ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

ULTIM'ORA

30/10/18
LE 100 GARE NEL VILLAFRANCA DI FILIPPO TANAGLIA

E, con la 6^ di andata, il centrocampista, mezz’ala, anche incontrista Filippo Tanaglia, classe 1990, ha tagliato il traguardo delle 100 presenze con la maglia del Villafranca di mister Alberto Facci e del diesse Mauro Cannoletta. “Ho iniziato a tirare i primi calci al pallone a Parona” racconta il festeggiato con una targa donatagli dalla società azulgranata, con su scritto “Per le tue 100 partite nel Villafranca, fai parte di noi” “poi ho svolto tutta la trafila delle giovanili (dagli Esordienti fino alla Primavera) del Chievo, quindi, 2 stagioni in C2 alla Giacomense di Ferrara, altrettante, sempre in C2, ad Alessandria, prima di vivere, quest’anno, la mia quarta avventura a Villafranca”.

Quest’anno siete tornati ad essere matricola nel girone “B” di Serie D…
“Faremo un bel campionato, anche se i risultati fino ad ora non rispecchiano il nostro gioco e il nostro impegno. Non meritiamo di occupare i bassi fondi della classifica, facciamo fatica a materializzare sotto porta, anche se il nostro gioco è migliore di altre avversarie già incontrate. Speriamo che oggi  a Ciserano - aveva detto domenica poco prima della gara poi vinta 4 a 1 - scocchi la prima vittoria del nostro rilancio”.

Che girone è il vostro?
“Un girone molto equilibrato, dove non si intravvede la squadra-materasso, e in cui bisogna lottare ogni domenica come fosse una finale di Champion League, prestando molta attenzione al minimo sbaglio, che ti può essere davvero fatale”.

E del Villafranca, cosa ci dici?
“E’ un gruppo di giocatori importanti e di esperienza, quali Stefano Bortignon, capitan Samuele Avanzi, Alessandro Elia, Pape Faye Ibou e “il vecchio solo – si fa per dire - di caserma” Michele Porcelli, con dei giovani di cui ne sentiremo parlare, ne cito uno per tutti, Pippo Pellacani, classe 1998. Il grande ritorno nella sua performance di Davide Foroni, classe 1994, prima infortunato, assieme alla giovane punta Marco Bertoli non possono che farci pensare che al meglio circa il nostro futuro”.

La tua squadra e giocatore del cuore?
“Il mio cuore è diviso tra il Milan e il Chievo: verso i “giallo e blu della Diga” nutro un sentimento di riconoscenza. Il mio giocatore ideale è Luca Modric, del Real Madrid”.

Filippo, oltre al calcio, è impiegato presso un’agenzia assicurativa e insegue il Master della quinquennale in economia e Commercio: “Tornando alla premiazione svoltasi durante la cena del giovedì scorso, confesso che mi ha fatto molto piacere leggere la scritta “sei uno di noi” nell’etichetta posta sulla targa. Ringrazio il presidente Mirko Cordioli, il diesse Mauro Cannoletta, e spero di ricevere tra qualche anno un’altra targhetta: quella delle 200 gare in azulgranata!”

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(630)