ULTIMA - 22/3/19 - CONTRO REPLICA DEL PRESIDENTE PERBELLINI (S.GIOVANNI LUPATOTO)

Non tarda ad arrivare alla nostra redazione la risposta a mister Marco Pedron da parte del presidente del San Giovanni Lupatoto Daniele Perbellini: "Vorrei chiarire che non mi sono mai permesso di mancare di rispetto al Sig. Pedron Marco ne tantomeno al suo assistente Sig. Peroli Omar. Ho detto sì che è un allenatore opinabile ma perché penso che la
...[leggi]

ULTIM'ORA

18/10/18
MISTER PADOVANI E' SODDISFATTO DEL SUO BOVOLONE

Mister Devis Padovani si gode il buon secondo posto del suo Bovolone, nel girone B di Prima categoria, alla pari di Montorio e Pozzo a 12 punti e ad un solo punto dalla capolista Casaleone. Padovani ha sempre fatto del duro lavoro settimanale il suo credo ed è convinto che se metti tutto quello che hai, sia con la testa che con gli esercizi col pallone e atletici, puoi insegnare calcio a buoni livelli. Non dimenticando mai la vera essenza del nostro calcio dilettantistico e cercando di non imitare il calcio dei professionisti.

Con la simpatia e la carica che lo contraddistingue mister Padovani si racconta: "Innanzitutto vi ringrazio per quello che fate per noi dilettanti, vi leggo sempre tre o quattro volte al giorno, ormai il telefonino ed il tablet l’ho quasi distrutto. Sieti i numeri uno ed accompagnate le mie giornate lavorative, tra un cliente ed un altro, mentre sono seduto in macchina che aspetto l'appuntamento. Continuate così, siete davvero bravi a dare visibilità ai nostri dilettanti. Tornando al calcio, sono soddisfatto della nostra classifica, che è sostanziosa e bella da vedere. Ma, come dico sempre ai miei ragazzi, non abbiamo ancora fatto niente. Il campionato è ancora lungo e difficile e dobbiamo stare sul pezzo. Ci sono squadre davvero molto forti, come Montorio e Casaleone”.

Getta acqua sul fuoco il mister rossoblu, molti dei suoi giovani di talento sono al loro primo anno in Prima categoria. “Il nostro obiettivo è arrivare più in fretta possibile ai 40 punti. Vogliamo cercare di salvarci senza grosse difficoltà. Siamo una buona squadra ma che a volte commette alcuni errori causati dall’inesperienza. Le sbandate ci possono stare nel gioco del calcio e ti aiutano a crescere. Siamo una nuova società con nuovi dirigenti che sono andati a prendere i giocatori che facevano al caso nostro ma con tanta gente nuova abbiamo bisogno di trovare la giusta amalgama di schemi e di gioco. Stiamo lavorando sul gruppo mettendo assieme le qualità del singolo ma sempre al servizio della squadra. Da subito la società ha puntato sull’uomo, più che il giocatore, e sta facendo i fatti senza perdersi in inutili chiacchere. Voglio fare i complimenti ai miei ragazzi perché mi seguono con attenzione e sono veramente bravi, sia in fatto di educazione, che di personalità e voglia di allenarsi in campo. Bisogna continuare così, perchè il nostro girone B di Prima categoria è davvero appassionante ma anche molto difficile”.

A Bovolone ci sono tutti gli ingredienti per far bene. Mister Padovani lo sente sulla propria pelle ed è stimolato dalla dirigenza rossoblu, sempre più compatta ogni settimana che passa (presidente Alberto Zago, vice presidente Claudio Bissoli e il d.s. è Claudio Patuzzi). “Abbiamo sicuramente una squadra discreta, formata da 24 giocatori - dice Padovani -, ma più della metà di loro non hanno mai conosciuto le difficoltà della Prima categoria. Ma io resto fiducioso, perchè finora nessuno ci ha messo sotto ed abbiamo affrontato ogni partita con il giusto spirito”.

La classifica è ancora tutta da farsi e Padovani annota su un foglio le squadre favorite per il salto di categoria. “Casaleone, Cerea ed Audace, a mio parere, possono avere una marcia in più. Dispongono di una buona rosa, di giocatori esperti e di un bell'impianto di gioco. Mi piace molto anche la Pro Sambo, tutti organici ben rodati che possono fare la differenza. L'Atletico Cerea è partito quest’anno male e ha voluto cambiare in corso d’opera chiamando l’esperto mister Simone Marocchio. E’ una buonissima società che sta cercando di dare una scossa a tutto l’ambiente. Penso che potrà presto invertire il suo senso di marcia. Tutte le partite sono battaglie ma il Casaleone secondo me ha qualcosa in più delle altre, almeno in questo momento”.

Padovani è al 4° anno in rossoblu, in precedenza in Seconda categoria era entrato nella griglia dei play off per ben tre volte. "Mi avvalgo di uno staff tecnico molto preparato e la società non ci fa mai mancare nulla. Ci alleniamo in uno dei campi adiacenti allo stadio di Bovolone e alla domenica vedo molta partecipazione di pubblico e la cosa mi fa enormemente piacere. C’è il giusto entusiasmo che mi rende orgoglioso di guidare questo gruppo".

Padovani vive a Casaleone e vive sempre con trepidazione la domenica della partita. “Durante la settimana non vedo l’ora che arrivi la domenica pomeriggio per vedere all’opera i miei ragazzi. Dobbiamo stare attenti a mantenere alto l’entusiasmo e l’adrenalina che abbiamo nel serbatoio. Dobbiamo divertirci e divertire. Abbiamo anche un ottimo settore giovanile con ragazzi di provate capacità che sono pronti ad essere immessi in Prima squadra. Io amo lanciare i giovani quando ne ho la possibilità”.

Salutandoci Devis ringrazia mister Patrizio Minozzi, colui che gli ha dato entusiasmo ed insegnamenti nel calcio quando gli faceva da secondo (per ben dieci anni), suo padre Valentino, valido direttore sportivo, il dirigente Paolo Zambelli, che l’ha portato a Casaleone a fare il vice di Minozzi, e la compagna Katia, che lo segue sempre con trepidazione. L’intervista si chiude quà...in bocca al lupo mister!

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(946)