ULTIMA - 20/3/19 - GIANNI DE BIASI OSPITE DELL'AIAC DI VERONA

L'Associazione Italiana Allenatori Calcio sezione di Verona informa che lunedì 1° aprile 2019 con inizio alle ore 20:30 ci sarà un incontro tecnico-tattico di aggiornamento che si terrà presso l'aula 1 del palazzotto Gavagnin in via Montelungo n.7 in collaborazione con la Facoltà di Scienze Motorie. Il relatore dell'incontro sarà mister
...[leggi]

ULTIM'ORA

6/10/18
FRANCESCO GOBBETTI, IL PORTIERONE DEL POZZO ...

C'è un terzetto terribile, formato da Casaleone, Bovolone ed Audace, in testa al girone B di Prima categoria con 10 punti. E' un campionato senza soste, all’insegna dell’imprevidibilità. Tutte le gare sono avvincenti ed il risultato è sempre in bilico fino alla fine. Lo sa l’esperto portiere Francesco Gobbetti innamorato dei colori rossoblu del Pozzo del presidente Roberto Praga. Con lui e con il tecnico Stefano Paese si è formato un trio consolidato.

E’ contento il portierone rossoblu, domenica scorsa il suo Pozzo ha liquidato in casa 2 a 0 la Provese con reti di Kassum nel primo tempo e di Lapolla nella ripresa. “Una vittoria importante e per nulla scontata - dice Francesco Gobbetti -, loro sono una squadra rivoluzionata e giovane che in certi tratti ci ha messo in difficoltà. Abbiamo giocato un calcio grintoso finalizzando al meglio le occasione capitate ma sbagliando anche altre palle gol". La Provese, dopo 4 giornate, non è ancora riuscita a graffiare come dovrebbe. Zero punti in classifica, 4 sconfitte in 4 partite e nessuna rete fatta con ben 12 subite. In casa rossonera è già suonato il primo campanello d’allarme per mister Andrea Turozzi.

Domani il Pozzo se la vedrà contro l’Isola Rizza di mister Stefano Sacchetto reduce da un prezioso pareggio in casa del Tregnago. “Non sarà una gara facile - dice Francesco - perchè loro sono una buona compagine, come pure la nostra. Dobbiamo giocare come sappiamo, con temperamento e forza, queste sono le nostre caratteristiche. Io spero  di chiudere a doppia mandata la mia porta non subendo nessun gol. C’è la metterò tutto per guidare i miei compagni in difesa. Da parte nostra vogliamo continuare a vincere e Isola Rizza non farà eccezione”.

E’ sempre sorridente Gobbetti, è un gatto tra i pali e non disdegna nelle uscite fra le gambe degli avversari, la cosa non gli fa paura. Finora ha militato nelle file di Pozzo, Caselle, San Zeno, Alba Borgo Roma e Team Santa Lucia, sempre tra Seconda, Prima e Promozione. Non gli è mai interessata la  categoria, ma solo la voglia di dare sempre tutto per le squadre in cui ha militato. “Festeggio quest’anno due anni consecutivi con il Pozzo. Qui mi trovo bene, è una grande famiglie dove ti lasciano divertire. Il presidente Roberto Praga non ci fa mai mancare nulla, ci coccola come dei figli. Il gruppo è forte e determinato e il mister, Stefano Paese, sa preparare al meglio le gare domenicali. Insomma, gli ingredienti giusti per fare bene ci sono tutti”.

Vuole giocare a lungo il numero uno rossoblu classe 1979: “L’età passa per tutti e pure per me. Qualche infortunio mi ha colpito negli ultimi anni ma quando sono in forma non sento la fatica e do il mio contributo. Non so quando appenderò le scarpette al chiodo ma direi che c’è tempo e per ora non ci penso. Conta ora portare il più in alto possibile il mio Pozzo”.

Chiude il simpatico Gobbetti: "Anche quest anno mi trovo qui al Pozzo, sono voluto restare per dimostrare che quest'anno possiamo fare meglio dell'anno scorso, visto le difficoltà che nell'ultimo campionato ci ha visti raggiungere la salvezza all'ultima partita. Non è stato un anno semplice ma quest'anno sto già vedendo uno spogliatoio più unito e una grande voglia di fare da parte di tutti. Alla base c'è da dire che la società ci mette molta passione in tutto quello che fa e per me è molto importante fare parte di questa grande famiglia. Il mio ruolo è da sempre un ruolo importante, puoi essere determinante per una vittoria e a volte la causa della perdita della partita. Ho sempre cercato di dare il meglio e cercherò di continuare, in primis con gli allenamenti costanti e con impegno, che sono la base, e poi alla domenica in campo, per dirigere e tenere unità sempre di più la mia squadra. Questo è il mio obiettivo e quello dei miei compagni quindi cercherò e cercheremo di giocarci al meglio questo nuovo campionato”. 

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1063)