ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

ULTIM'ORA

26/10/18
LA BELLA INIZIATIVA DEL MONTORIO CALCIO

CONTINUA LA CAMPAGNA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. ORA TUTTE LE MAGLIE DI TUTTE LE FORMAZIONI DELLA SOCIETÀ DEL MONTORIO PORTANO STAMPATO IL DISEGNO DI DUE SCARPETTE ROSSE

Purtroppo il tema della violenza sulle donne, è sempre di tragica attualità. La cronaca ci impone episodi che si tramutano in tragedie familiari. Le vicende di cui parlano i media, sono spesso inquietanti e sconvolgenti. La maggior parte delle donne violentate e coinvolte sono madri di famiglia e la violenza che sono costrette a subire, si ripercuote anche sui loro figli. E’ drammatico pensare che queste violenze colpiscono anche adolescenti che vengono maltrattate dai loro stessi padri. Ragazzine che sono costrette a portarsi dentro abusi e traversie familiari, più grandi di loro.

Alcune volte per la paura di qualche reazione negativa e pesante, rimangono in silenzio e subisco in silenzio. La capacità di reagire deve essere pronta. Bisogna gridare a pugni chiusi ad ogni forma di violenza. E’ vero che il dolore fisico prima o poi scompare e le ferite sulla pelle prima o poi si rimarginano, ma quello che subisce l’anima non se ne va via più. Bisogna andare a denunciare ogni forma di violenza. La denuncia non potrà cancellare il dolore e quello subito, ma può dare un contributo per che sia fatta giustizia.

Lodevole l’iniziativa del Montorio del presidente Lorenzo Peroni, neo promosso in Prima categoria, di stampare sulla divisa di gioco due scarpette rosse, aderendo così alla campagna contro la violenza. Ora tutte le squadre che compongono il pianeta del Montorio, sia a livello di settore giovanile che di Prima squadra, scendono in campo con questo disegno stampato sulla maglietta. "A nostro modo, - afferma Peroni -, abbiamo voluto ribadire, ma credo che non c’è ne sia bisogno, il nostro no ad ogni tipo di violenza fisica e verbale. Abbiamo pensato il simbolo da mettere sulle maglie con attenzione. Teniamo molto a questa cosa, monito per ognuno di noi".

Più del settanta per cento delle donne nel mondo, ha subito violenza almeno una volta nella vita. Lo ha detto recentemente il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon sostenendo che è una delle piaghe della società moderna. In Italia ogni anno crescono le vittime di femmicidio. Purtroppo i dati sono in crescita e non in ribasso. La data del 25 novembre di ogni anno è stata scelta per celebrare la giornata mondiale Onu contro la violenza sulle donne. In onore di tre sorelle Mirabei, eroine della lotta per la liberazione della Repubblica Domenicana, torturate ed uccise nel 1960 dagli agenti del dittatore Rafael Trjillo. Fa commuovere quando per celebrare la giornata, l’allora presidente della Repubblica, on. Giorgio Napolitano, nominò cavaliere della Repubblica Italiana, Lucia Annibali, l’avvocatessa di Pesaro, sfregiata con l’acido per ordine del suo ex fidanzato. La bella iniziativa del Montorio potrebbe essere allargata a larga scala. Auguriamoci che accada presto.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1261)