori piu esperti e navigati. Il mestiere di mister Ŕ molto cambiato dai tempi in cui giocavo io. Ora occorrono carattere, personalitÓ, tanta capacita tecnica e tattica ma anche doti psicologiche, antiche e moderne, per guidare un gruppo di oltre 20 giocatori. Mi aspetto una crescita tecnica e tattica da questi ragazzi, e naturalmente una salvezza senza tentennamenti e patemi, con un occhio, se possibile, anche alla Coppa dove siamo ancora in corsa".
 
Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1154)