ULTIMA - 20/1/19 - LE 8 QUALIFICATE AI QUARTI DELLA COPPA VERONA 2018-19

Si sono giocate oggi le partite della terza ed ultima giornata del 1° turno della Coppa Verona 2018-19 riservata alla formazioni di Terza categoria, denominata “Memorial Gianni Segalla”, che hanno consegnato il pass per il passaggio ai quarti di finale in programma domenica prossima. Nel Girone 1 il Lessinia vince 1 a 0 la sfida decisiva contro il Borgo San
...[leggi]

ULTIM'ORA

4/9/18
PISANI (CALDIERO): “IMPOSSIBILE NASCONDERSI!”

E' molto orgoglioso di far parte per il suo terzo anno di seguito del Calcio Caldiero Terme del presidente Filippo Berti, il difensore classe 1993 Alessandro Pisani, imprenditore nel ramo dell’illuminazione. E, restando in tema, chi meglio dell’ex promessa del Chievo, dell’ex A.C. Sambonifacese, dell’ex Pergine Valsugana (serie D) e dell’ex Vigasio di Eccellenza (due stagioni) può far luce sul momento dei “termali” di mister Cristian Soave?

“Sono molto contento di far parte anche quest’anno” esordisce Alessandro “di uno splendido gruppo, qual è il Caldiero. L’obbiettivo – inutile nascondersi – è quello di provare a vincere perché gli acquisti sono di qualità, di caratura per la categoria e si innestano in un gruppo che era già forte”.

Quali sono le papabili al titolo?
“Beh, io dico Montecchio Maggiore: i bianco-rossi vicentini hanno una bella squadra e già l’anno scorso hanno mostrato il loro valore nel corso del campionato. Il Torneo di Eccellenza, in questi ultimi anni, ha visto trionfare non la favorita, bensì l’outsider, vedi il Cartigliano nell’ultima edizione. Ma, daranno battaglia anche Belfiorese, Vigasio e Sona, per quanto riguarda le veronesi del nostro girone”.

Ci presenti gli ultimi arrivati in maglia giallo-verde?
“Sono: il 1992 centrocampista Alberto Filiciotto, dal Bardolino, ed è quello che fino ad ora mi ha più impressionato per come sa gestire la gara, per l’autorità in campo e le sue indiscusse qualità tecniche. Poi, Luca Viviani, ex Legnago giunto dall’Este di Padova, serie D, e il centrocampista classe 1992 Francesco Peotta, anche lui proveniente dal Padovano, più precisamente dall’U.S.Arcella”.

Tra i giovani caldieresi, di chi sentiremo parlare?
“Mah, abbiamo tutti giovani davvero in gamba. Credo che sarà l’anno di Nicolò Bazzani, terzino sinistro, ex U.S. Provese, poi, Massimiliano Mezzina, classe 1998, esterno alto molto promettente e prelevato dal ValdagnoVicenza”.

Dove deve migliorare il Caldiero del riconfermato mister Cristian Soave per poter strizzare l’occhiolino alla serie D? “Solo sotto l’aspetto mentale, perché sotto quello del potenziale ha un bagaglio che non teme proprio alcun confronto. Questo Caldiero è in grado di far sue tutte le partite!”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1312)