ULTIMA - 26/3/19 - PERDE LA VITA IN MOTO IL CAPITANO DEL MERLARA CANEVAROLO

Incidente mortale ad Ospedaletto Euganeo. Ieri sera alle ore 19 circa, Matteo Canevarolo, ragazzo di 44 anni di Saletto di Borgo Veneto era in sella alla sua Ducati Monster e stava rincasando dopo una giornata di lavoro (era un odontotecnico), quando si è improvvisamente schiantato contro la fiancata destra di un furgone che stava svoltando per entrare in un
...[leggi]

ULTIM'ORA

19/10/18
POLETTO (POL. VIRTUS): "VOGLIAMO FARE PIU' PUNTI POSSIBILI"

Ha tanti amici nel calcio il capitano rossoblu Daniele Poletto il quale festeggia quest'anno il suo sesto anno con la maglia rossoblu della Polisportiva Virtus. La fascia da capitano non gli pesa, come nel lavoro quotidiano e nella vita le sue responsabilità che affronta di petto, come anche nel calcio. Giocatore intelligente che sa caricare in campo i giovani della Virtus che dopo sei giornate è al 3° posto nel torneo di Promozione. Al primo posto c’è la corazzata Castelbaldo Masi con 18 punti e ben 6 vittorie consecutive. Al secondo non molla l’Albaronco del brillante mister Emanuele Pennacchioni con 16 punti e poi arriva appunto la formazione di Poletto e soci, affiancata dalla Seraticense del mister veronese Luca Cortellazzi, a quota 11 punti.

Domenica scorsa la Virtus ha vinto 2 a 1 sul terreno del Cadidavid allenato dall’esperto tecnico Armando Corazzoli. Dopo il gol del biancazzurro Alberto Menini, nella ripresa la Virtus è salita in cattedra e ha pareggiato con un gol di Mario Di Cristo e operato il sorpasso due minuti dopo col rigore trasformato dal talentuoso Paolo Forgia. Poletto era subentrato proprio a lui al 40° della ripresa. Da notare che per un fallo di reazione, il giovane centrocampista classe 2001 Yuri Brizzi, che era entrato in campo al 18° della ripresa al posto di Mezildzic, al 36° ha guadagnato anzitempo gli spogliatoi per un rosso diretto del direttore di gara Tosi di Vicenza dopo un fallo di reazione sull’avversario Taioli.

Afferma Poletto: ”Abbiamo giocato una partita di grande orgoglio e di personalità, soprattutto perchè siamo stati bravi a reagire dopo il primo gol. Siamo un gruppo forte e coeso, capace di rialzarsi sempre dopo le mazzate. Così abbiamo fatto a Cadidavid conquistando tre punti che fanno morale e classifica”. Resta con i piedi per terra il nostro Poletto: “Più punti facciamo i prima raggiungiamo il traguardo salvezza. In campo non servono le parole ma i fatti. Siamo un gruppo di giovani, anche se io non lo sono - e ride divertito -, che si fa rispettare. Sono arrivati nuovi elementi di valore che si sono subito ben integrati con i vecchi. Possiamo e dobbiamo fare benissimo per i nostri tifosi. Non ci poniamo limiti, andiamo avanti giornata dopo giornata”.
Tira simpaticamente le orecchie a Di Cristo, che ha già sbagliato tre rigori, ma il ragazzo si rifarà, visto che ha tutte le capacità per farlo. Stende un plauso a mister Alberto Baù, al secondo anno da queste parti. “Baù è un tecnico che sa molto di calcio. Ci carica nella maniera giusta ed è capace a risolvere le problematiche di noi giocatori. E’ stato un buon giocatore e mette in campo la squadra nella maniera giusta. Ci troviamo con lui alla perfezione”.

Non sono poche le favorite del girone A di Promozione, visto l’equilibrio di quest’anno: “Tutte le squadre del nostro girone possono mettere sul tavolo verde delle carte interessanti. Vedo in buona forma il Castelbaldo, una signora squadra, ma non scherzano nemmeno il Mozzecane, che si è rinforzato nella campagna estiva ed è una macchina da gol e una bella sorpresa, e l’Albaronco di mister Emanuele Pennacchioni che non molla mai. Noi possiamo essere una mina vagante, squadra giovane e molto sbarazzina. L’ambiente della Virtus è super. Organizzazione al top e lavoro duro. Non potevo, giocando qui, chiedere di meglio”.

Ha un sogno nel cassetto capitan Poletto: ”Nonostante io sia il più vecchio della mia squadra ho ancora tante energie da regalare al pallone. Vorrei giocare in eterno ma sappiamo che non è possibile. Mi piace vedere la mia Virtus in alto in classifica e mi godo ogni momento con passione”. Domenica prossima al "Gavagnin-Nocini" la Polisportiva Virtus ospiterà l’Oppeano di mister Ghirardello, una squadra in ripresa. Salutandoci Poletto dice: “Dobbiamo entrare in campo concentrati e determinati, vogliamo vincere e portarci avanti in classifica. Loro sono un avversario temibile e quadrato anche se un po' in debito d’ossigeno visto l’attuale posizione in fondo alla graduatoria. Noi non ci vogliamo fermare e continuare a dare spessore al nostro campionato”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(806)