ULTIMA - 20/5/19 - ANDATA PLAY-OUT DI SERIE C: LA VIRTUS VERONA BATTE IL RIMINI (1-0)

Buona la prima per la Virtus Verona di mister Gigi Fresco oggi al "Gavagnin-Nocini" contro i biancorossi del Rimini di mister Petrone. I rossoblu si sono imposti 1 a 0 ed ora sono i veronesi a contare sul doppio risultato nel match di ritorno a Rimini dove potranno vincere o pareggiare per rimanere in serie C anche nella prossima stagione.
...[leggi]

ULTIM'ORA

6/12/18
CRISTOFALETTI: "MI SON DIMESSO DALLA MONTEBALDINA PER AMORE!"

Ce l'ha ancora dentro l'amarezza delle mancate prestazioni della Montebaldina: certi amori non finiscono mai, e mister Simone Cristofaletti (classe 1970, ex terzino-molosso del glorioso Lonardi San Floriano e della Lonardi Carianese) chissà quanto deve avere sofferto per prendere la più drastica delle decisioni che un mister è costretto ad adottare: "Sai, Caprino calcistica mi ha dato tanto, ma, credo sia stato un amore reciproco. Se mi sono dimesso (ciò è accaduto per la seconda volta nel suo rapporto con i montebaldini), l'ho fatto solo per il grande amore di una squadra che rappresenta il paese dove sono nato e dove tutt'ora vivo. E' il club del mio territorio, con la Montebaldina ho vinto due Coppe, mi ha consacrato alla fama di noi colleghi dilettanti, peccato non essere riuscito nell'impresa - quasi storica - di portare la mia squadra per la terza volta in Promozione".
 
E, il suo sacrificio ha subito prodotto la vittoria della Montebaldina, 1 a 2, sìdomenica scorsa in via Lussemburgo, in casa dell'U.S. Croz Zai: "E' quello in cui speravo, la vittoria di quelli che chiamo i miei ragazzi. Sai, quando vivi la squadra in un clima di grande amicizia, la confidenza rischia di farla da padrona. Mi spiego: noi ci conosciamo tutti, ci vediamo in piazza quasi tutti i giorni, abbiamo preso parte alle sagre di Caprino e del circondario, fatichi a farti seguire. Per carità, il rispetto reciproco non è mai mancato, ma quando si instaura un clima di fratellanza, beh, vuol dire che certi obbiettivi difficilmente li raggiungi, anche perché non sei più mica negli Amatori".
 
Poi, un piccolo auto rimprovero: "Qualcosa, lo ammetto, riconosco di aver lasciato correre anch'io, ma lo sbaglio non solo di alcuni atleti del Caprino e di altre nostre compagini dilettantistiche, ma anche di noi allenatori, è quello, forse, di vivere a volte degli allori del passato. Ma, questo, sia bene inteso, vale anche per ogni contesto della vita umana, dal lavoro alla famiglia, dalla compagnia di amici agli hobby preferiti. Quando pensi di averti costruito un buon bagaglio di esperienza, è la volta che rischi di fare autoreti, di cadere. E, lo dico da direttore commerciale di un'importante azienda per cui lavoro".

La Montebaldina lascerà presto le secche della bassa classifica: "L'ossatura c'è, i giocatori anche, da bomber Emanuele Bagata a Mohammed Rkaiba, al quale non si può rimproverare niente sotto il profilo realizzativo e quello dell'impegno e della generosità nei confronti delle punte, a Luca Pizzini e Luca Pace, a Riccardo Tomè e ad altri che adesso tralascio di citare. Basta un filotto di risultati utili consecutivi per risalire la china e c'è poi tutto un ritorno da giocare, all'interno di un girone "A" di Prima categoria, dove chi ha già salutato tutti è il SuperPescantinaSettimo del mio collega Gianni Canovo. Resto il primo tifoso gialloblu, quasi un dirigente aggiunto ai quadri che reggono la società, dal presidente ed amico Davide Coltri al vice Fabrizio De Beni, al diesse Luca Veronesi e a Salvatore Scolaro".

Pure mister Salvatore Piccinato, che domenica ha guidato la squadra alla vittoria contro il Croz Zai (che è il mister degli Juniores Provinciali gialloblu primi in classifica ed ancora imbattuti), è un suo grande amico. Ha ragione il grande Antonello Venditti: certi amori non finiscono mai. Contrastati e dolci allo stesso tempo, rimangono però eterni!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1284)