ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

23/10/18
QUINTARELLI PARLA DEL BUON MOMENTO DEL SUO VALGATARA

Ospite della trasmissione “Lunedì in campo”, in onda ogni lunedì sera (dalle ore 21.15 fino alle 22.45) su Primafree tivù (canale 116 digitale terrestre), Massimiliano Quintarelli, classe 1998, parla della buona ripresa del suo F.C. Valgatara; squadra che lui stesso ha contribuito un paio di stagioni fa a far trionfare nel Trofeo Veneto di Promozione e ad accedere matematicamente in Eccellenza. “All’inizio” spiega Max, studente di Scienze Giuridiche a Verona “siamo partiti col freno a mano tirato perché dovevamo capirci. Infatti, abbiamo pagato il decollo con due sconfitte e un pareggio, poi, pian pianino, abbiamo cominciato a carburare sotto la guida di un tecnico giovane e preparato quale è Jody Ferrari”.

Due domenica fa, la sconfitta contro il Caldiero, preceduta dalla netta vittoria interna contro il Team S.Lucia Golosine e quella esterna a Sona e seguita, poi, l’altro ieri – alla 7^ giornata di andata – dal ritorno ai 3 punti con il colpaccio – 2 a 3 – messo a segno a Garda che fa schizzare a 10 punti “El Barça della Valpolicella”: “Ci sta perdere contro squadroni come il Caldiero” racconta l’estremo difensore di Fane di Negrar “non sono quelle le gare in cui possiamo contare di fare punti. Il Torneo di Eccellenza è bellissimo, siamo ancora tutte lì, raccolte in un fazzoletto di punti, dovremo fare i conti con squadre molto attrezzate, le gare sono tutte una sorta di finalissima!”

Un’F.C. Valgatara, che conta sullo zoccolo dei tre fratelli Aldrighetti (Leonardo, Carlo e Marco) e di Siro Franceschetti (1984): “Sì, ma che si nutre pure della grande esperienza di Matteo Lallo (1981) e di Alessandro Vecchione (1983). Vantiamo anche l’attacco più prolifico del girone con 14 centri, ma anche la difesa più perforata (14 le reti finora subite): ed è qui che dobbiamo migliorare il prima possibile!”

Gran para-rigori, Max, buon “cecchino” dal dischetto: doti che ha sfoderato proprio nell’entusiasmante Coppa vinta con i propri compagni a spese dei padovani del Casalserugo: “Eh, sì, sono due feste che sbagliamo la più facile delle opportunità. Bravissimo, domenica scorsa, il portiere del Garda, il 1994 Omar Montalenti. Ma, le gare si vincono sulla logica del gruppo affiatato e su quella performance che ci garantisce un valido preparatore atletico e vice-allenatore come Michele Mezzacasa da Fumane”.

Oramai una famiglia per “El Quinta”, l’F.C. Valgatara, una sorta di sua seconda casa: "Ero arrivato dopo il grave infortunio che mi ero procurato a Sant’Ambrogio, dove facevo il secondo del team rossonero guidato da un grande mister, quale è Tommaso Chiecchi. Possiamo, quest’anno, alla nostra seconda esperienza consecutiva in Eccellenza, toglierci delle belle soddisfazioni, perché siamo un gruppo unito e molto affiatato”.

Max dedica il suo buon momento alla famiglia, alla mamma, alla sorella Erika, alla fidanzata Federica; che frequenta il suo stesso Corso universitario: “La mia stella Cometa è papà Attilio, ex presidente del Fane Calcio e che da dieci anni a questa parte non solo non perde una partita mia ufficiale, ma nemmeno un allenamento. Davvero un grande papà, ed anche in questo mi reputo fortunato!”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(790)