ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

ULTIM'ORA

29/10/18
IL LEGNAGO AFFONDA A COMO (3-0)

ESORDIO AMARO DI MISTER PAGAN CHE CAMBIA MODULO SENZA SUCCESSO. COMO FORTE MA LEGNAGO TROPPO TIMOROSO. DOMENICA TRASFERTA A PONTE SAN PIETRO.

Stadio Sinigallia di Como amaro per mister Pagan al debutto sulla panchina del Legnago dopo l’esonero di Manuel Spinale. Il Como vince come da copione, ma Legnago vicino al gol con Veratti che spreca un’occasione enorme. L’allenatore biancazzurro schiera un nuovo modulo un 3-3-5 condizionato dall’emergenza  per gli infortuni di Congiu,Taylor e Sylvestre e le squalifiche del difensore De Gregorio (2 turni) e del centrocampista Kouame (un turno). I tre difensori sono Rizzo, Talin e capitan Parrino, Righetti e Gaba controllano le fasce e collaborano con i centrocampisti Marin, Gulinatti e Michelotto, la manovra offensiva è affidata al tandem Veratti-Vita. In panchina il portiere della squadra nazionale juniores Alessandro Rosignoli (Colella accusa un leggero acciacco ad una caviglia) assieme a Lovato, Bruni, Dabo, Darraji, Sandrini, Matei, Cess e Zanetti.

Qualche minuto di ritardo per sistemare la rete di una porta non agganciata ad un paio di anelli. Dopo 2’  il Como con numerazione  personalizzata circa il gol con un tiro sballato di Gentile e con una conclusione alta di Borghese (7’). Al 14’ Como in vantaggio con un rasoterra di Borghese che beneficia di una difesa svagata in più giocatori. Al 18’ occasione per pareggiare dei biancazzurri: Gulinatti serve Veratti che libero di marcatura con un sinistro forte non inquadra la porta. Al 27’ il raddoppio degli azzurri locali su calcio d’angolo di Bovolon spizzato due volte e deviato in rete da Borghese. Il Como preme e trova applausi anche se sbaglia la mira. Al 34’ fallo di Anelli su Vita che batte la punizione altissima.

Nella ripresa il giovane Gaba tira a rete e conquista un angolo, poi Dell’Agnello sfugge a Parrino, ma non inquadra la porta. All’8’  tiro centrale di Vita. Al 10’ Cuoco devia in corner  un tiro di Cicconi. Al 18’conclusione di Veratti fuori bersaglio. Al 29’ il 3 a 0 locale sugli sviluppi di una punizione battuta da Celeghin che vede la difesa biancazzurra cercare di chiudere, ma capitan Gentile realizza di prepotenza. Al 31’ fallo di Parrino su Camarlinghi e cartellino rosso. Al 38’ sembra 4 a 0, ma il tiro di Dell’Agnello è fuori. Si accendoino i fari per l’oscurità e allo scadere Sandrini impegna il portiere del Como Bizzi. Tre minuti di recupero e la fine mentre l’altoparlante mette in onda la canzone di Celentano “Azzurro”e i giocatori locali vanno verso la curva per ricordare un loro tifoso scomparso. Il Legnago entra negli spogliatoi e pensa ad un’altra trasferta da non sbagliare domenica prossima a Ponte San Pietro.

Spogliatoi: Andrea Pagan in sala stampa dichiara. “Abbiamo subito tre gol su palle inattive e per una disattenzione difensiva. In emergenza per infortuni e squalifiche ho fatto scelte obbligate, ma abbiamo avuto anche qualche sprazzo importante. Zanetti? Ho creduto opportuno utilizzarlo a partita in corsa  per la sosta forzata per squalifica. Mi è piuciuto Marin. Domenica prossima dobbiamo far punti a Ponte San Pietro.” Il presidente del Legnago Davide Venturato: “Il Legnago è ancora convalescente.” Il direttore generale Mario Pretto aggiunge: “Abbiamo ripetuto il primo tempo della gara con il Ciserano subendo l’aggressività della squadra avversaria. Ci manca il coraggio e dobbiamo toglierci di dosso la paura. Il Como è squadra di qualità e sullo 0 a 1abbiamo avuto una palla gol con Veratti. Nella ripresa pericolosi con Vita e Veratti. C’è da lavorare e pensare alla partita con il Pontisola da affrontare con coraggio e grinta.” Per l’allenatore locale Banchini il Legnago ha subito un contraccolpo psicologico per l’esonero di Spinale e per il cambio di modulo dal 4-3-3 al 3-5-2.

Como (3-5-2): Bizzi, Bovolon (42’st Buono), Anelli, Gentile, Cicconi (19st Camarlinghi), De Nuzzo (47’st Balconi), Celeghin, Sbardella (32st Fusi), Borghese, Dell’Agnello, Piu (3’st Ferrari). All. Marco Banchini.
Legnago Salus (3-5-2): Cuoco, Rizzo, Righetti, Marin, Talin, Parrino, Gaba (17’st Bruni), Gulinatti, Veratti (21’st  Zanetti), Vita (42st Dabo), Michelotto (6’st Sandrini). All. Andrea Pagan
Arbitro: Campobasso di Formia
Reti: 14’pt Bovolon, 27’pt Borghese  Gentile 29st
Note: giornata bigia con pioggia a periodi. Spettatori 800 circa. Ammoniti  Anelli, Gentile, Vita. Espulso Parrino 31’st. Angoli 8-2 Recuperi 2’ e 3

Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(678)